Gli stipendi infuocano l'aula Imbarazzo nei banchi del Pd

Grillo vola a Roma e lancia anatemi:"Oggi sarà gazzarra". Di Maio: risparmieremo 80 milioni, Renzi venga in aula

Roma - L'avvio è tiepido: aula semideserta, ping pong continuo di accuse tra i banchi Pd e quelli grillini, interventini-spot a raffica dei deputati cinquestelle mentre il vate Beppe, dal blog, lancia anatemi e convoca le masse fuori Montecitorio (per ora non si vede nessuno, però).

Ieri pomeriggio si è pigramente aperto il dibattito generale, alla Camera dei deputati, sulla famosa leggina proposta da M5s per - dicono - «dimezzare gli stipendi dei parlamentari». Una mossa studiata ad hoc dai grillini per prendere due piccioni con una fava: far dimenticare ai loro elettori le recenti figuracce del Movimento (comprese quelle per l'appunto sui soldi, con le sanguinose polemiche interne sui mega-rimborsi di Luigi Di Maio, che in tre anni ha speso ben 277mila euro, stipendio a parte), e mettere in difficoltà il Pd, che si è fatto cogliere impreparato dalla manovra, e Matteo Renzi, in piena campagna elettorale per il referendum sulla riforma istituzionale. Una riforma che, è uno degli argomenti di propaganda più utilizzati dal fronte del «Sì» e dallo stesso premier, «taglia i costi e i posti» della politica.

La coincidenza è stata definita «sospetta» da Emanuele Fiano, intervenuto in aula per il Pd: «Una volta ridotti i parlamentari da 945 a 730 - ha detto - discutiamo pure delle indennità. Ma facciamo una discussione seria e approfondita». Replica Di Maio: «Questa legge fa risparmiare circa 80 milioni di euro. Renzi venga in aula», tuona Di Maio.

La giornata di ieri è stata solo l'antipasto: chiusa la discussione generale, tra stasera e (più probabilmente) domani si arriverà al voto. La maggioranza chiederà che il provvedimento, che non è stato esaminato in commissione, torni in quella sede per essere vagliato insieme alle altre quattro proposte di legge di diversi partiti (incluso il Pd) sullo stesso argomento. E il Movimento Cinque Stelle si prepara alla sceneggiata in aula, per mettere alla gogna il Pd. Beppe Grillo è appositamente calato nella Capitale, e si prefigge di riempire le tribune ospiti di Montecitorio di attivisti del suo partito pronti a fare gazzarra scatenando un tifo da stadio in favore di telecamere, in appoggio alle truppe d'aula. Una kermesse funzionale alla campagna referendaria. Il Pd controbatte accusando i Cinque Stelle di pura demagogia: «C'è un solo modo per tagliare i costi della politica: si chiama fare le riforme, solo che non piace a chi chiede semplici operazioni di maquillage», denuncia la vicepresidente del gruppo Pd Alessia Morani. Che spiega che la riforma sottoposta a referendum «taglia in maniera definitiva 315 poltrone, abbassa gli stipendi ai consiglieri regionali, cancella il finanziamento ai gruppi regionali, elimina il Cnel e le province, supera il contenzioso tra Stato e Regioni. Con la riforma si risparmiano 500 milioni all'anno».

C'è solo un gruppo politico, conclude, che «guadagna elettoralmente se tutto rimane uguale: si chiama M5S». Alla proposta grillina è contrario anche il centrodestra, che ieri con il capogruppo azzurro Renato Brunetta ha lanciato la sua controproposta: «Rompendo il tabù dell'uguaglianza della retribuzione dei parlamentari, proponiamo di calcolare l'indennità da corrispondere a deputati e senatori sulla base del reddito percepito prima dell'elezione».

Una proposta che risulterebbe devastante proprio per i parlamentari grillini, che nella media - prima di approdare a Camera e Senato grazie al Porcellum - non vantavano carriere professionali di qualche rilievo: basti pensare ai redditi zero dichiarati anche da massimi dirigenti del partito, come Luigi Di Maio o Roberto Fico, fino al giorno prima dell'elezione.

Commenti
Ritratto di gzorzi

gzorzi

Mar, 25/10/2016 - 08:45

In pratica siete contro i tagli della casta, chissà perchè...

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Mar, 25/10/2016 - 09:17

Insomma,mi sembra che il M5S,voglia tagliare i rami dell'"albero delle spese" pubbliche,attenti che la sega non tagli troppo anche il loro(la proposta Brunetta,li terrorizza),ed altrettanto attenti a non perdere dei frutti(voti).Come al solito,quando si fanno queste "manovre",è difficile bilanciare il tornaconto di quelli che hanno una poltrona(avuta non si sa come...),e l'"ideologia" del risparmio,che non è univoca!Una cosa è certa,vale il motto:"prima si risparmia su di te,poi su di me,ma non troppo""...E le stelle stanno a guardare...!!

Gualtiero72

Mar, 25/10/2016 - 09:51

Caro Zagovian, questi guadagnano 10.000 euro al mese! I 5 stelle ne prendono la metà. E con i soldi risparmiati aiutano le piccole imprese. Se non hai prove del contrario stai zitto. Inoltre i 5 stelle stanno in parlamento per 2 mandati poi tornano a fare quello che facevano prima. Da quanti anni e' parlamentare Brunetta? Forse sarebbe meglio che tornasse a fare quello che faceva prima. Sono indifendibili di fronte alla società dei padri di famiglia senza lavoro o dei pensionati a 400 euro al mese. La proposta Brunetta non li terrorizza perché i 5 stelle faranno ancora un mandato e poi torneranno comunque a percepire uno stipendio normale. e' chiaro che il taglio dello stipendio non penalizza il m5s.....loro lo stipendio se lo sono già tagliato. Tu forse sei uno di questi privilegiati o forse sei ideologicamente fisso nell'accusare i 5stelle a priori. Buona giornata

Ritratto di allàAlbàr...

allàAlbàr...

Mar, 25/10/2016 - 10:01

imbarazzo? ah,ah,ah ma i DEL, PDuini imbarazzo e vergogna nemmeno sanno cosa siano, ormai con gli taglioti giocano a carte scoperte

Chanel

Mar, 25/10/2016 - 10:04

Sarà anche vero che la mossa è propagandistica ma quando si vuol affrontare il fatto che i nostri onorevoli sono i più pagati d' Europa? Non vi pare che una semplice equiparazione alla media europea sarebbe equa e semplice mentre la busta paga dei nostri parlamentari è concepita in modo poco trasparente assegnando una serie di veri privilegi? La mossa dei grillini spiazza perché condivisa da tutti gli italiani ai quali si chiedono sacrifici e per cui non valgono diritti acquisiti

Ritratto di marino.birocco

marino.birocco

Mar, 25/10/2016 - 10:13

Vi ho chiesto nei giorni passati come abbiamo votato Noi e nostri amici di merende della Lega in commissione e sistematicamente il mio commento è stato censurato. Ve lo richiedo cosa fate lo censurate di nuovo.

Ritratto di marino.birocco

marino.birocco

Mar, 25/10/2016 - 10:18

Quindi anche Noi siamo contrari , la proposta di Brunetta fa pena , almeno quella del PD di legare lo stipendio alle presenze in aula ha un minimo di credibilità.

Fjr

Mar, 25/10/2016 - 10:26

Tanto parlare e poi alla fine non taglieranno un centesimo ,la solita pagliacciata

Giulio42

Mar, 25/10/2016 - 10:54

Come sempre non cambierà niente, ma quello che è vergognoso e che sono mesi che si parla altro che di referendum e cavolate varie mentre il paese naviga senza timoniere. Vergognoso che Renzi abbia spostato da ottobre a dicembre una consultazione che sta creando più danno che beneficio in qualunque modo finisca.

Ritratto di Roberto_70

Roberto_70

Mar, 25/10/2016 - 11:13

Tutte le obbiezioni portate alla proposta sono ridicole e mettono in luce l'ipocrisia della classe politica. Fiano, in quanto parte della maggioranza, dovrebbe starsene zitto invece di rinviare come al solito il problema con la formula del "facciamo una discussione seria e approfondita".

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Mar, 25/10/2016 - 12:15

@Gualtiero72:...a me sembra,che la proposta di Brunetta,di correlarsi al "reddito percepito prima"(per disincentivare il cavalcare la "politica" come una fuga da una "bassa occupazione"),non sia sbagliata,ridurrei della metà,invece il tetto massimo,per opposto analogo motivo...e comunque,mi adeguerei alla "media" del COSTO TOTALE(stipendio,spese e benefici)EUROPEO,come tetto massimo(evitando casi,come i mega-rimborsi di Di Maio, che in tre anni ha speso 277mila euro,stipendio a parte)....Per la faccenda " dei padri di famiglia senza lavoro o dei pensionati a 400 euro al mese",mi trova d'accordo,ma pensi alla "politica" del suo partito,sull'immigrazione sconsiderata,che con miliardi di spesa,penalizza lavoro ITALIANO e FAMIGLIE italiane,che con questi soldi,potrebbero campare meglio!!!

mcm3

Mar, 25/10/2016 - 13:13

Tutti uniti per salvare i privilegi della casta ...chiaramente la fate apparire come una lotta tra M5S e PD, e FI che ne pensa, non si esprime? ahahahahahaha ne riparliamo dopo il referendum, altro che problema profughi