Spagna, risarcimento beffa per le ragazze morte sul bus

"Non avevano la cintura". Così l'assicurazione taglia di un quarto la liquidazione: da 70 a 52mila euro

Madrid - Al dolore con cui dovranno convivere per sempre le sette famiglie italiane che, lo scorso marzo hanno perso una figlia in un tragico incidente stradale, ora si aggiunge una crudele beffa dettata dal cinico calcolo del rimborso delle assicurazioni che devono chiudere una normale pratica. Dalle valutazioni delle società assicurative coinvolte nella quantificazione del risarcimento sul «capitale umano», ovvero il calcolo del valore di una vita spezzata, in base ad alcuni parametri, varrebbero meno di 70mila euro le esistenze delle sette ragazze italiane, tutte studentesse Erasmus in Spagna, rimaste uccise nello schianto di un bus sulla strada tra Valencia a Barcellona lo scorso 21 marzo.

La cifra calcolata come indennizzo per i familiari, secondo quanto riferito dai legali dell'assicurazione, dovrebbe essere decurtata del 25 per cento perché, secondo i regolamenti dell'istituto previdenziale chiamato a risarcire, le vittime al momento dello schianto non indossavano la cintura di sicurezza. In pratica, alle giovanissime, vittime innocenti di un errore dell'autista, verrebbe contestato il concorso di colpa che, tuttavia, è ancora da dimostrare. Non è bastato ai legali dell'assicurazione, l'ammissione immediata di colpevolezza dell'autista del quinto bus della carovana che tornava da una gita a Valencia: l'uomo aveva ammesso di aver provocato l'uscita di strada e il capovolgimento del bus a seguito di un colpo di sonno, confessando che nelle ore precedenti non aveva riposato e si era messo stanco al volante.

«Quello che fa più male ha commentato l'avvocato Maria Cleme Bartesaghi, portavoce della squadra di legali che assiste le sette famiglie delle ragazze è che l'assicurazione spagnola, unilateralmente, abbia deciso di portare questa sua posizione in giudizio prima ancora che l'inchiesta accertasse come sono andate davvero le cose».

I familiari delle vittime non ci stanno e promettono battaglia legale e il 22 luglio fonderanno l'associazione «Genitori generazione Erasmus-Uniti perché non accada mai più», una onlus che già nel suo nome detta lo scopo associativo.

Lo scorso 21 marzo furono tredici le vittime dello schianto, di cui sette italiane. Uno dei cinque bus provenienti da Valencia, a circa un'ottantina di chilometri da Barcellona, mentre percorreva il tratto Nord Est dell'autostrada catalana nella regione di Freginals, improvvisamente iniziò a sbandare per un colpo di sonno dell'autista. Il mezzo si ribaltò più volte schiantandosi sul terrapieno adiacente. In quella che è stata definita «la strage delle ragazze Erasmus» persero la vita Francesca Bonello, Serena Saracino (in un primo momento gravemente ferita e poi deceduta nell'ospedale di Tortosa, in Catalogna) Valentina Gallo, Elena Maestrini, Elisa Valent, Lucrezia Borghi ed Elisa Scarascia Mugnozza. Oltre alle italiane su quel bus morirono due tedesche, una studentessa dalla Romania, una dall'Uzbekistan, una dalla Francia e una dall'Austria. Tutte le 13 vittime avevano tra i 19 ei 25 anni e al momento dello schianto dormivano, dopo avere festeggiato «las Fallas», le tipiche feste di fuochi d'artificio e luci di Valencia.

Commenti
Ritratto di LANZI MAURIZIO BENITO

LANZI MAURIZIO ...

Lun, 11/07/2016 - 09:23

LE ASSICURAZIONI SONO COME I COMUNISTI, NUOCIONO GRAVEMENTE ALLA SALUTE.

Gianni Barbero

Lun, 11/07/2016 - 10:25

In Italia 50mila euro di indennizzo li assegnano ai cugini di secondo grado della vittima.Però anche da noi la Cassazione ha più volte ribadito che il non avere le cinture allacciate riduce il risarcimento. Fa impressione quindi la critica di Renzi,primo perchè implicitamente afferma che le cinture non servono a niente,e secondo perchè deve rivolgerla alla nostra Magistratura che applica lo stesso principio.