Sgomberi, scoppia la rissa tra toghe rosse

Magistratura democratica contro il giudice (Md) che ha chiesto il blitz

Roma - Gli scontri tra occupanti e poliziotti, dopo lo sgombero la scorsa settimana dell'edificio romano, sono avvenuti sotto le finestre di Palazzo de' Marescialli. Che si riapriranno mercoledì e uno dei consiglieri del Consiglio superiore della magistratura, Claudio Galoppi, si prepara a chiedere al plenum di ringraziare le forze dell'ordine per aver ripristinato la legalità e di esprimere la solidarietà dell'organo di autogoverno delle toghe dopo gli attacchi ricevuti.

Il togato di Magistratura Indipendente sarà domenica a Cernobbio con il vicepresidente del Csm, Giovanni Legnini e, secondo le indiscrezioni, intende parlarne con lui prima della riunione.

È un altro segnale di divisione tra le toghe, dopo la nota di Magistratura Democratica che chiedeva ai colleghi «un necessario cambio di rotta», per far «prevalere i diritti sociali e umani su quelli di proprietà». Una presa di posizione fortemente ideologizzata, che ha suscitato proteste nella base della magistratura, trasversali alle correnti. Alcuni hanno sollecitato un intervento dell'Associazione nazionale magistrati, che finora ha però mantenuto il silenzio. Come Area, il cartello di sinistra di cui la minoritaria Md fa parte con il Movimento per la giustizia.

Dietro a tutto questo c'è un elemento di forte imbarazzo tra le toghe progressiste perché a richiedere lo sgombero è stato Eugenio Albamonte, presidente dell'Anm ed esponente di spicco di Md, di cui il padre è stato uno dei fondatori. Il pm romano nel 2015 ha ottenuto dal gip il decreto di sequestro preventivo, con conseguente sgombero dell'edificio, per il reato di occupazione abusiva. Ci sono voluti 2 anni per arrivare all'intervento della forza pubblica e liberare il palazzo, occupato dal 2013 da centinaia di profughi soprattutto del Corno d'Africa.

Le toghe rosse, dunque, contestano in questo caso il provvedimento giudiziario del numero uno dell'Anm. Guidata dal segretario Mariarosaria Guglielmi, che in un'intervista al Dubbio mostra un approccio particolarmente ideologizzato alle questioni sociali, Md è in forte calo e, per alcuni, cerca visibilità spostandosi più a sinistra, anche in vista delle prossime elezioni al Csm.

La sua posizione sugli sgomberi è molto contestata dalla corrente moderata Magistratura Indipendente, che sostiene l'apoliticità delle toghe. «L'occupazione abusiva è un reato - dice il segretario di Mi, Antonello Racanelli- e come tale va punita. Sembra che Md torni alle origini, con interventi molto politicizzati, ma non credo che i magistrati debbano rispondere al suo invito perché le leggi vanno rispettate e i provvedimenti giudiziari eseguiti». Per molti anni, ricorda il giudice di Mi Mauro Gallina, della giunta dell'Anm, a Milano i pm hanno «chiesto l'archiviazione invocando lo stato di necessità», poi qualcosa è cambiato, diversi gip hanno disposto l'imputazione coatta e «al dibattimento erano solo condanne».

Commenti

@ollel63

Ven, 01/09/2017 - 08:55

il cancro metastatico italiano si chiama: "Toghe Rosse". Siamo ormai al capolinea. FINE dell'ITALIA.

Ritratto di oldpeterjazz

oldpeterjazz

Ven, 01/09/2017 - 08:57

magistratura komunista rovina dell'Italia

paolonardi

Ven, 01/09/2017 - 09:05

La riforma della magistratura, non quella annunziata dal contadino di Rignano che ha riguardato solo il periodo di ferie, dovrebbe prevedere un CSM indipendente con soli membri laici di comprovata cultura giuridica, l'abolizione della carriera automatica con concorsi e il ritorno negli ambiti che la Costituzione assegna al magistrato.

Sonostanco

Ven, 01/09/2017 - 09:32

'Un necessario cambio di rotta per far prevalere i diritti sociali e umani su quelli di proprietà '. Io sono ignorante in materia, quindi dovrei forse tacere, ma questa faccenda che i magistrati, anche loro, appartengano a organizzazioni che sembrano richiamare orientamenti politici, mi sembra strana e mi fa anche un po' paura. Ma scusate per un magistrato la sua 'bibbia' dovrebbe essere il codice civile, quello penale e la costituzione. Basta, perché intervengono con dichiarazioni che addirittura vanno contro decisioni dei loro colleghi?

Pitocco

Ven, 01/09/2017 - 09:34

Crisi di identità o sotto-sotto c'è qualcosa che non ci è dato a sapere?

Ritratto di gianky53

gianky53

Ven, 01/09/2017 - 09:37

Magari le toghe rosse si scannassero tra di loro fino ad eliminarsi l'un l'altro. Ci farebbero un grosso favore.

giovanni PERINCIOLO

Ven, 01/09/2017 - 09:41

Forse sarebbe il caso che a intervenire fosse Mattarella. E' o non é lui il capo della magistratura e non ritiene sia giunto il momento di ricordare ai magistrati (sic!) "democratici" che le leggi le fa il parlamento e che loro sono chiamati a farle rispettare e applicate anche quando non sono di loro gradimento??

Sonostanco

Ven, 01/09/2017 - 09:42

Aggiungo una considerazione. Ma un esponente delle forze di polizia, non parliamo dei carabinieri perché loro sono militari, può esprimere pubblicamente le proprie idee su questioni di ordine pubblico? Tutti questi signori,che siano magistrati, poliziotti, carabinieri ecc, sono dipendenti dello Stato e credo debbano seguire le regole appunto dello Stato. Qua invece mi sembra che pubblicamente, ed è qui il problema, ognuno possa esprimere la propria opinione anche quando magari esiste un art civile o penale che dice il contrario. Se ritengono che ci siano problemi, cambino o facciano in modo di cambiare il c.c o il c.p.,ma non in televisione o sui giornali

rudyger

Ven, 01/09/2017 - 09:43

tutta manfrina.

Marcello.508

Ven, 01/09/2017 - 09:54

Questo perchè le regole attuali sono alquanto interpretabili. Non si può che dare la colpa esclusivamente al legislatore, cioè il parlamento, incapace di fare leggi adeguate e chiare.

Ritratto di dardo_01

dardo_01

Ven, 01/09/2017 - 09:59

Un mio vecchio amico avvocato, fra l'altro di sinistra, sosteneva che la peggiore forma di corruzione della magistratura è quella ideologica!

blackbird

Ven, 01/09/2017 - 10:18

La veccia strategia dà i suoi frutti. E' più importante occupare Magistratura e Scuola che detenere da subito il potere esecutivo e legislativo!

Ritratto di Risorgere

Risorgere

Ven, 01/09/2017 - 10:23

Dura lex sed lex. Rimandate questi ciarlatani sui banchi dell'università a imparare l'abc del diritto.

PiazzaAntonio2016

Ven, 01/09/2017 - 10:23

NON C'E' NULLA DA FARE....QUESTA MAGISTRATURA ROSSA HA ROVINATO L'ITALIA CON LE IDEOLOGIE DI SINISTRA.

scalette

Ven, 01/09/2017 - 10:24

è urgente una riforma della giustizia. il CSM deve essere ELETTO DAL POPOLO.

BRAMBOREF

Ven, 01/09/2017 - 10:34

GIGI88 Questi magistrati sono tutti di parte, quindi non andran no mai d'accoro.

Ritratto di franco.brezzi

franco.brezzi

Ven, 01/09/2017 - 10:41

Non getteranno mai spontaneamente alle ortiche i loro esilaranti "rossi" paludamenti! Sarà necessario che troviamo noi, qualcosa di "spintaneo".

tonipier

Ven, 01/09/2017 - 10:43

" LA FUNZIONE DEL GIUDICE" Non vi può essere società senza diritto: oggi esiste solo il diritto, dei dritti.

Popi46

Ven, 01/09/2017 - 11:06

@@ollel63- no fine dell'Italia, rinascita dell'Italia se le toghe rosse con i loro deliri ideologici saranno sconfitte! (Speriamo)

tonipier

Ven, 01/09/2017 - 11:09

"TOGHE ROSSE?" Il male del nostro paese. Il prestigio della funzione giurisdizionale è stato largamente compromesso non soltanto dall'esempio comunista di corruzione che la degenerazione sindacalpartitocratica ha diffuso in tutti i settori della vita sociale, ma anche dai criteri di selezione dei magistrati.

VittorioMar

Ven, 01/09/2017 - 11:18

...HANNO PERSO LA "VERGINITA'" DELLA INDIPENDENZA..!!

Ritratto di claudio52

claudio52

Ven, 01/09/2017 - 11:46

DA QUANDO I SINISTRATI SONO ARRIVATI NELLA SALA DEI BOTTONI HANNO RIDOTTO L'ITALIA ALLO SFACELO. DA OGNI PARTE DOVE GUARDI CE MISERIA SFACELO,DISTRUZIONE , ROVINA ,DECADENZA,CORRUZIONE ED ARROGANZA..............ETC, ETC,. MAH ?

lawless

Ven, 01/09/2017 - 11:49

un castello di sabbia non può che crollare, chiamate alle proprie responsabilità in un momento di défaillance governativa le toghe rosse traballano perché palesemente screditate e la loro ideologia si manifesta in tutta la sua nefandezza. Un riscatto anche in questo campo, proprio come è accaduto con le ong, di personaggi avulsi dal carrozzone di politicanti privi di scrupoli e nemici del popolo non può che suscitare gioia e far intravedere la fine del tunnel che per decenni ha reso il paese "fuorilegge" alla mercè di "giudici" politicamente orientati che "interpretando" le leggi anziché applicarle hanno ridotto l'italia in macerie.

honhil

Ven, 01/09/2017 - 11:49

Come dire che i centri sociali sono, ideologicamente, tutti figli di Md. La magistratura, insomma, è la madre dell’attuale caos. Riformarla, a questo punto, è un imperativo morale. E il Quirinale? Dorme.

swiller

Ven, 01/09/2017 - 12:06

Il cancro del paese.

frabelli1

Ven, 01/09/2017 - 12:11

Quando la "giustizia" è politicizzata la "Giustizia" è morta.

Klotz1960

Ven, 01/09/2017 - 12:18

In molti Paesi democratici MD verrebbe considerata una associazione politica incompatibile con il corretto esercizio della funzione giurisdizionale. In Italia non ce ne rendiamo proprio conto.

Ritratto di marystip

marystip

Ven, 01/09/2017 - 12:20

Chi tocca la Magistratura (vero cancro dell'Italia) muore.....infettato.

Giorgio Colomba

Ven, 01/09/2017 - 12:25

Parafrasando il titolo di un fantafilm anni Cinquanta, l'invasione dell'Ultracasta (in toga) è la peggior iattura che ha colpito il Paese dai tempi del loro plumbeo antesignano, il "Migliore" primo guardasigilli, e che persiste tuttora.

Maura S.

Ven, 01/09/2017 - 12:28

La magistratura = APOLITICA= Allora anche gli asini possono volare.

rivarocci

Ven, 01/09/2017 - 12:35

Se si toglie in uno stato il diritto di proprietà,,che cosa rimane della legalità ? Solo Tutto diventerà una giungla!Questo è comunismo della specie più schifosa!

Ritratto di stenos

stenos

Ven, 01/09/2017 - 12:38

Piazzategli i migranti sotto casa. Cosi tanto per cominciare.

Ritratto di orione1950

orione1950

Ven, 01/09/2017 - 12:51

Cose di un altro mondo!! ma che significa stato di necessità? si giustifica un ladro solo perché aveva bisogno di rubare? se avesse lavorato non ci sarebbe stata la necessità! "A carne a’ sotto e i maccarun ngopp" vecchio detto napoletano che descrive lo stato attuale dell'Italia. I giudici non hanno capito che debbono applicare la legge e che i sentimentalismi e le ideologie debbono lasciarli agli altri.

fedeverità

Ven, 01/09/2017 - 13:00

Voi non siete Giudici...voi siete POLITICI!!! VERGOGNATEVI!

i-taglianibravagente

Ven, 01/09/2017 - 13:04

chi ci liberera' mai da questa gente?

dietricheckart

Ven, 01/09/2017 - 13:11

Il marxismo è l'esaltazione del caos e della distruzione,per fermarli ci vogliono metodi drastici altrimenti faremo una brutta fine.e un giorno il mondo intero si renderà conto che l'ultimo avatar aveva perfettamente ragione a combatterli fino alla fine

evuggio

Ven, 01/09/2017 - 13:35

Terroristi in pectore!!!!!!!

luna serra

Ven, 01/09/2017 - 13:39

per far «prevalere i diritti sociali e umani su quelli di proprietà» mi auguro che i migranti occupino qualche stabile di proprietà di questi magistrati o loro famigliari per vedere cosa fanno

agosvac

Ven, 01/09/2017 - 13:42

Non ho capito bene cosa sostenga questa "toga rossa"( Rossa sta forse per comunista?), dice che la proprietà privata che è all'origine di ogni civiltà, passa in secondo luogo rispetto ai diritti umani e sociali! Che vuol dire??? Forse che lo Stato o, meglio, la magistratura, ti può togliere ciò che è tuo e che ti sei guadagnato col sudore della fronte per darlo a chi non ha mai fatto niente di niente??? Urge totale riforma della magistratura!!!!!!!

F.C.G.

Ven, 01/09/2017 - 13:43

Coloro che non condividono un elemento basilare del diritto dei paesi civili, come la proprietà privata, o lo vedono soggetto a forti limitazioni, versano in una condizione di incompatibilità sostanziale con le funzioni di amministrazione della giustizia.

27Adriano

Ven, 01/09/2017 - 13:50

Definiamo le cosa con il loro preciso nome: Magistratura anarkica rossa! No ha nulla a che vedere con la Giustizia.

Yossi0

Ven, 01/09/2017 - 14:35

chissà perché sono convinto che l amministrazione della giustizia e della legalità prescinde dall ideologia o peggio dalla religione. Le leggi sono le leggi e vanno rispettate in primis dai lagistrati e fatte applicare, sopratutto da chi è anche profumatamente pagatp dai contribuenti.

Ritratto di alejob

alejob

Ven, 01/09/2017 - 15:02

@marystip, i togati Italiani non erano nei Tribunali stranieri negli anni SESSANTA, dove un giudice disse: (VERDAMMTE ITALIENER VERBRECHER). Non erano con questa affermazione apostrofati solo i migranti "DELINQUENTI", ma tutto il popolo Italiano, perché non avevano avuto dall'ALTO, il giusto comportamento CIVILE. E' da DECENNI che in Italia si deve dare una svolta alla Magistratura, la quale deve SOLO SVOLGERE la mansione del RISPETTO della LEGGE e non della POLITICA.

VittorioMar

Ven, 01/09/2017 - 16:14

...PER MOLTI MAGISTRATI,IL POPOLO ITALIANO E' " DELINQUENTE"...LA CASA E' UN FURTO NON UNA CONQUISTA,QUINDI NON HA DIRITTI!!..TUTTI GLI ALTRI HANNO SOLO DIRITTI E NON HANNO DOVERI (vedi CRIMINALI COMUNITARI OD EXTRA COMUNITARI,IMMIGRATI CLANDESTINI E NON...ROM ...Ecc)!!!...SOLO CHE LA DIFFERENZA E' CHE IL LORO "LAUTO" STIPENDIO VIENE PAGATO DAGLI ITALIANI DELINQUENTI..CHE PER LA FAMOSA REGOLA TRANSITIVA SONO ...!!

altanam48

Ven, 01/09/2017 - 16:18

Credo proprio che qualcuno di loro la stia facendo fuori dal vasino.... Occhio gente! La cosa potrebbe non essere gradita a molte persone.......E in ogni caso, fino a prova contraria, non dovrebbero essere i magistrati a decidere quale sia in concreto la funzione e le tutele della proprietà, ma la legislazione vigente che, specie in campo penale, non può essere lasciata all'inventiva di ciascun giudice.

effecal

Ven, 01/09/2017 - 16:21

non c'è niente da fare, un komunista qualsiasi cosa faccia è sempre un komunista.

Ritratto di Uchianghier

Uchianghier

Ven, 01/09/2017 - 16:22

Ah avere un Maduro oppure un Erdogan in Italia contro certa giustizia.

giza48

Ven, 01/09/2017 - 16:35

Cari Italiani non c'è niente da fare la prima riforma costituzionale da fare con referendum del popolo è quella della magistratura. Separazione delle carriere tra PM e giudice, impossibilità di partecipare come candidato ad elezioni politiche, pena esclusione dall'ordine giudiziario, eliminazione delle fazioni politicizzate organizzate, responsabilità civile per le sentenze applicate in maniera dolosa. Dopo di queswto avremo una nuova Italia.

rossini

Ven, 01/09/2017 - 16:55

Le tre Organizzazioni nocive che vogliono distruggere l'Italia sono il PD, la Chiesa Cattolica e la Magistratura Rossa. Dobbiamo combetterle come la peste.

giseppe48

Ven, 01/09/2017 - 17:06

Cara Maura s Solo il Chievo a gli asini che volanon, invece questi sono pantegane politiche

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Ven, 01/09/2017 - 17:20

"nota di Magistratura Democratica che chiedeva ai colleghi «un necessario cambio di rotta», per far «prevalere i diritti sociali e umani su quelli di proprietà»." Non sciupate tante parole per dire semplicemente: "esproprio proletario". Coercizione violenta?

mariod6

Ven, 01/09/2017 - 17:33

Questi parrucconi attaccati al vecchio Partito Comunista pensano di essere ancora a Mosca o a Pechino dove i magistrati rossi facevano quello che gli pareva. Non hanno ancora capito che i loro privilegi e le loro idee bislacche sono finiti e che devono rintanarsi nelle soffitte a meditare sui danni che hanno fatto. E pensare che il capo di questa masnada di scansafatiche è il Presidente della Repubblica !!!!

ilbarzo

Ven, 01/09/2017 - 18:17

Esitono solo le toghe rorre? Quelle fasciste non le abbiamo!

ilbarzo

Dom, 03/09/2017 - 19:15

Peccato che in magistratura non abbiamo anche le toghe nere.Spero che non tardiano ad arrivare per poter comparare con le toghe rosse.