Il silenzio elettorale ai tempi di Facebook

De Luca e Salvini parlano sui social a meno di 24 ore dal voto: la legge sul silenzio è ormai superata

Il silenzio elettorale al tempo dei social ha ancora un valore? Formalmente no. Infatti la legge che disciplina la materia è del 1956 (con integrazioni del 1975) e, in particolare, stabilisce che: "Nel giorno precedente ed in quelli stabiliti per le elezioni sono vietati i comizi, le riunioni di propaganda elettorale diretta o indiretta, in luoghi pubblici o aperti al pubblico, la nuova affissione di stampati, giornali murali o altri e manifesti di propaganda". Nel 1985 il legislatore diede regole anche in merito alla comunicazione radiotelevisiva. Poi arrriva internet e i social network. Ma la norma non viene aggiornata. Così chi usa i social media può fare campagna anche nei giorni di silenzio elettorale.

Ed è il caso di Matteo Salvini che su Facebook ha scritto: "ltri 4.243 clandestini in arrivo in Italia. Altri morti, altri scafisti soddisfatti, altri milioni per le cooperative. Chi non vota domani è complice dell’invasione in corso". E non è da meno Vincenzo De Luca: "Abbiamo bisogno di una mobilitazione straordinaria. Non può essere sprecato nessun voto", ha scritto il sindaco di Salerno su Facebook. De Luca fa anche un appello a chi vuole esprimere un voto "di rabbia, di protesta" e dice che "se c’è qualcuno che può interpretare la rabbia dei cittadini contro la politica politicante" è lui.

Commenti

magnum357

Sab, 30/05/2015 - 15:34

Andrebbero mazziati bene questi disonesti del PD, loro i moralizzatori magna magna !!!!!

linoalo1

Sab, 30/05/2015 - 15:52

Con i tempi che corrono e con il Progresso Tecnologico raggiunto,solo degli Ignorantoni,possono pretendere la Par Condicio ed il Divieto di Propaganda il giorno prima delle Elezioni!Altri punti per cui,tutto il Mondo ci deride!