Sisma, il commissario in fuga Errani lascia per un seggio

Il responsabile della ricostruzione in rotta con il Pd molla dopo un anno: pronto a candidarsi con Bersani

A un anno dal terremoto solo il 12% delle macerie è stato rimosso, le città simbolo (da Amatrice a Norcia) sono come il sisma le aveva lasciate nel 2016, lo stato di emergenza è stato da poco prorogato dal governo fino a febbraio proprio per l'estremo ritardo dei lavori, ma il commissario per la (mancata) ricostruzione Vasco Errani saluta e se ne va. L'ufficialità dovrebbe arrivare domani con una conferenza stampa, già convocata per le ore 15, del premier Paolo Gentiloni insieme ad Errani proprio sullo stato dei lavori post terremoto, mentre Palazzo Chigi fa filtrare alle agenzie una velina per cui «non si tratterebbe di dimissioni ma di una uscita legata alla scadenza dell'incarico prevista per il prossimo 9 settembre», perché si sarebbe entrati in una fase di «normalità» che possono gestire le Regioni senza la figura di un commissario straordinario.

Una formula diplomatica - la normalità nelle zone distrutte dal terremoto è lontanissima - che nasconde le ragioni di fondo dell'addio precoce dell'ex governatore dell'Emilia Romagna, ripescato dall'allora premier Renzi (dopo un'inchiesta finita con l'assoluzione) anche per distribuire una nomina in quota sinistra Pd, area di cui faceva parte il bersaniano Errani. E a cui potrebbe tornare, una volta smessi i panni del tecnico, da parlamentare, con le elezioni politiche alle porte. Perché l'ipotesi più accreditata sul futuro prossimo di Errani è proprio un seggio con Mdp, il partito nato dalla scissione del Pd, dove sono confluiti i suoi ex compagni della minoranza antirenziana, da Bersani a D'Alema. Qualche mese fa Errani ha sciolto le riserve politiche: «Lascio il Pd, c'è bisogno di un nuovo campo del centrosinistra, detesto la deriva del partito e non mi convince un'idea di democrazia fatta solo dal popolo e dal leader», un evidente riferimento a Matteo Renzi. Con cui Errani, pur nel ruolo di tecnico di Palazzo Chigi da lui nominato, era ormai in rotta di collisione, anche sulla gestione della ricostruzione, ruggine esplosa in un fuorionda in cui accusava il governo di non fare niente («Non esiste che per cominciare a fare le casette, che non è ciò che devo fare io, si attenda di avere il fabbisogno definitivo di tutte le casette. Non esiste! Non esiste che per fare le stalle bisogna metterci tutto questo tempo. Non esiste! Non esiste!»). Quindi l'adesione a Mdp, la presenza in pizza a Roma per il battesimo di «Insieme», la «nuova casa comune del centrosinistra» di Pisapia ed ex Pd. E ora, la probabile candidatura.

Ma più del futuro di Errani, preoccupa quello delle zone terremotate ancora in macerie. L'idea del governo sarebbe di non rimpiazzare Errani con un nuovo commissario (lavoraccio per cui non c'è la fila di aspiranti), ma affidare la gestione in modo più diretto alle Regioni. Sarà l'argomento della conferenza di domani con Gentiloni affiancato per l'appunto dai quattro presidenti delle Regioni colpite e dal nuovo capo della Protezione Civile, Angelo Borrelli, che fornirà i dati sulla ricostruzione. I sindaci però non hanno accolto particolarmente bene la notizia dell'addio. «Se Errani se ne va inizio lo sciopero della fame» dice il sindaco di Arquata del Tronto Aleandro Petrucci. «Sono molto rammaricato, era diventato un punto di riferimento, quando gli ho telefonato mi ha sempre risposto e dato buoni consigli, ormai sapeva i nostri problemi. Far gestire la ricostruzione della Regione? La Regione è molto lontana per quel che mi riguarda. Mi dispiace dirlo ma pensa di più a paesi più grandi o politicamente più vicini». Ora «la ricostruzione si fa più difficile, più lontana» commenta il sindaco di Acquasanta Terme, Sante Stangoni, «sarebbe opportuna una proroga almeno sino alla fine dello stato di emergenza, che è stato a sua volta prorogato fino a febbraio 2018». Per il sindaco di Visso, Giuliano Pazzaglini, è quasi una liberazione, perché il commissario straordinario «non è una struttura necessaria, anzi è una infrastruttura di cui non vedo l'utilità», e pure per Sergio Pirozzi, instancabile primo cittadino di Amatrice, cambia poco, «tanto gli unici che ci rimangono sempre so' i sindaci».

Commenti
Ritratto di senior60

senior60

Dom, 20/08/2017 - 10:29

un altro inutile idiota ( messo li da inutili idioti), come idioti tutti quelli che credono che qualcuno di sinistra può fare del bene all'italia e agli italiani. Ed ora per essere premiato della sua inutilità si candida a un bel seggio al parlamento che lo sistema per tutta la vita. Complimentissimi un vero italiano di sinistra.

Demy

Dom, 20/08/2017 - 10:34

Incapacità totale come nello stile migliore dei piddioti. Non riuscirebbe a gestire un condominio di due inquilini, figuriamoci una emergenza Nazionale come quella delle zone terremotate. comunisti allo sbaraglio che fanno più danni di uno tsunami di primo grado.

Trinky

Dom, 20/08/2017 - 10:34

Ecco il fulgido esempio di onestà che non si smentisce mai.......ci dica dove sono finiti i soldi dei terremotati, magari han fatto la fine di quelli della Regione Emilia quando lui ne era presidente?

Massimo Bocci

Dom, 20/08/2017 - 10:46

In fondo dei conti è stato ligio (servitore di regime) e consegne, per più di un anno non si è mossa foglia che il regime coop non voglia, ora che coop sono pronti alla solita ignobile,grufolata (di maiali al trogolo),pantomima di ladri di regime!!! Ora hanno le coperture!!!

Ritratto di marione1944

marione1944

Dom, 20/08/2017 - 10:51

L'ho sempre detto e lo ripeterò sempre. Errani non ha saputo gestire il terremoto dell'Emilia e non poteva gestire quello di agosto 2016. È un fallito. Non dia le colpe ad altri, come commissario unico per il terremoto poteva e doveva risolvere tutti i problemi del caso. Non sa cosa voglia dire lavorare a testa bassa per gli altri, lui ha lavorato (?) solo per il partito, per se stesso è per il fratellino. Un emerito buffone come i suoi compagni. Ora vuole un seggio? Dio c'è ne salvi.

TitoPullo

Dom, 20/08/2017 - 10:54

E' dura ehh compagno stare a galla quando non si sa far nulla !!!!Ma a lavorare seriamente ci hai mai pensato??

Fattimiei

Dom, 20/08/2017 - 10:55

E i terremotati aspettano...

Ritratto di LucioProbo

LucioProbo

Dom, 20/08/2017 - 10:56

Il commissario PDiota,che con Pecoraro Scanio rideva al funerale dei morti di Nassirya,TORNI PURE a Massalombarda. Lì sanno fare le conserve e potrebbero impiegarlo più proficuamente che ad Amatrice,l'imbelle....

VittorioMar

Dom, 20/08/2017 - 11:10

....IN NOME DEI SUOI MERITI DI EFFICIENZA....ALMENO UN MINISTERO ..ALLE INFRASTRUTTURE..!!

arkangel72

Dom, 20/08/2017 - 11:10

Visti i grandissimi ed eccellentissimi "meriti" immagino che ce lo ritroveremo tra i senatori a vita!!!

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Dom, 20/08/2017 - 11:10

Altro grosso successo del governo Renzi. Ma forse siamo noi a non aver compreso il lavoro di questo indefesso stratega. Atteso che un sindaco del territorio devastato ha minacciato di intraprendere lo sciopero della fame nel caso di un suo abbandono.

igiulp

Dom, 20/08/2017 - 11:18

Naturalmente, nei discorsi ufficiali che seguiranno, verrà elogiato per la meritoria opera svolta e bla....bla..... bla........

tosco1

Dom, 20/08/2017 - 11:21

A me pare che si sia dimostrato talmente incapace che un seggio in Parlamento gli spetti di diritto.

Ritratto di gianky53

gianky53

Dom, 20/08/2017 - 11:22

L'hanno pagato un anno per non smuovere nemmeno una carriola di macerie, sarebbe illuminante conoscere l'importo del suo onorario. Visto che il suo era un incarico pubblico dovrebbe essere di dominio pubblico anche sapere quanto è stato pagato per non fare assolutamente nulla.

forbot

Dom, 20/08/2017 - 11:39

#LucioProbo# Se permetti; mi associo a quanto hai detto! Saluti cordiali.

jaguar

Dom, 20/08/2017 - 11:39

Ma non era stato presentato come l'uomo giusto al posto giusto? Adesso non sarà facile sostituire questo gran lavoratore.

Ritratto di makko55

makko55

Dom, 20/08/2017 - 11:51

Almeno una volta i compagni erano nei campi e nelle officine ora piuttosto che lavorare si fanno sparare!!!

agosvac

Dom, 20/08/2017 - 13:21

In un paese civile uno che assume un incarico governativo di tale importanza se fa "flop" può dire addio alla carriera politica. Ciò non avviene a sinistra, evidentemente. Se uno fa "flop" si ricicla in modo da potere fare ancora tanti "flop"!!!

lawless

Dom, 20/08/2017 - 13:26

vi ricordate i sinistrorsi esagitati senza motivo che inveivano contro (per loro) la mancata ricostruzione dell'aquila? Dove sono ora, i quacquaracqua dell'epoca? Forse il pudore, per quello che gli è rimasto, li obbliga al silenzio! Errani vuole un premio, il pd lo accontenterà perché tutti nella sinistra sono legati a filo doppio, dalla magistratura al sindacato alle cadreghe politiche alle riunioni di partito. Se difendi l'ideologia sarai comunque e sempre premiato, nulla importa se si affossa il paese, l'importante per la sinistra è fagocitare l'informazione (vedi giornalistoidi e ochette televisive varie) facendola pendere con alchimie, ricatti ed elargizioni varie dalla propria parte. Il potere a tutti i costi non paga, prima o poi qualcuno ne dovrà rispondere ce lo insegna la storia.

teo44

Dom, 20/08/2017 - 14:07

un posto in parlamento non si nega a nessuno sopratutto se gli si deve tenere la bocca chiusa.almeno fosse stato un mafioso gliela farebbero tenere chiusa a costo zero tanto questa me la censurano come molte altre saluti

il sorpasso

Dom, 20/08/2017 - 14:13

Non è mai stato all'altezza dell'incarico ricevuto:una palla persa come dicono in Emilia-Romagna. Lui e Bersani formano un bellissimo duo ma vorrei vedere in faccia chi li voterà!

giseppe48

Dom, 20/08/2017 - 14:17

Vuole la carega. Meno problemi soldi sicuri .i terremoti chi se frega

Ritratto di miladicodro

miladicodro

Dom, 20/08/2017 - 14:23

Quando costui fu nominato commissario per le zone terremotate mi dissi e dissi: questi sono pazzi e costui è un incapace.Detto,fatto,neanche un anno di inutile presenza et voilà,va a correre con un'altra masnada di incapaci onde rimettere subito il deretano su un'altra poltrona.E questi erano coloro che si facevano sberleffi del Bertolaso e del Cavaliere:PD poveri dementi,ma quand'è che finirete di far danno? Ma coloro che li votano non si rendono conto di essere conniventi dell'Italico disastro?

giovanni235

Dom, 20/08/2017 - 14:23

Uno degli esseri più inutili che ci sia in Italia:non ha fatto niente dopo il terremoto in Emilia,niente dopo il terremoto più recente.Ora cerca solo un posto da deputato per poter finalmente fare qualcosa,cioè niente.

Ritratto di hernando45

hernando45

Dom, 20/08/2017 - 14:55

L'inutile che SCAPPA!!!!lol lol.

Marcello.508

Dom, 20/08/2017 - 14:58

Ha dimostrato urbi et orbi una manifesta incapacità di saper gestire quell'evemnto sismico. Adesso vorrebbe fare il salto di qualità nel partito in cui milita, riciclarsi? Certe ombre non le soffochi neanche obtorto collo mr. Errani. E' una macchia "nerissima" quella che porti addosso, incancellabile.

il sorpasso

Dom, 20/08/2017 - 14:58

Chissà come saranno tristi i terremotati.

investigator13

Dom, 20/08/2017 - 15:01

la poltrona te la damo in mezzo alle macerie, così ti guardi tutt'intorno solo e abbandonato da tutti come lo sono stati e lo sono ancora terremotati dopo un anno. Un anno è passato e ancora non è stato fatto nulla o quasi. altro che seggio te ne devi anna'via

frabelli1

Dom, 20/08/2017 - 15:37

Ma vi ricordate cosa successe con Bertolaso? Fu messo in croce, magistratura compresa, dopo che meno di un mese, l maggior parte dei terremotati era stata sistemata e le costruzioni di fabbricati, veri, non prefabbricati, ultimata. Solo un sindaco, del PD ovviamente, era contro alla ricostruzione, proprio il sindaco dell'Aquila. Oggi non s'è fatto summa, la magistratura non si muove, e questo.... vuole ricandidarsi! VERGOGNA!!! Incapaci

Antonio43

Dom, 20/08/2017 - 16:05

Ha la faccia come il lato B di Scalfarotto. Questo incapace una poltrona riuscirà a farsela assegnare, vedrete!

forbot

Dom, 20/08/2017 - 16:15

Bisogna che mettiamo l'animo in pace e renderci conto che anche i poveri scemi hanno diritto a campare. Dopo un periodo di attività anche i vulcani prendono una pausa; il fatto grave, che questa pausa dura troppo a lungo e rischiamo di spegnerci del tutto. E allora non ci resta che dire: Che aspetti a venir fuori e rimettere le cose al giusto posto? Forza. Risorgi Italia ! -

Ritratto di Manigoldo55

Manigoldo55

Dom, 20/08/2017 - 17:11

te lo do io il seggio... in testa. ma purtroppo lo troverà nella sua Bologna dove i sinistri lo voteranno come se fosse il messia.. perché anche da noi in Emilia si dice che a un comunista glielo puoi mettere nel c---o ma non in testa. ed e' la sacrosanta verità

Ritratto di bobirons

bobirons

Dom, 20/08/2017 - 17:19

Guarda caso, gli unici due commissari straordinari che gestirono dei post terremoto sono stati Zamberletti e Bertolaso. Messi li dal CDX. Serve dire altro ? Per la verità ci fu un altro, certo Crollalanza, che traslocò ufficio ed alloggiamento in zona terremotata. Ma questo non sa da dire, correva l'anno 1930. Incidentalmente, nel terremoto del 1980 le uniche costruzioni che non vennero giù furono quelle costruite a quel tempo, le altre fatte dopo e specialmente dopo la II guerra, ....... tutte giù per terra !

Ritratto di Roberto_70

Roberto_70

Dom, 20/08/2017 - 17:21

Non ha portato a termine il lavoro. Io mi chiedo come si possa lasciare proprio ora solo per una seggiola più comoda. Non hanno dignità e onore, sono dei mercenari, inutili e dannosi.

moichiodi

Dom, 20/08/2017 - 17:32

Fiaba sovietica del giornale nordcoreano. Che fantasia!

moichiodi

Dom, 20/08/2017 - 17:38

Il 9 settembre scade il mandato. Le regioni e i comuni premono per fare direttamente. Per il giornale: lascia per un seggio. Ma se non prendono nemmeno uno!

Ritratto di marystip

marystip

Dom, 20/08/2017 - 17:57

Pensate voi che per misero calcolo politico da bottega l'ex rottamatore nominò costui, un anno fa disoccupato, commissario per l'emergenza del terremoto. Non ha fatto niente; un fallito.

Trinky

Dom, 20/08/2017 - 18:18

Errani, lurido kompagno, prima di levarti dalle balle dicci dove sono finiti i soldi dati dalla gente ai terremotati........

steacanessa

Dom, 20/08/2017 - 18:33

Una iena ridens come pecoraro scanio

Ritratto di dr.Strange

dr.Strange

Dom, 20/08/2017 - 19:08

è più inutile di un deumidificatore nel Sahara

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Dom, 20/08/2017 - 22:04

Finché c'è popolo idiota da spennare ... avanti popolo. Certo che chi vota solo sull'onda degli slogan propagandistici è un babbeo ... almeno avesse una convinta idea politica ma si sa l'Italia è una terra ballerina e sovente le menti vengono scosse più volutamente che per fato.

Ritratto di wilegio

wilegio

Dom, 20/08/2017 - 22:25

E intanto si è guadagnato qualche bel milioncino di euro... senza contare la liquidazione. Alla faccia nostra.

sergio_mig

Lun, 21/08/2017 - 04:50

AOO... QUESTE ZECCHE ROSSE COSA HANNO NEL CRANIO BACATO? PENSANO SOLO A COME ARRAFFARE SOLDI, NON IMPORTA COME: TERREMOTI, CLANDESTINI, ACCORDI CON OGN, COOP ROSSE E NON, ADESSO BASTAAAAAAAAA VILI SANGUISUGHE CI AVETE VENDUTI E FINANZIATO ANCHE AI TERRORISTI. CON IL PAGAMENTO DEI RISCATTI, NON È CHE ABBIANO LUCRATO ANCHE SU QUESTO??

il sorpasso

Lun, 21/08/2017 - 07:51

Spero che nessuno lo accontenti questo inutile uomo che non ha fatto nulla per i terremotati ma lo stipendio lo ha percepito regolarmente e sicuramente non è quello percepito da un operaio che lavora in fabbrica 8 ore! Vergogna e basta!

Duka

Lun, 21/08/2017 - 08:00

Ecchediamine! E' o NO un fallito con tessera? Perciò vuole la sua fetta di torta.

Ritratto di calzolari loernzo

calzolari loernzo

Lun, 21/08/2017 - 09:08

bene, più scorretti (vedi presidenza della regione Emilia) o più inconcludenti sono e più vengono premiati......sempre in alto i cuori e bandiera rossa!!!!!