Una sinistra ossessionata e ancora senza guida

La sinistra di sinistra, liberata dall'ingombro di un cervello ideologico, corre come un pollo decapitato intorno all'idea che non si debba decidere chi sarà il leader, perché altrimenti farebbe il gioco di Renzi che farebbe il gioco di Berlusconi.

L'ossessione della sinistra è sempre Berlusconi. E dopo il ritorno venerdì sera in grande potenza del leader di Forza Italia in televisione, l'ossessione è diventata isteria perché ancora una volta è apparso evidente (troppo evidente) che quel leader dimostra la prevalenza della leadership e che la leadership chi non ce l'ha non se la può dare. Non avendo nelle sue file un solo leader ma solo imitatori e comici come Bersani, la sinistra fa finta che la scelta finale derivi dall'inutile dibattito sugli eterni «problemi del Paese». Il mondo democratico ha da oltre mezzo secolo dimostrato che la politica si fa dal tetto delle idee e non dalle catacombe del passato, proprio perché in ogni grande Paese si parte sempre dal leader e dal torneo fra aspiranti leader.

Ma questa verità fa impazzire la sinistra perché teme che la leadership di Berlusconi faccia crescere, per imitazione, Matteo Renzi, emulo-competitor del leader di Forza Italia, cresciuto in un ecosistema berlusconiano, dipinto, senza averne colpa né statura, come un «piccolo Berlusconi» o «il prossimo Berlusconi». Ciò spiega anche perché sia inevitabile che Renzi tenda oggi disperatamente la mano a Berlusconi, mentre a sinistra l'unica strategia ammessa resta quella dello stato tribale: passaggi da una banda all'altra e ritorno, spacciando questa regressione all'età della pietra come un sopraffino servizio reso alla democrazia. In cima alla catena alimentare-fallimentare, vivacchia un noiosissimo circo mediatico che ci ammorba ogni giorno su ogni canale con le ultime notizie sulle evoluzioni vorticose del pollo senza testa.

Commenti

leopard73

Dom, 23/07/2017 - 09:21

MA COME!.. TUTTI ABBIAMO LA GUIDA DEL TELEFONO E VOI NON L'AVETE ANCORA?? DIMETTETEVI TUTTI SIETE ILLEGALI ED INCAPACI DI GOVERNARE L'UNICA VOSTRA PREOCCUPAZIONE E LA POLTRONA CHE A FINE MESE RENDE Più DI QUANTO SAPETE FARE CIALTRONI.

bernardone

Dom, 23/07/2017 - 10:44

Grande Guzzanti, sempre ottimo leggere i suoi pezzi. Quelle del pollo senza testa me la segno, ahahahah, efficacissimo. Grazie. Cordialmente.

carlottacharlie

Dom, 23/07/2017 - 10:55

Vero, e' la strategia dello stato tribale. Ecco perche' amano l'Africa, sono tribu' anche loro!

Popi46

Dom, 23/07/2017 - 11:48

Guizzanti sei un mito,troppo forte perché completamente vero!

agosvac

Dom, 23/07/2017 - 12:53

Purtroppo renzi ha perso il treno giusto, lo ha perso quando ha rotto il "patto del Nazareno" che gli avrebbe permesso di governare serenamente con l'aiuto di uno più esperto di lui. Ormai temo sia troppo tardi.L'aver designato un Capo dello Stato non condiviso ed espressione di tutti e non solo del PD, ha rotto gli equilibri. Non credo che Berlusconi sarebbe più disposto a lasciare governare renzi tenendosi da parte. Anche ammesso che ci possa essere una convergenza, e dipende dall'esito delle prossime legislative, di sicuro ci sarebbe un Governo paritario: tanti ministri tu, tanti ministri io.Se cado io cadi anche tu!!!