Sicurezza e fino all'1% annuo con un pizzico di dollari e Btp

L'obiettivo primario di questo investitore tipo è quello di difendere il capitale cercando, se possibile, un piccolo rendimento nell'arco di 6-12 mesi

L'obiettivo primario di questo investitore tipo è quello di difendere il capitale cercando, se possibile, un piccolo rendimento nell'arco di 6-12 mesi, in modo da dormire sonni tranquilli a prescindere da come evolve la situazione post Brexit. Il portafoglio suggerito è composto per un 40% da un deposito bancario, per il 30% dal Btp Italia 23.4.2020, per il 20% da Etf e fondi monetari euro e per il restante 10% da un Etf o fondo monetario area dollaro americano. Un portafoglio di questo genere potrebbe generare un rendimento dello 0,50% su base annua che potrebbe diventare anche di un punto percentuale qualora la moneta americana si rivalutasse del 5% rispetto all'euro (cioè il fixing euro/dollaro passasse dall'attuale 1,10 all'1,05) oppure se il tasso di inflazione salisse oltre l'1 per cento.

Il punto debole di questo portafoglio è rappresentato da un'eventuale forte svalutazione del dollaro (al momento non prevista) che potrebbe azzerare ogni guadagno atteso. Per quanto riguarda la scelta del conto di deposito è assolutamente necessario selezionarlo in funzione non soltanto del rendimento offerto ma soprattutto alla solidità patrimoniale del singolo istituto: il paradigma di riferimento è il Cet 1. È inoltre consigliabile prediligere le proposte che non prevedono spese di apertura conto, spese di gestione e nemmeno costi per le operazioni effettuate.