Squadra, lobby, cambiamento: le parole rivelano i candidati

Parisi e la forza trasmessa dai riferimenti all'unità, Sala sempre sospeso tra gli elogi a Pisapia e gli appelli al rinnovamento. E poi i grillini di ogni città ossessionati dai poteri forti e occulti

P arole, parole, parole. «A raffica, trasmesse, a mano tesa, sussurrate, sputate, a tanti giri, riverite», cantava qualche anno fa Guccini. E pure in questa campagna elettorale di parole ne sono volate a sufficienza. Inevitabile che anche il dizionario utilizzato degli aspiranti sindaci, passato ai raggi X, contribuisca a connotarli. All'uopo hanno pure inventato un'applicazione: un sistema che setaccia tutto il bla bla e calcola quale sia il lemma più utilizzato da Tizio o Caio. Ovvio che il freddo e stupido computer segnali la vittoria dei lemmi «città», «cittadini», «Roma» o «Milano». Un'analisi più attenta e meno matematica dei vocaboli, però, ci dice qualcosa di più dei nostri futuri amministratori.

Partiamo dal Nord. Parisi punta tutto sul «noi». Forte di un'alleanza che va dalla Lega a Forza Italia, passando per Ncd e Fratelli d'Italia, l'ex city manager di Albertini ha sempre puntato sulla coalizione, parlando alla prima persona plurale: «Faremo», «cambieremo», «gestiremo». Quasi mai un «io» o un'impersonale «si deve»; quasi sempre un «noi»; associato a «modernizzare», «efficienza», «legalità», «sicurezza». Nei discorsi di Parisi, oltre ai contenuti, passa l'idea di «squadra». Omogeneizzante.

Più impersonale il linguaggio dell'avversario, Sala, che infarcisce i suoi ragionamenti di «occorre» e «serve». Più difficile, poi, il suo messaggio: uno zig zag perenne tra la «continuità» e il «cambiamento». Come tutti parla di «case», «emergenze», «periferie» ma i suoi discorsi sono una gimkana tra i necessari elogi al predecessore Pisapia e gli opportuni appelli al rinnovamento. Schizofrenico.

Gianluca Corrado, candidato grillino e avvocato con radici sicule, nelle sue arringhe politiche pigia sul tasto che lo differenzia dagli altri. Così, ogni due per tre, cita i «partiti». «Basta con i soliti partiti»; «Siamo diversi dai partiti di destra e sinistra»; «Loro sono schiavi dei partiti». Altro spauraccio del candidato grillino sono le «lobbies» e i «lobbisti»: «Sala e Parisi finanziati dalle lobbies», «I milanesi sono l'unica nostra lobby», «uscire dalla logica delle lobbies e dei partiti». Monotono.

L'atout di Marchini, imprenditore romano prestato alla politica, è senza dubbio quello di essere un «uomo del fare». Industriale e dinamico, di energia ne ha da vendere. Le parole chiave della sua campagna elettorale? «Rinascita», «cultura», «tasse» (da abbassare, of course ndr.) e «sprechi». Forse più degli altri ha voluto parlare di lavoro: «Sono sconvolto da quanto il tema del lavoro sia rimasto fuori da questa campagna elettorale. È invece un tema centrale». Altro lemma forte e ribadito spesso è «civico». In alternativa al «politico», sinonimo di vecchio, superato, fallimentare. «Partecipazione civica», «movimento civico», «progetto civico». Urbano.

Giorgia Meloni è Roma. Già l'hashtag della sua campagna elettorale su Twitter la dice lunga: #questaèroma. Tanta Roma ma anche tanti rom. «I campi rom vanno chiusi perché baraccopoli indegne di una Nazione civile». E ancora: «quartiere», «borgata», «servizi» e «cittadini». Mette nel cassetto la parola «destra», categoria un po' vetusta, ma i contenuti sono di destra-destra. Parla di «Nazione», «orgoglio», «Italia», «italiani», «famiglia» e, naturalmente, di «Capitale». Amatriciana.

Che il piddino Giachetti sia partito con l'handicap lo si capisce anche da uno dei verbi più utilizzati dal renziano: «recuperare». «Recuperare fiducia», «Recuperare credibilità» oltre che, ovvio, «recuperare risorse». 'na fatica. Ecco, la fatica. Uno dei tasti pigiati da Giachetti. «Voglio una città meno faticosa, in cui ogni romano abbia mezz'ora di tempo in più al giorno». In effetti anche solo spostarsi in città è uno stress inenarrabile tra traffico, autobus da terzo mondo e metropolitana da quarto. Non a caso lo stesso Giachetti ha girato in lungo e in largo la città in sella alla sua moto: altro elemento che ha caratterizzato la sua campagna elettorale. Come la Meloni anche Giachetti è romanissimo. Il suo hasthag più fortunato? «Ma de che stamo a parlà?». Spossato.

E per finire l'algida Virginia Raggi, telegenica, posata, autrice di un hashtag fortunato: #CoRAGGIo. Anche lei, come il collega milanese, ha puntato tutto sul rinnovamento. «O si cambia o tutto si ripete»; «i vecchi partiti hanno avuto 20 anni di tempo per realizzare i loro slogan e non hanno fatto nulla». E poi il cibo. Partendo dal motto «Avete finito di mangiarvi Roma», la Raggi l'ha declinato per tutto: «Avete finito di mangiarvi la sicurezza della città»; «Avete finito di mangiarvi la scuola»; «Avete finito di mangiarvi il verde pubblico»; «Avete finito di mangiarvi l'Ama». Bulimica.

Commenti
Ritratto di mbferno

Anonimo (non verificato)

vince50_19

Dom, 05/06/2016 - 11:35

Cramer, con tutto il rispetto, dire che le lobby siano una mania di persecuzione di M5S mi pare alquanto fuorviante. Sono sempre esistite le lobby, specie quelle in cui è radicata la massoneria (quella neoaristocratica-reazionaria e che oggi detta "legge", Hathor Pantalpha in testa, fondata dalla famiglia Bush). La loggia del Drago non le dice niente? La politica anche in Italia pare abbia abdicato a quella gente. Purtroppo!

Ritratto di hermes29

hermes29

Dom, 05/06/2016 - 11:39

Ma che ci fa Parisi con il braccio teso ed il pugno chiuso? Un altro ribaltone? Giustamente Berlusconi saluta a mo di destra. Chi ha pubblicato la foto non ha avuto alcun sospetto? Un antico sapiente diceva: è nei gesti normali che si rivelano le nascoste e future intenzioni. Se fosse vero, prima ancora di vincere le elezioni di Sindaco, prepariamoci al voltafaccia di Parisi? AHO! Ma quello è un saluto comunista.

Ritratto di pravda99

pravda99

Dom, 05/06/2016 - 12:26

Ma se oggi (e sottolineo "se") i suoi candidati perdessero alla grande, Berlusconi si defilera` finalmente dalla politica attiva, causa irrilevanza e mancanza di pertinenza con la realta` del Paese?