Stipendi bassi, malasanità e sistema in crisi. Così mille medici l'anno fuggono all'estero

Aumento record dei camici bianchi espatriati: +596% dal 2009 al 2014

Roma - L'Italia regala ogni anno all'estero mille Ferrari rosso fiammante pronte per la Formula Uno. Macchine brillanti costruite nel nostro Paese che invece corrono per la Svizzera, la Danimarca o l' Inghilterra. Una metafora efficace per capire quanto sta perdendo il nostro Paese in termini di capitale umano a causa di quello che è un vero e proprio esodo di laureati in medicina. I dati Istat implacabili raccontano un aumento esponenziale dei medici che si rivolgono al ministero della Salute per ottenere la documentazione utile per esercitare all'estero. Erano 396 nel 2009 e sono saliti a 2.363 nel 2014, un incremento pari al 596 per cento. E nel 2015 per i soli laureati in medicina e chirurgia il dicastero ha rilasciato 1.112 attestati di conformità e 1.724 attestati di good standing, le certificazioni richieste per lavorare all'estero. L'Anaao Assomed, sindacato degli ospedalieri, segnala un'emorragia pari a un migliaio di camici bianchi all'anno.

Una perdita enorme da punto di vista economico perché la formazione di un medico costa circa 150mila euro, più o meno come una Ferrari, appunto. La prima ragione dell'esodo è lo stipendio. All'estero i medici guadagnano il doppio o il triplo di quello che incasserebbero dal nostro Servizio sanitario nazionale. In Svizzera un medico al primo anno di assunzione guadagna circa 80mila euro lordi, sicuramente più del doppio rispetto allo stipendio che percepirebbe in Italia. Ma circoscrivere a motivazioni puramente economiche la diaspora dei camici bianchi sarebbe riduttivo. Il problema è più complesso e riguarda anche il riconoscimento della professionalità di chi lavora negli ospedali. Negli ultimi anni sono aumentate in modo esponenziale le denunce a carico dei medici per presunti casi di malasanità, che poi nella maggioranza dei casi si sono rivelati infondati. Parallelamente è aumentata a dismisura la cosiddetta medicina difensiva. Purtroppo spesso la prima preoccupazione di un medico è che il paziente possa fargli causa «a prescindere». Alla fuga dei medici giovani nel corso dei prossimi 10 anni si affiancherà il pensionamento di migliaia di medici, quelli della generazione del baby boom. Progressivamente usciranno dalla professione circa 47.300 medici specialisti del Ssn, a cui aggiungere circa 8.200 tra medici universitari e specialisti ambulatoriali oltre a circa 30mila medici di famiglia. E il turn over è limitato al 50 per cento.

Commenti

Klotz1960

Mer, 30/11/2016 - 08:54

All' elenco manca la Francia, crescente meta dei medici italiani. La decadenza sindacale in Francia non ha mai toccato i livelli italiani, ed infatti i medici, ospedalieri e non, specializzati e non, guadagnano mediamente il TRIPLO di quelli italiani.

Klotz1960

Mer, 30/11/2016 - 08:57

Le uniche categorie pagate piu' della media in Italia sono politici, magistrati e giornalisti. Quasi tutte le altre sono drammaticamente sotto la media dell' Europa occidentale.

jenab

Mer, 30/11/2016 - 09:12

ormai sono 25 anni che non si fà più nulla per gli italiani, l'unica cosa è considerare i lavoratori solo un costo da eliminare.

audionova

Mer, 30/11/2016 - 09:24

quindi?abbiamo tantissimi laureati in medicina,andate a vedere quanti di questi sono dei geni,il solo fatto che vadano via non depone a favore della loro professionalita',questi per imparare il mestiere hanno bisogno di anni,molti diventeranno molto bravi,tanti no,questo e' il gioco delle cose e cosi' anche per gli infermieri.

audionova

Mer, 30/11/2016 - 09:25

anche un infermiere in svizzera prende il doppio,ma gli svizzeri hanno detto prima i nostri.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Mer, 30/11/2016 - 10:35

All'estero, inoltre, viene premiata la professionalità. E non, come da noi, il possesso della tessera che va di moda. Un paese in cui le carriere apicali vengono decise non in sede accademica ma nelle fumose sezioni di partito non ha, nè mai potrà avere, un futuro degno di questo nome.

Libertà75

Mer, 30/11/2016 - 11:15

sicuramente esiste uno sufficientemente stupido da pensare che è colpa di Berlusconi

Libertà75

Mer, 30/11/2016 - 11:28

ci vuole un partito di sinistra per applicare l'ordoliberismo ed impoverire un paese... più povertà per tutti, questo è lo slogan di sinistra

Trautmann

Mer, 30/11/2016 - 11:35

@Memphis35 Grazie per il tuo lucido commento, comparso dopo un altro di superficialità agghiacciante.

Ritratto di marino.birocco

marino.birocco

Mer, 30/11/2016 - 11:44

Buon per te Francesca che lo hai scoperto oggi , il problema si trascina da diversi anni e pare che andrà ancora avanti per un bel po'.

Ritratto di vkt.svetlansky

vkt.svetlansky

Mer, 30/11/2016 - 12:24

Perfino il fratello del ballista rignanese fa il medico pediatra in Svizzera. Avrà capito in che nazione stava ancora prima di avere un fratello che con strani giochi di palazzo la poltrona di PCM ottenne.

ottavian80

Mer, 30/11/2016 - 12:50

Ah si?? Bene, mi auguro che anche tutti questi italiani che si lamentano sempre vadano via anche loro!!! Bravi tutti solo a lamentarsi, a londra e in svizzera si guadagna di più? Certo, peccato che la vita e le assicurazioni sanitarie costino cinque volte tanto!!! E poi magicamente, appena vai a vivere all'estero ti accorgi che anche gli abitanti del posto abbiano gli stessi problemi. Comunque ripeto, basta parole: non vi va bene l'Italia andate via!!!! Grazie. Saluti.