Lo stolto guarda il Califfo, il saggio la Turchia

Erdogan vuole prendersi la Siria e l'Irak. Europa e Usa lo appoggiano. Putin e Iran no

Il presidente francese Hollande sta cercando di mettere in piedi un'alleanza militare disposta a distruggere l'Isis. Ha coinvolto il premier Cameron, ha parlato con Obama e alla fine è andato da Putin, il primo a proporre questo tipo di coalizione. Ne esiste infatti già un'altra di cui fanno parte gli Usa, la Turchia ed i Paesi arabi ma non ha mai fatto nulla perché i partecipanti islamici in fondo appoggiavano l'Isis. L'alleanza militare che cerca di mettere in piedi Hollande è esattamente la stessa che ha combattuto e sconfitto il nazismo. Con la Guerra fredda è stata cooptata la Turchia ma, scomparsa l'Urss, la Turchia è rimasta e la Russia non è stata accolta.Funzionerà l'alleanza Usa-Gran Bretagna-Francia-Russia? Nessuna di queste potenze vuole mandare truppe di terra. Nessuna se la sente di occupare il territorio dell'Isis e non saprebbe come governarlo. Invece la Turchia, sotto Erdogan, aspira a diventare la potenza egemone del mondo musulmano nel Medio oriente e dell'Asia Centrale e sogna di inglobare il territorio del Califfato, cioè parte della Siria e dell'Irak.È perfettamente in condizione di invaderlo militarmente e sa anche come controllarlo, presentandosi come l'unica nazione in grado di restaurare la pace e l'ordine. Per questo oggi appoggia il Califfato, per creare disordine e poi apparire come il salvatore. Gli americani non vogliono grane, sono amici dei turchi, odiano i russi, diffidano dell'Iran e quindi probabilmente lascerebbero fare. L'Europa resterà ferma perché non sa respingere i milioni di profughi musulmani che la Turchia può farci arrivare. Chi si oppone al tentativo della Turchia di diventare una grande potenza sono solo l'Iran - che vuole salvare l'area sciita dell'Irak e della Siria -, e la Russia, che vuol conservare una base nel Mediterraneo e teme un'azione destabilizzante dei turchi nel Caucaso. È con loro che la Turchia è destinata a entrare sempre più in conflitto. Un segnale è rappresentato dall'abbattimento dell'aereo russo, si attende la scintilla anche con gli iraniani.

Commenti

Un idealista

Dom, 29/11/2015 - 17:13

La Turchia non è meno pericolosa dell'Isis per il semplice fatto che hanno entrambi lo stesso obiettivo davanti a sé: sottomettere tutto il mondo all'islam. In un certo senso, la Turchia è ancora più pericolosa dell'Isis perché è considerata uno Stato amico.

Alessandro10

Dom, 29/11/2015 - 17:34

La Francia si dovrebbe schierarsi senza se e senza ma con la Russia...e gli europei idem. La politica di Barack Hussein Obama non ha fatto altro che crear danni in Medio-Oriente. E' come quella italiana, amica di tutti e nemica di nessuno. Mi faccio una domanda semplice; perchè si preferisce un fondamentalista finto moderato quale è Erdogan ad un dittatore laico quale è Assad... I risultati del fondamentalismo li si vede in continuazione da mesi e mesi..

jeanlage

Dom, 29/11/2015 - 18:03

E l'intelligente guarda ad Obma ed i suoi padroni petrolieri.

sorciverdi

Dom, 29/11/2015 - 18:21

Questa Turchia di Erdogan e del suo perfido partito islamista non ha nulla a ché vedere con la Turchia che era stata fondata da Ataturk sulle ceneri dell'Impero Ottomano che invece Erdogan sogna di restaurare. Varrebbe la pena ricordare cos'ha significato per secoli l'Impero Ottomano per i Paesi occidentali: pirateria, razzie, schiavismo, guerre e violenze d'ogni genere. Una Turchia che controlli il mondo islamico non funzionerebbe mai: lo sanno tutti che quel mondo è diviso in tantissime fazioni e sarebbe anche peggio di ora. Ce li vedete quelli che adesso si ammazzano fra di loro a fare giro-girotondo felici e sorridenti sotto la mano (pesante) della Turchia del mezzo-sultano? Ma per favore!

Ritratto di libere

libere

Dom, 29/11/2015 - 18:38

L'analisi di Alberoni è, come al solito, acuta e lungimirante. Ma come i vaticini di Cassandra e le profezie della Fallaci, rimarrà inascoltata tra le mortifere stanze di Bruxelles. Le mediocri classi dirigenti europee preferiscono il dilagante Pol.Cor. propinato al mondo in dosi massicce dallo sciagurato "Abbronzato".

lusignoli

Dom, 29/11/2015 - 18:39

La Turchia sta dietro ISIS essendo entrambi Sunniti. ISIS rifornisce la Turchia di petrolio a bassissimi prezzi e la Turchia fornisce ISIS di armi ed altro. La Turchia dovrebbe essere considerata uno Stato canaglia alla pari dell'Arabia Saudita e il Qatar e di conseguenza dovrebbe essere prima sanzionata bene bene e se non basta bombardata di brutto. La Russia non ci poenserebbe due volte. Fa specie che Berlusconi faceva l'amicone con quel cialtrone e criminale di un Erdogan.

lusignoli

Dom, 29/11/2015 - 18:41

Questo Erdogan è un vero cxxxxxo e come tutti i cxxxxxi è anche pericoloso. Prima o poi Putin dovrà dargli la lezione che merita.

semelor

Dom, 29/11/2015 - 18:51

Pinotti, Renzi, Mogherini, vogliono la Turchia nell' UE non mi raccapezzo sono tre cxxxxxi! Appena saranno accolti avremo l'invasione di 5 milioni di giovani turchi tutti forti e aitanti pronti a tutto. Questo me lo ha confermato una guida turistica turca. Ha detto che UE non sa il pericolo che corriamo e che i nostri ministri sono proprio degli sprovveduti. Mamma lì turchi.

Cheyenne

Dom, 29/11/2015 - 18:58

LA TURCHIA VA BLOCCATA. SONO ORMAI ISLAMICI FANATICI E NON SANNO REPRIMERE LA GIUSTA RESISTENZA CURDA FIGURIAMOCI GOVERNARE SIRIA IRAK LIBANO ETC. INOLTRE SAREBBE UN PERICOLO MORTALE PER ISRAELE E NON GARANIREBBE IL BLOCCO DEI NEGRI INVASORI

swiller

Dom, 29/11/2015 - 19:25

Erdogan è peggio dei terroristi.

Ritratto di libere

Anonimo (non verificato)

pbartolini

Dom, 29/11/2015 - 21:39

Chi ha capito tutto e da tempo è PUTIN, che non vuole lo smembramento della Siria per sua convenienza strategica e per nostra fortuna, l'unico modo per non subire ricatti dalla Turchia è ricostituire lo stato della Siria. Questo deve capire bene Renzi. Bisogna impedire ad Erdogan di ricattarci come faceva Gheddafi con l'Italia.Ora si capisce perché nella costituzione EU è scomparsa l'origine su i valori Cristiani.

ambrogiomau

Dom, 29/11/2015 - 21:39

Bella analisi ma anche tanto triste .

Ritratto di giuseppe zanandrea

giuseppe zanandrea

Lun, 30/11/2015 - 05:57

va bene caro Alberoni! l' analisi è fondata ma come dice sorciverdi@ la Turchia non potrebbe reggere la leadership dei Paesi sunniti. Fatto è che gli 80 milini di turchi fanno paura come sempre nella loro storia, all' Occidente. Se penso che erano ad un passo dall' entrare nella EU....un brivido mi corre lungoschiena. Ma invece dobbiamo stare attenti alla subdola politica anglo-americana che appoggia Erdogan in funzione destabilizzatrice del Medioriente. Quando si vorrà capire che il nostro (per l' Europa) naturale alleato è la Russia di Putin che sola può indurre la cricca sionista che guida gli USA a più miti consigi. Credo che anche la Santa Sede docvrà prendere una posizione sulla questione! NON E' ISIS IL NOSTRO VERO NEMICO !

sorciverdi

Lun, 30/11/2015 - 06:24

@ semelor: non sono sprovveduti ma complici.

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Dom, 21/02/2016 - 19:59

Ma la Turchia ha sempre fatto gli interessi dei suoi "cosiddetti" alleati? Mi sovviene che visto il "sistema" interno che la compone si evinca che "non c'è pace oltre il Bosforo".