Sindaci rossi in rivolta ​contro i tagli di Renzi

Sindaci in rivolta contro i tagli. Marino: "Misure insopportabili". E De Magistris: "Il governo è irresponsabile". Giovedì vertice con Fassino

"L'Iva nel 2016 non aumenterà. Credo che annulleremo le clausole di salvaguardia già con le misure contenute nel Def. Ma non esiste nel modo più categorico che ci sia aumento delle tasse". Parola di Matteo Renzi. L'intervista al Messaggero con le solite promesse del premier è andata di traverso ai sindaci che da giorni sono sul piede di guerra contro i tagli imposti dal governo. A guidare la protesta è il successore di Renzi alla guida del Comune di Firenze, Dario Nardella. al suo fianco si sono schierati altri sindaci rossi, come Ignazio Marino e Luigi De Magistris. Giovedì prossimo, alla vigilia della stesura del Def che prevedere nuovi tagli e razionalizzazioni nel trasporto e nelle aziende per i rifiuti, incontreranno a Roma il presidente dell'Anci Piero Fassino per decidere come opporsi.

Mentre Renzi promette che la nuova manovra economica non porterà un aumento delle tasse, i sindaci sanno già che i tagli del governo li obbligheranno a inventarsi nuovi balzelli per continuare a garantire i servizi comunali. In cantiere ci sono, infatti, tagli per 2,2 miliardi di euro. Una buona fetta toccherà proprio a Firenze, Roma e Napoli. Se Nardella dovrà fare a meno di 26 milioni, Marino sarà obbligato a trovare la quadra con 87,2 milioni in meno. A De Magistris, infine, razionalizzeranno la bellezza di 65,8 milioni di euro. "I tagli ci porteranno a mettere le mani sulla pressione fiscale a livello metropolitano e territoriale - ha spiegato il sindaco che è anche coordinatore delle città metropolitane dell'Anci - non so come riusciremo a sopportare un taglio del 23%. Qualunque azienda con un taglio al budget di un quarto non sarebbe in grado di sopravvivere".

In una intervista a Repubblica, parlando di "misure insopportabili", Marino ha proposto al governo di "concordare insieme strade alternative per effettuare i tagli alla spesa pubblica". Gli 87 milioni di tagli previsti dal governo per il 2015 potrebbero lievitare fino a 175 milioni nel 2016 e a 262 milioni nel 2017. "Cinque volte superiori a quelli imposti a Milano, quattro volte quelli imposti a Torino - ha continuato il primo inquilino del Campidoglio - non voglio scatenare assurde guerre fra poveri, ma mi limito a segnalare un paradosso". "Finora siamo riusciti a risparmiare senza tagliare i servizi - ha aggiunto - ma in queste condizioni non è più possibile farlo. E se tagliamo servizi e mettiamo nuove tasse - ha concluso - siamo poi noi sindaci che dobbiamo andare a metterci la faccia di fronte ai cittadini". E, come contro misura, ha subito ventilato una tassa di 1 o 2 euro sui transiti aeroportuali.

Sul piede di guerra anche De Magistris che, sempre ai microfoni di Repubblica, ha parlato di "governo irresponsabile" e "manovre irragionevoli". "Hanno messo in bilancio un risparmio di un miliardo e ora per le incongruenze delle loro manovre finanziarie fanno pagare ai cittadini un prezzo troppo alto - ha continuato il sindaco di Napoli - questi tagli andranno a toccare un terzo del Paese". Il primo cittadino partenopeo ha, quindi, paragonato il governo a "sarti della finanza che fanno tagli irresponsabili". "Dietro questa deriva sartoriale ci siano delle manine politiche che vogliono colpire aree strategiche del Paese - ha aggiunto - c'è una riforma appena nata, quella delle città metropolitane, e invece di mettere in campo ogni iniziativa per sostenere queste macro aree urbane - ha concluso - gli si spezzano le gambe sul nascere, per giunta con un criterio di distribuzione dei tagli assolutamente illogico".

Commenti
Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Dom, 05/04/2015 - 12:23

toh... i cretini della sinistra si stanno svegliando ora!!! però l'allarme lo ha dato per primo berlusconi, e loro non hanno voluto ascoltarlo!!! adesso è tardi per lamentarsi, scemi di sinistra!!!!

Ritratto di ammazzalupi

ammazzalupi

Dom, 05/04/2015 - 12:37

I komunisti, dopo essersi mangiati tutto, si ribellano al KOMUNISTA! Avanti popolo...!!!

VittorioMar

Dom, 05/04/2015 - 12:44

...sono in grado di giustificare gli sprechi e quantificali?Conoscono il patrimonio immobiliare in loro possesso?Sanno gestire le aziende municipali?Il loro personale?I loro bilanci sono tutti regolari?Prima di chiedere fatevi l'esame della realta?

Ritratto di Nopci

Nopci

Dom, 05/04/2015 - 13:03

ITALIA? Questi sono le sanguisughe che ti faranno morire. Nominati Scialacquoni e Succhiatori del Sangue degli Italiani. Il DEFAULT SARA' nel 2016 con il debito a 2.999.999.999€. BUUUUUUUUUUUUUUM............

linoalo1

Dom, 05/04/2015 - 13:08

Non vedo rivolte di alcun tipo da parte dei Sindaci Sinistrati!!Anzi!!

agosvac

Dom, 05/04/2015 - 13:26

I sindaci rossi insorgono contro il loro protettore perché se gli toglie i soldini ne hanno di meno da dare alle coop rosse ed ai malavitosi che le supportano!!!!! L'articolo fa riferimento a de magistris e marino, ma mettiamoci anche pisapia: mai come ora Milano, Roma e Napoli sono state così degradate!!!

Ritratto di 02121940

02121940

Dom, 05/04/2015 - 13:45

Vedo la foto dell'ineffabile sindaco Marino, notoriamente ciclista, che si lamenta degli "insopportabili" tagli di Renzi. Se il comune di Roma non ha i soldi diminuisca le spese. Cominci con il rinunciare alla mania di costruire piste ciclabili, che non interessano il 90% della popolazione, preferendo mantenere i pochi posti per parcheggiare le auto.

Ritratto di 02121940

02121940

Dom, 05/04/2015 - 13:45

Vedo la foto dell'ineffabile sindaco Marino, notoriamente ciclista, che si lamenta degli "insopportabili" tagli di Renzi. Se il comune di Roma non ha i soldi diminuisca le spese. Cominci con il rinunciare alla mania di costruire piste ciclabili, che non interessano il 90% della popolazione, preferendo mantenere i pochi posti per parcheggiare le auto.

ghorio

Dom, 05/04/2015 - 14:23

I lamenti dei comuni sono il nuovo rituale italiano. Ma che qualcuno dica bisogna tagliare gli sprechi e i privilegi, anche a livello periferico. Mai che nessun sindaco dica : il personale è troppo, l'organizzazione gerarchica va cambiata, etc. Infatti : prendiamo il segretario comunale, è stato cerato l'incarico di direttore generale, di City manager e funzionari e dirigenti vari, con grande spreco di danaro pubblico. E si potrebbe continuare con centinaia di esempi.

gioch

Dom, 05/04/2015 - 15:24

I soliti disfattisti.Lasciamolo lavorare e "state sereni".

angelomaria

Dom, 05/04/2015 - 15:27

CON QUELLO CHE AVETE RUBATO FARESTE MEGLIO A TACERE!!!!

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Dom, 05/04/2015 - 16:14

L'INVIDIA È PIÙ GRANDE DELLA PERSONA: per nascondere la loro miseria morale, avessero una morale di qualche tipo suppongo sia simile all'istinto feroce di animale, sono andati a rivoltare le coperte del loro antagonista politico. Simili animali erano e tali e quali hanno dimostrato di esserlo.

Luis53

Dom, 05/04/2015 - 16:51

Una nuova tassa e poi l'aiuto vi arriva come sempre state sereni

FRANZJOSEFF

Dom, 05/04/2015 - 17:29

AVETE PAURA CHE NON POTEVATE DARE PIU' SOLDI AI VOSTRI AMICI ZINGARI E AMICI DI PARTITO? IL NIPOTINO RENZI VI AIUTERA'

eternoamore

Dom, 05/04/2015 - 18:14

SE NON ARRIVATE CARI SINDACI A FINE MESE, ANDATE A LAVORARE NEI CAMPI E NON ROMPETE I COGLIONI ALLA GENTE

Ritratto di silviste

silviste

Dom, 05/04/2015 - 18:15

Io, operaio e vice-sindaco di un Comune di montagna di 1100 anime, posso solo dire che sono stufo del fatto che tutti sono pronti a prestare attenzione alle lamentele dei sindaci dele grandi città, quando a pagare i tagli del governo sono soprattutto i picoli comuni o meglio i loro abitanti. Comuni che sicuramente nulla sprecano, perché con le poche risrse non c'è nulla da sprecare a differenza di Marino, Pisapia, Fassino & co. che continuano a sprecare nonostante i tagli. Sono stufo che la stampa da voce solo a questi sindaci che non sono rappresentativi della realtà comunale italiana, fatta di Comuni medio piccoli che grazie ai sacrifici di aministatori e cittadini continuano a sopravvivere.

Ritratto di DASMODEL

DASMODEL

Dom, 05/04/2015 - 18:44

Toh, i lupacchiotti... appena tocchi loro le "tasche" vorrebbero azzannare il maschio Alfa -alias peppa-pig-.... Impuniti spreconi, ladri e miserabili fate sch...!!!E sono gentile! Ps: Auguri a voi tutti ragazzi/e. :-)

ilbarzo

Dom, 05/04/2015 - 18:48

Per buona fortuna i tagli li ha fatti Renzi, un governo di sinistra,anzi comunista.Se l'avesse fatto Berlusconi o qualsiasi altro governo di destra,ogni giorno si sarebbero riempite le piazze di scalmanati comunisti.Questi con la scusa di protestare,ogni volta ne approfittano per mettere a ferro e fuoco le città,come normalmente succede.Poveri dementi.....

Ritratto di Gigliese

Gigliese

Dom, 05/04/2015 - 19:21

KOMPAGNI L'AVETE VOLUTO IL BANANA ADESSO MANGIATEVELO.

Ritratto di marione1944

marione1944

Dom, 05/04/2015 - 19:27

Cari sindaci, con quello che avete sprecato e continuare a sprecare inutilmente, con quello che avete regalato e continuate a regalare a destra e manca (più a manca che a destra) e con quello che vi siete e vi state ancora intascando fareste bene a stare zitti e sperare che qualche magistrato onesto non scoperchi il pentolone. Se è vero che il lavoro nobilita l'uomo allora voi siete dei poveri ignoranti per quello che non avete fatto.

Ritratto di marione1944

marione1944

Dom, 05/04/2015 - 19:30

Voi la faccia è meglio che non ce la mettiate, guardatevi allo specchio e capirete perché. Disonesti e null'altro che disonesti.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Dom, 05/04/2015 - 20:28

SILVISTE, la sola arma che lei può avere, è quella di affidarsi alla destra, l'unica area in grado di contrastare le deficienze della sinistra .... sicuramente lei sa benissimo che la sinistra se ne strafotte dei problemi dei piccoli comuni, poichè il loro principale problema è raggranellare i soldi per mantenere il loro status di ricchi!!

Ritratto di RaddrizzoLeBanane

RaddrizzoLeBanane

Dom, 05/04/2015 - 20:45

Ma io mi chiedo..com'è possibile che un governo di sinistra possa tagliare la spesa pubblica se il suo elettorato di riferimento è composto prevalentemente da dipendenti pubblici..il cazzaro di Pontassieve continua a confermarsi per quello che è..

Ritratto di komkill

komkill

Dom, 05/04/2015 - 20:57

Purtroppo il popolo riceve quello che si merita, i kompagni sindaci e governatori li hanno votati ed ora ce li godiamo. L'unica cosa che sanno fare è aumentare le tasse e ridurre i servizi tanto che qualcuno comincia a pensare che i conti non tornano. Se qualcuno avesse la pazienza di "seguire il denaro" probabilmente scoprirebbe tanti modi che i kompagni usano per fare la ridistribuzione ai loro amici.

jeanlage

Dom, 05/04/2015 - 23:02

Sentire Giggino o' Guappo, Panda-Rossa e Abbiamo-una-banca parlare di irresponsabilità, c'è da crederci. Loro sono di campioni mondiali e dei professionisti in materia.

Lino.Lo.Giacco

Lun, 06/04/2015 - 08:57

bel modo di fare il sindaco se bisogna ( e si deve) eliminare i gia' troppi spechi , bisogna che i sindaci e gli assessori e tutti quelli che succhiano alle mammalle pubbliche, facciano dei passi indietro, provino a migliorare l'efficienza, provino a far pagare inbiglietti del tram, provino a far lavorare i vigil,i netturbini, i socialmente utili, provino a far lavorare seriamente i dipendenti pubblici e soprattutto provino a lasciare qualche privilegio di troppo. Forse potremmo farcela! se in una famiglia abituata a vivere con tre stipendi ad un tratto ne viene a mancare uno o due cosa si fa? si continua a spendere come prima o si scelgono le priorita? Bene i sindaci e i loro dirigenti devono fare come i buoni padri di famiglia se non ci sono risorse si cerca di efficentare mantenendo dignita verso tutti i componenti ma necessariamente si dovranno fare dei sacrifici non lamentele o minacce SACRIFICI e i primi dovranno essere proprio loro un certo Blasi ha gia' cominciato