Sondaggio fa tremare Renzi: M5S avanti di 10 punti sul Pd

Una rilevazione ipotizza che i grillini sarebbero al 54,5% a un eventuale ballottaggio. E il referendum premia il "No"

Roma - Matteo Renzi alla prova degli «stress test» dei sondaggi. La tendenza appare ormai consolidata e ribaltare il piano inclinato della perdita di consenso somiglia sempre più a una impresa impossibile, a meno di non svuotare le casse dello Stato con una mega-manovra in deficit. Di certo gli italiani appaiono sempre più orientati verso il «no» al referendum. L'ultimo indizio arriva dall'ultimo sondaggio di Scenari Politici-Winpoll per Huffington Post che conferma come i «no» alla consultazione sulla riforma costituzionale prevista per l'autunno siano ancora in vantaggio. Coloro che voteranno contro la riforma voluta dal governo, infatti, sono il 52,5%, mentre i favorevoli sono il 47,5%.

C'è un'altra rilevazione, però, in questo caso di Swg, a regalare notizie poco positive al premier e segretario Pd. È quella relativa a un eventuale ballottaggio tra il Pd e il Movimento 5 Stelle: il Movimento di Beppe Grillo, infatti, vincerebbe col 54,55 dei voti, mentre il Pd resterebbe fermo al 45,5%. Un margine davvero difficile da colmare. Spostandosi sui partiti il Partito Democratico è in leggero calo al 30,4%. Il Movimento 5 Stelle risale al 28,9%. Avanza Forza Italia che sorpassa nuovamente la Lega Nord. Il partito di Silvio Berlusconi sale al 13,7% mentre il Carroccio scende al 12,8%.

Nei Palazzi ci si chiede a questo punto quale strategia possa mettere in campo il premier per risalire la china. Qualcuno resta affezionato alla vecchia idea dello spacchettamento del referendum e azzarda una soluzione con cinque quesiti (con tre che sarebbe pressoché impossibile non votare), contando su un intervento della Corte di Cassazione. Questa soluzione appare più fantapolitica che altro. Più credibile, invece, che il premier possa approfittare dei probabili rilievi della Consulta sull'Italicum per riscrivere la legge elettorale e risolvere alcuni spinosi problemi con la sinistra Pd e con l'area centrista eletta con la lista «Pdl-Berlusconi presidente» che chiede modifiche e premio alla coalizione (invece che al primo partito). In termini di recupero di popolarità, occhi puntati sulla Legge di Stabilità che dovrebbe arrivare - strategicamente - prima del referendum e che con questo clima e questi sondaggi certo non si annuncia come una manovra lacrime e sangue, ma piuttosto come un provvedimento di spesa e di «bonus» graditi all'elettorato, anche se ovviamente bisognerà vedere cosa dirà l'Europa e quale moral suasion verrà esercitata dal Capo dello Stato, chiamato a controllare la copertura del provvedimento.

Sullo sfondo continuano le voci sulla successione a Renzi in caso di caduta referendaria, il Piano B da adottare dalle parti del Quirinale qualora il Ddl Boschi venisse affossato nelle urne. Il «generale agosto» non sembra aver placato le voci e disinnescato qualche movimento sotterraneo. Così torna a circolare il nome del ministro dei Beni culturali, Dario Franceschini. Una soluzione ponte facilitata dalla sua appartenenza a una corrente pesante come quella di «Areadem», che arruola diversi ex Ds diventati renziani. Tra questi Piero Fassino, altro nome che qualcuno sottovoce inizia a pronunciare.

Commenti

antipifferaio

Dom, 31/07/2016 - 09:39

Comincia a far capolino la realtà...ma i numeri veri sono molto ma molto più catastrofici per il rottame fiorentino e molto più esaltanti per tutta l'Italia che lavora, produce ed aspira ad uscire da quest'incubo governato da parassaiti comunisti che come lavoro fanno i commercianti e i magazzinieri di esseri umani...

COSIMODEBARI

Dom, 31/07/2016 - 09:39

Stiamo già in dieta dimagrante dall'inverno del 2011, vogliamo rimetterci un tantino su, non ci servono grissini bensì due uova sode, ben farcite, al giorno

fabiotg

Dom, 31/07/2016 - 10:43

Se cade il governo fantoccio bisogna andare alle urne subito, senza passare da Franceschini o dal grissino

hectorre

Dom, 31/07/2016 - 10:53

cade renzi e non si va al voto????.....un'altro intrallazzo e un premier farlocco deciso nella sede del pd????....e per di piû quel buffone di franceschini????......non scherziamo, per cortesia......se vince il no, renzi a casa subito e un governo istituzionale per indire rapidamente nuove elezioni!!!...finalmente!!!!!!!!

titina

Dom, 31/07/2016 - 11:05

In Italia il problema è che andiamo sempre a elezioni: chi noj vince le elezioni fa opposizione a prescindere, per far cadere il governo. per occupare quelle poltrone. Se le opposizioni fossero responsabili dovrebbero discutere per far modificare quelle proposte di legge che non piacciono oppure votare no alla fiducia.

gpl_srl@yahoo.it

Dom, 31/07/2016 - 11:26

ecco perchè a questo punto la legge elettorale debbe essere nuovamente cambiata! il renzi con tutti i suoi seguaci, deciderà di accettare l' idea di modifiche iun grado di permettergli di vincere anche alle prossime elezioni: lo sbarramento al 10% e il premio solo per iul PD anche se dovesse perdere. Ed il senato??? anche per il senato premi di maggioranza solo per il PD!

Roberto47

Dom, 31/07/2016 - 12:11

Mamma mia! Per liberarci di Renzi ci propongono il compagno Franceschini o il compagno Fassino! Non dico uno statista, ma almeno un presentabile non c'era?

Ritratto di elkid

elkid

Dom, 31/07/2016 - 12:22

-------dati i sondaggi presenti nell'articolo---quelli che proprio non si devono agitare e stare sereni sono i destri---perchè anche nell'ipotesi che si andasse alle elezioni---con i loro numeri i destri sarebbero fuori dai giochi e solo spettatori---è una cosa privata tra centro sinistra e grillini---hasta siempre

PEPPINO255

Dom, 31/07/2016 - 12:32

Il patto del Nazareno tra Berlusconi e Renzi (le larghe intese non si fanno tra tutti i partiti?)prevedeva QUESTO ITALICUM, Questa riforma Prostituzionale (work in progress) e la distruzione della sinistra (missione compiuta)... Rubare a piene mani...!

Ritratto di andrea626390

andrea626390

Dom, 31/07/2016 - 13:26

Ovviamente gli articoli sono sempre parziali. L'autore non dice che il Centrodestra beccherebbe un distacco maggiore dai Cinque Stelle così come non dice che in un eventuale ballottaggio Centrosinistra - Centrodestra a vincere saranno i primi!!!!!!!! Ma tant'è .....

Ritratto di ettocima

ettocima

Dom, 31/07/2016 - 14:09

Dai post che precedono, una cosa è certa. Vi solo persone che, in luogo di preoccuparsi per i destini del paese, continuano a fare il tifo, ora per questo, ora per quello. Buon divertimento

Maura S.

Dom, 31/07/2016 - 14:58

i grillini......, mettiamoli al governo e finiranno come il buon Renzi, Roma è peggio di una discarica a cielo pieno, se questa è la capacità di questi grilli parlanti, siamo proprio messi bene.

bernardone

Dom, 31/07/2016 - 15:02

xElkid. Ancora non hai capito che con un situazione tripolare i destri come li chiami tu, sono essenziali per far vincere qualcuno; non sono affatto fuori dai giochi, capra, sono dentro ai giochi totalmente!

Ritratto di elkid

elkid

Dom, 31/07/2016 - 18:24

------bernardone-----fuori dai giochi nel senso che con i numeri che hanno è pacifico che non governeranno nè ora nè mai-----se poi tutta la loro velleità sta nell'accontentarsi di fare gli arbitri della situazione--(come a roma)----facciano pure---capirai che soddisfazione----quando i ragazzini giocano a pallone --fanno fare l'arbitro al più scarso---hasta siempre