Sono i danesi i più felici del mondo

Bizzarra graduatoria dell'Onu: sul podio la Svizzera e l'Islanda. E l'Italia? È solo cinquantesima

«Tutte le famiglie felici sono felici in modo uguale - c'istruiva Tolstoj al principio di Anna Karenina - ma ogni famiglia infelice è infelice a modo suo». E se invece delle famiglie si provasse a immaginare in che modo è felice un Paese intero? Perché è più soddisfatto degli altri, quali si presumono essere le caratteristiche strappa-sorriso che abitano le sue case?

C'è chi lo ha fatto, e ha stilato una corposa e commentata classifica (157 Paesi): il World Happiness Report 2016 (Rapporto sulla felicità nel mondo), a cura del Sustainable Development Solutions Network (Sdsn), organismo dell'Onu . Il Paese che più brilla nei sei parametri su cui è tarata la classifica è la Danimarca. I fattori su cui si basa il «report»? Il Pil pro capite, l'aspettativa di vita in buone condizioni di salute, la mancanza di corruzione nella leadership, il sostegno sociale, la libertà nelle scelte di vita, e infine la cultura della generosità. «Ormai c'è una crescente richiesta, a livello mondiale, perché la politica sia più strettamente allineata con ciò che conta davvero per le persone: con ciò che loro stesse identificano come fattori di benessere», ha commentato l'economista Jeffrey Sachs quando il rapporto del 2016 ha visto la luce.

E l'Italia che posizione occupa? La cinquantesima. Il dato curioso è che però il nostro Paese è tra i dieci con il maggior calo di felicità nel periodo in esame (dal 2005-07 al 2013-15). Peggio di noi in questi otto anni hanno fatto solo India, Yemen, Venezuela, Botswana, Arabia saudita, Egitto e Grecia. La Spagna è un passo avanti a noi. Insomma, la crisi economia incide sul nostro umore.

Dopo la Danimarca nella rosa dei Paesi più sorridenti, secondo questa classifica, Svizzera, Islanda e Norvegia; e ancora, Finlandia, Canada, Paesi Bassi, Nuova Zelanda, Australia e Svezia. Al tredicesimo posto gli Stati Uniti, che balzano in alto di due posizioni rispetto al rapporto precedente. Tale sarebbe la percezione della propria felicità soggettiva che si legge nella presentazione del rapporto sempre più governi restano in ascolto di queste voci al fine di migliorare se stessi e il Paese che amministrano. «Chi punta solo sul Pil rischia di avere brutte sorprese», sostiene Leonardo Becchetti, del Ceis Tor Vergata. «Il Pil non basta a misurare il benessere e le recenti elezioni irlandesi, in cui il governo è stato sonoramente sconfitto nonostante una crescita sulla carta del 7 per cento, lo dimostrano chiaramente. La felicità (soddisfazione di vita) è una misura sintetica molto importante a cui la politica e i media dovrebbero fare particolare attenzione perché in grado di catturare tutti i fattori che incidono sulla soddisfazione dei cittadini».

Il Paese di Soeren Kierkegaard che di certo non è passato alla storia del pensiero per la sua professione d'allegria sarebbe quello in cui l'efficienza della politica incrocia anche i fattori più personali del benessere dei cittadini. Niente a che vedere con le atmosfere lugubri e sofferte dei monologhi dell'Amleto (notoriamente, il Principe di Danimarca), né con lo sguardo meditabondo e nostalgico della Sirenetta di Copenaghen. E Paesi come la Svezia e la Norvegia non hanno mai popolato l'immaginario comune per i loro sorrisi. Sorprese.Quasi torna in mente una battuta del serial di culto Ally McBeal: «Conosci qualcuno più felice di me?» intonava la protagonista in direzione di un collega. «Lo conoscevo» rispondeva lui. «Ma si è suicidato».

Commenti
Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Gio, 17/03/2016 - 09:23

ma cosa vuoi essere felice in in Italia, dove oltre ti tartassano lo stipendio, ogni cosa che compri, ogni cosa che costruisci, è una proprietà da tartassare ulteriormente. Poi ti dicono che devi crescere. Qui si salvano solo i furbetti che scaricano qualsiasi roba dal fisco. Io potrei avere un giardino che al Comune non da reddito, ma se tu vuoi costruire una piscina olimpionica, oltre che hai dato lavoro e quindi che equivalgono già tasse, ma perchè devo pagare al Comune altre tasse solo per avere una proprietà? Ma questo vale anche se comprassi un auto....e con tutte le tasse che ci sono sull'auto, non ne parliamo. Qui ogni cosa che compri non deve essere più tassato, le hanno già recuperate prima.

Ritratto di pedralb

pedralb

Gio, 17/03/2016 - 09:30

Queste graduatorie testimoniano l' imbecillità di chi le fa.....se mai ce ne fosse ancora bisogno.

Ritratto di pinox

pinox

Gio, 17/03/2016 - 09:44

per forza, piu' vai a nord e piu' trovi civiltà e senso dello stato!

Mechwarrior

Gio, 17/03/2016 - 09:55

Ma forse perchè i danesi guadagnano il triplo degli italioti e beni e servizi costano solo un po' di piu'? che abbiano uno stato funzionante? che non abbiano l'euro? che siano meno ladri/furbi dell'italiota medio?

Ritratto di Azo

Azo

Gio, 17/03/2016 - 10:01

E GIUSTAMENTE, LA DANIMARCA È FUORI DALL`EURO!!! """Solamente rincoglioniti come "Prodi e compagni ROSSI", SI SONO ILLUSI DI POTER SFRUTTARE L`UNIONE EUROPEA, ED ORA VISTO CHE L`UNIONE CHIEDE SOLAMENTE,E SBORSA POCO,VORREBBERO RIMETTERE Monti, CON L`AMICHETTA Fornero, PER PURGARE GLI ITALIANI"""!!!

lupo1963

Gio, 17/03/2016 - 10:04

Sono stato per la prima volta in Danimarca nel 1984,mi sono sposato la',ci ho vissuto per un periodo,parlo e leggo piuttosto bene la lingua.Il che credo mi dia titolo per potere affermare che queste statistiche sono assolutamente ridicole.In Islanda ci sono stato e ho visto una natura assolutamente meravigliosa e delle persone che definire tetre,non tristi,e' riduttivo.Altro che felicita'.La Danimarca e' famiglie distrutte,alcolismo,sistema sanitario moolto peggio del nostro,controllo totale dello stato sull'individuo,asservimento totale dell'individuo al politically correct piu' spinto e ad ogni provvedimento adotti la piccola elite che domina il paese.Gli altri,pecore asservite a queste elite,credono di vivere nel migliore dei mondi possibili attendendo il weekend per ubriacarsi a morte.

Ritratto di Azo

Azo

Gio, 17/03/2016 - 10:10

Comunque, un paese felice, lo si vede dai suoi parlamentari, persone comuni, senza ARROGANZA E SENZA CORRUZZIONE, CHE LAVORANO PER IL BENE DEL PAESE!!! I PARLAMENTARI ITALIANI, DOVREBBERO LAVORARE GRATUITAMENTE IN DANIMARCA, """NON PER CORROMPERE, MA PER IMPARARE AD ESSERE ONESTI"""!!! DOVESSERE MAI CERCARE DI CORROMPERE, SUBITO IN CARCERE!!!

beale

Gio, 17/03/2016 - 11:26

i danesi: sprizzano gioia di vivere da tutti i pori. ridiamo?

risorgimento2015

Gio, 17/03/2016 - 11:47

Se` sono cosi` felici ? mandiamoci una miglionata di zingari e clandestine. ...poi ne riparliamo. Anni fa`eravamo prima dell'invasioni delle "risorze" anche gli italiani erano piu` felici.

Beaufou

Gio, 17/03/2016 - 11:52

"Something is rotten in the state of Denmark" diceva qualcuno qualche secolo fa. Si vede che hanno di molto migliorato, da quelle parti. Buon per loro, ma io non ci credo per nulla. Ahahah. Mi sa che lupo1963 ha ragione da vendere. Danesi felici? Sì, forse il sabato sera...

lupo1963

Gio, 17/03/2016 - 12:06

Non avrei alcun interesse di spalare fango sulla Danimarca.Ovvio che e' un paese che ha anche alcuni pregi pregi .Ma dipingerlo come il paese piu' felice del mondo...Per chi li ha visti pedalare a -15 perche' la macchina e' un lusso,a mangiare schifezze imbustate a prezzi proibitivi,a buttare fuori i figli da casa a 15-16 anni ,figli che poi ripagano con una totale indifferenza verso gli anziani confinati in quartieri_ghetto...beh...

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Gio, 17/03/2016 - 12:14

La Danimarca ha una densità di popolazione per chilometro quadrato più bassa d'Europa. Infatti si tratta della Nazione più grande dell'Unione Europea... perché ha la Groenlandia, che si sta scongelando. Forse i Danesi sono additati come "felicissimi" perché qualcuno ha messo gli occhi sulla loro terra.

killkoms

Gio, 17/03/2016 - 14:48

"..c'è del marcio in danimarca..(e c'è anche un perché)"!

killkoms

Gio, 17/03/2016 - 14:58

forse aveva ragione mark twain,lo scrittore autore di tom sawier e hucleberry finn,il quale in merito alle bugie le catalogò in tre tipologie,"..quelle piccole,quelle grandi e le statistiche.."!

swiller

Gio, 17/03/2016 - 15:05

Sbagliato sono i politici italiani criminali ladroni.

killkoms

Gio, 17/03/2016 - 17:44

2°invio,come si fa a dire che i danesi sono i più felici al mondo?in un paese in cui una ex moglie può pretendere denaro per far vedere i figli piccoli all'ex marito,sicura che lo stesso non le potrà venire davanti casa altrimenti la polizia lo arresterebbe per violazione della privacy?un paese in cui in ossequio alle"teorie gender" si impone ai bambini, dall'asilo,l'utilizzo di articoli e pronomi generici,quando non li si costringe (i bambini) ad assistere alla soppressione e sezionamento di un animale esotico,allo zoo,sol perché era di troppo?un paese in cui immigrati europei svolgono lavori di elevata professionalità e immigrati extracomunitari quelli umili,con in mezzo i danesi,abulici ed indifferenti, che comunicano solo via web ed aspettano il fine settimana per sbronzarsi al bar?se sono tanto "felici" perché c'è un tasso di suicidi maggiore del nostro?