La soluzione finale per i romani

Beppe Grillo lancia una terroristica minaccia agli abitanti della Capitale che, nel suo personale immaginario, formerebbero una razza e anche maledetta. Il movimento di Grillo imporrà ai romani una delle sue cinque stelle da cucire sulla giacca?

Ha fatto una pessima impressione l'intervista a finestrino semiaperto di Beppe Grillo due giorni fa, in cui il comico castigamatti ha lanciato una terroristica minaccia agli abitanti della Capitale che, nel suo personale immaginario, formerebbero una razza e anche maledetta. Il movimento di Grillo imporrà ai romani una delle sue cinque stelle da cucire sulla giacca?

Grillo ha spiegato che se il suo partito vincerà le elezioni a Roma, i cittadini (non i corrotti, non i malavitosi, ma proprio gli abitanti) si devono attendere lacrime e sangue: «Ci saranno momenti durissimi e mi aspetto manifestazioni di piazza, scioperi, contestazioni anche violente». Non si sa bene che cosa intenda fare Grillo per spingere i cittadini a riversarsi nelle piazze. Forse ce lo spiegherà più tardi. Ma è evidente che Grillo coltiva risentimenti che è difficile non considerare razzisti.

È vero anche che Roma, per la sua dannazione di doppia Capitale (italiana e del Papa che convoca Sinodi come a Milano si può fare l'Expo) stia sulle scatole a moltissimi italiani. Non che sia normale: rientra nella tradizione della Colonna Infame, Masaniello, Savonarola e Cola di Rienzo. Là dove il potere politico si è traslocato, si polarizza il rancore. Però che un leader usi il rancore come benzina per i suoi roghi non può essere accettato e neanche passato sotto silenzio.

Commenti

DoctorMR

Sab, 07/11/2015 - 16:37

Ma cosa dice Guzzanti? Ma per favore! E cosa c'entra il Papa (ultima voce internazionale di Roma)? A me, che vivo a Roma, non ferquento i salotti e gli ambienti degenerati della politica (soprattutto sinistra) e della cosiddetta economia cittadina, non spaventa l'intervista di Grillo. Fa molto più schifo la proposta della Lorenzin per un grande accordo PD/NCD/Casini/Sinistre varie/PDL per Marchini. Quella sì è una grande minaccia! P.S.: Non voto M5S.

capitanuncino

Sab, 07/11/2015 - 16:53

Molti anni fa(inizio anni '70), vivevo a Roma per motivi di studio, provai a fare un concorso, per far contento papà. Era un concorso per il catasto, tra i concorrenti c'era un "romano verace" che mi spiegava perché sarebbe stato conveniente vincere quel concorso, a chi si sarebbero potute chiedere le mazzette, io giovane studente meridionale rimasi basito, pensai: questo ancora non ha fatto il concorso e già pensa come rubare, ciò che mi colpì maggiormente fu la naturalezza delle sue spiegazioni, così giovane e così intimamente corrotto. Io non vinsi il concorso per la prova di dattilografia, spero non lo abbia vinto nemmeno lui, ma forse lo ha vinto. Sordi credeva di rappresentare i difetti degli Italiani, ma il fatto è che i Romani non credono che esista un'Italia, al di fuori di Roma.

Ritratto di ..MissPiggy...

..MissPiggy...

Sab, 07/11/2015 - 17:03

le opzioni sono solo due o roma a Cinque Stelle o MAFIA CAPITALE, ai romani la scelta

baio57

Sab, 07/11/2015 - 17:29

Questo è veramente pericoloso,sembra Jack Nicholson in "Shining".

DoctorMR

Sab, 07/11/2015 - 17:46

Per capitanuncino: ma perché generalizzare? Poi lei ha detto di essere meridionale (come me, peraltro). Dunque cosa pensa delle generalizzazioni sui meridionali? E come può un meridionale, proveniente dalle terre dell'illegalità e della mentalità mafiosa (come disse, GIUSTAMENTE, il figlio del povero Libero Grassi), per quanto onesto possa essere, criticare la propensione all'illegalità di altri? Su, un pò di serietà.

Kosimo

Dom, 08/11/2015 - 01:11

veramente ha promesso che saranno i mangioni a subire un effetto collaterale devastante, per quale ragione dovrebbe prendersela coi cittadini? giusto per?

vince50_19

Dom, 08/11/2015 - 12:06

"Però che un leader usi il rancore come benzina per i suoi roghi non può essere accettato e neanche passato sotto silenzio." Mah.. Ho la netta sensazione che Grillo - M5S non voglia governare Roma, piuttosto gli piace stare all'opposizione per sparacchiare quel che più gli aggrada. Comunque sia auguro ai romani di scegliere un leader che poi faccia qualcosa di buono per la città (c'è tantissimo da fare), un leader che non stia davanti ai riflettori a perder tempo. In fondo romani se lo meritano.

Ritratto di bingo bongo

bingo bongo

Lun, 09/11/2015 - 13:06

O mafia capitale o mafia capitale,il Movimento 5 Strillinon è diverso dagl'altri:Grillo ha usufruito dei condoni di Berlusconi per l'abusivismo della villa in Liguria ed in Toscana,come ha anche fatto il magistrato di manisporche Di Pietro.Per troppo tempo,con i decreti salvaRoma,abbiamo permesso di vivere da paperoni cittadini con le pezze al culo.