La sinistra perde il Forte. Sconfitti i radical chic dei "bagni anti-Briatore"

In Versilia vince un outsider con i voti del centrodestra. Il manager: "I soliti rancorosi"

È l'eterna lotta tra il sobrio snobbismo bottiglia e secchiello e la verace tradizione ciabatte e cappello. Chi va al mare al «Forte» lo sa. Da una parte gli chic, dall'altra i radical chic. I primi indossano il Rolex anche sulla spiaggia, i secondi lo lasciano a casa. I primi giocano a burraco, i secondi a racchettoni. C'è chi preferisce la tenda e chi l'ombrellone. Il divario tra chi prende il tavolo in Capannina e chi ai bordi della piscina del Twiga.

È, insomma, la solita sfida in scena ogni estate, e che quest'anno si è trasferita dentro le cabine elettorali. Il «fortino» ha deciso di scrollarsi di dosso due legislature di politica di sinistra del sindaco uscente, Umberto Buratti, virando verso il rinnovamento con il cardiochirurgo dell'Opa di Massa Bruno Murzi (Noi del Forte) che si prende Forte dei Marmi con il 44% (1.933 voti): una vittoria al fotofinish con 70 voti di scarto sul candidato del centrosinistra Michele Molino, vicesindaco uscente della giunta Buratti, fermo al 42,4% con 1.863 voti.

In un comune come quello di Forte dei Marmi a vocazione non certo di sinistra, Murzi è riuscito ad intercettare i voti del centrodestra. Lo dimostra il deludente risultato di Gianpaolo Bramanti, candidato ufficiale del centrodestra che ha raccolto poco più del 10%. Il vero sconfitto però è Molino, l'uomo della continuità con Buratti e il favorito della vigilia.

«Il dato inequivocabile - commenta il sindaco di Pietrasanta e vicecoordinatore regionale di Forza Italia, Massimo Mallegni - è che quando il centrodestra si presenta unito se la gioca, anche in una regione come la Toscana. Grazie ad un lavoro iniziato nel 2015 con il coordinatore Stefano Mugnai, oggi abbiamo vinto già in 9 comuni, di cui 8 con candidati di Forza Italia. Abbiamo preso Serravalle Pistoiese, un comune in mano alla sinistra da 70 anni e c'è uno storico ballottaggio a Pistoia e Lucca. A Forte dei Marmi abbiamo perso perché il caro amico Bramanti era sì il candidato di tutti, ma il centrodestra era spaccato perché nella lista di Murzi c'erano tanti soggetti della nostra area e poi la Lega non ci ha aiutato a vincere. Ma l'importante è che non abbia vinto né il Pd né il M5s. Con Bruno ci sarà comunque un cambio di passo».

I veri sconfitti sono, dunque, i radical chic del «Forte», quelli che frequentano il Bagno Piero, tanto per intendersi, il cui titolare, Roberto Santini, sosteneva Molino. Lo stesso Santini che proprio domenica, sul Corriere Fiorentino, aveva punzecchiato il suo celebre concorrente del Twiga, Flavio Briatore, tacciandolo di «briatorismo». Ebbene, al «Forte» a quanto pare il «briatorismo» ha vinto sul «bagnopierismo». Sebbene baluardo della sinistra (al caviale), il Bagno Piero è tra i più blasonati e cari della Versilia. Se una tenda per l'intera stagione al Twiga costa 16mila euro (e c'è pure la fila), al Bagno Piero ce ne vogliono 9mila. Non proprio regalata, insomma. Per questo Santini (la sua famiglia possiede lo stabilimento da 84 anni) vanta tra i suoi clienti John Elkann, Virginia Borromeo e Massimo Moratti.

Comunque Briatore non l'ha presa bene e su Facebook ha risposto a Santini alla sua maniera: «Fa interviste in cui si auto celebra come grande imprenditore del turismo (una spiaggia ereditata) parla del Twiga senza nessuna conoscenza dei fatti...è il classico invidioso rancoroso...caro bagnino, si rilassi e pensi che senza il papà lei sarebbe stato solo un bagnino (forse)».

Versilia d'amare.

Commenti

ex d.c.

Mar, 13/06/2017 - 09:25

La Toscana la SN è molto radicata. Pensare che a Lido si Camaiore 10 anni di centrodestra hanno lasciato il bellissimo pontile ed il rifacimento del lungomare già approvato, ma ha rivinto la SN ed ora è tutto in stallo

Happy1937

Mar, 13/06/2017 - 10:12

Il bagno Piero ha cambiato colore. Dal nero dei gerarchi fasciti clienti di suo Padre al rosso acceso di Milly Moratti e dei suoi accoliti sinistri mangiacaviale.

veromario

Mar, 13/06/2017 - 11:34

e zitto.

Ritratto di siredicorinto

siredicorinto

Mar, 13/06/2017 - 12:07

Hahahahahahah bravo Briatore

cicocichetti

Mar, 13/06/2017 - 13:01

che figo. la toscana rovinata e la puglia che caccia briatore a calci. teneteveli i locali da truzzo e da fighetto... che schifo

Paul58

Mar, 13/06/2017 - 13:02

frequento Forte da 30 anni e non avete idea della strafottenza dei radical chic e dei proprietari dei bagni. Quelli piu a sinistra fanno i moralisti a tutte le ore salvo quando: devi pagare il conto al ristorante della spiaggia (rigorosamente fogliettino a quadretti con la cifra ma nessuno scontrino),conto a fine mese del soggiorno (meglio i contanti...), caffe',aperitivi,briosche e affini IDEM.... odiosi.

Nonlisopporto

Mar, 13/06/2017 - 13:41

vado ai tropici in Sardegna o in Spagna!

OttavioM.

Mar, 13/06/2017 - 13:59

Radical chic in lutto.

Ritratto di settimiosevero

settimiosevero

Mar, 13/06/2017 - 14:33

venite a farvi un giro in questa zona e incontrerete molti dei vostri beniamini cattocomunisti che con tanti blablabla fanno la dolce vita e voi pdioti non arrivate a fine mese. almeno i "selfmen" ostentano ma producono a compreso il signore della foto dell'articolo che sarebbe da mettere in contrapposizione con la "nostra" sindacalista che viaggia ad ostriche ed aragoste.

carlottacharlie

Mar, 13/06/2017 - 15:09

Brutta cosa l'invidia sociale. Sinistri sinistrati nella capoccia sono tutti cosi'