Stop agli atti senza notaio per le compravendite sotto i 100mila euro

Modificato il ddl concorrenza: saltano l'articolo 28 e la prima stesura dell'articolo 15. Ancora necessari i notai per la compravendita di immobili dal valore inferiore a 100mila euro

L’articolo 28 del ddl concorrenza - che dava agli avvocati la possibilità di autenticare gli atti di compravendita di questo tipo di immobili - è saltato. Di conseguenza saranno ancora indispensabili i notai per la compravendita di immobili adibiti ad uso non abitativo (quindi non residenziali, ma ad esempio box e negozi) dal valore inferiore ai 100mila euro.

Le commissioni Finanza e Attività Produttive della Camera hanno infatti approvato 10 emendamenti soppressivi dell’articolo 28 del ddl concorrenza, che viene quindi completamente sostituito da un’altra norma che stabilisce invece che il registro delle successioni sarà tenuto dal Consiglio Nazionale del Notariato e non più dai tribunali.

Oltre all'articolo 28 è saltata anche la prima stesura dell’articolo 15 del ddl concorrenza riguardante la portabilità dei fondi pensione. Le commissioni della Camera hanno riscritto la norma introducendo "la convocazione di un tavolo di consultazione" con sindacati, organizzazioni datoriali ed esperti di previdenza, al fine di "avviare un processo di riforma delle medesime forme pensionistiche".

Commenti

carpa1

Ven, 31/07/2015 - 17:36

Scordiamoci la sburocratizzazione del paese. Siamo destinati a soccombere sotto il peso di una sempre più pressante e perenne burocrazia che ci soffoca ed impedisce di toglierci di dosso questa enorme zecca che alimenta solo i parassiti rendendoci sempre più servi ed impotenti. Solo un colpo di stato ci potrebbe salvare, ma chi lo potrebbe fare? Onon abbiamo più nessuno in grado di prendere in mano le redini di un cavallo impazzito che si chiama i-taglia (i cittadini) visto che le FA sono solo impegante a salvare i parassiti che partono vestro le nostre coste.

Ritratto di Riky65

Riky65

Ven, 31/07/2015 - 17:39

Le lobby comandano ancora in Italia!!!

Giorgio Mandozzi

Ven, 31/07/2015 - 17:41

Il solito "contrordine compagni"! Davvero una repubblica delle banane!

Rossana Rossi

Ven, 31/07/2015 - 17:59

ha ragione carpa1.........

maurizio50

Ven, 31/07/2015 - 18:11

In Italia ci sono solo due categorie di intoccabili a numero chiuso, qualunque sia il governo: quella dei farmacisti e quella dei notai! E non a caso in Italia il costo dei farmaci è il più alto del mondo civile; e devi far fare un atto dal notaio per qualunque questione anche di poco conto, mentre in tutta Europa dette attestazioni possono essere eseguite da qualunque avvocato!!!!!!!!!!!!!!!!

Ritratto di BIASINI

BIASINI

Ven, 31/07/2015 - 18:29

La corporazione dei notai si è fatta "massonicamente" sentire!. La Buonanima ebbe a dire che non era impossibile governare l'Italia. Era solo inutile. Poveri noi, prigionieri di caste politiche, notarili, giornalistiche, legali, bancarie, dei farmacisti, dei tabaccai, dei sindacalisti, dei burocrati dei pastori, dei vaccari ecc. ecc. Senza speranza.

Ritratto di orcocan

orcocan

Ven, 31/07/2015 - 19:01

Era una cavolata o, se vogliamo, una goccia nel mare delle contrattazioni. Se si vuole fare una modifica profonda si dovrebbe abolire il notariato. E poi, i professionisti che li sostituirebbero lo farebbero gratis e con le dovute competenze? Fino a una cinquantina di anni fa i notai erano rispettati per la loro professionalità e serietà con 1 o 2 dipendenti e non erano per niente ricchi. Diciamo benestanti. I costi che il cittadino attribuisce al notaio si sono decuplicati non per le tariffe che sono pari a quelle di qualsiasi avvocato-ingegnere-architetto ma a seguito delle incombenze burocratiche che prima erano a carico dello Stato che le ha trasferite ai notai, pubblici ufficiali, trasformando gli studi notarili in vere e proprie aziende con una media di 10 impiegate. L'unica nota positiva e' che almeno danno lavoro a circa centomila persone.

Ritratto di Roberto53

Roberto53

Ven, 31/07/2015 - 22:46

Non è la prima volta che la lobby dei notai fa fare marcia indietro a Governo e Parlamento, conservando privilegi e rafforzando il proprio ruolo (e reddito).

Pigi

Ven, 31/07/2015 - 22:53

orcocan. Ma no, nessuno vuole abolire il notariato. Però se voglio vendere un immobile devo poterlo fare senza dover per forza ricorrere al notaio, come ormai avviene per le auto. Il problema è più tecnologico che giuridico. Il passaggio di proprietà deve essere trattato come il bonifico del conto: la proprietà passa di mano e contemporaneamente il denaro arriva nel conto corrente. Non si capisce perché un trasferimento di fondi di un milione di euro lo può fare un bancario, mentre per vendere un posto auto occorre il notaio.

zisp

Sab, 01/08/2015 - 02:11

ma perché esistono ancora dei co...i che pensano che l'Italia sia riformabile? Lo stato italiano fallito, ladro e mafioso è il buco nero della civiltà occidentale e prima tira le cuoia meglio è per tutti. Noi in Veneto la sola speranza che abbiamo è di autodeterminarci e di ridarci quell'indipendenza che sola ci può garantire un futuro. Veneto libero!

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Sab, 01/08/2015 - 07:59

Altre tasse,e poi ci vengono a dire che le diminuiscono.Bugiardi e chi è bugiardo è..............................

Ritratto di Tibursi

Tibursi

Sab, 01/08/2015 - 08:37

Purtroppo questo Paese e' strozzato dalle lobby contro le quali nulla si puo'. Non esiste Governo che possa cambiare l'Italia ormai siamo sottomessi alla Criminalita' organizzata che si e' infiltrata ovunque e alle lobby. Purtroppo in questa situazione le cose possono cambiare solo con una Dittatura. E' triste dirlo ma e' la sacrosanta verita'.

venessia

Sab, 01/08/2015 - 09:00

Gli atti fino a centomila euro siano gratuiti escluso tasse,imposte, qualsiasi cittadino provvederà, in privato se capace, alle dovute registrazioni oppure avrà la facoltà di rivolgersi ad un libero professionista per essere assistito. Da sempre, nel caso di immobili, il compromesso può essere registrato da chiunque pagando le dovute tasse (lo stato può fare a meno del notaio per incassare). Si eviti la firma del professionista così potrebbe essere gratuita la transazione, molto semplice vero?...eppure..

Ritratto di orcocan

orcocan

Sab, 01/08/2015 - 11:24

Qualcuno ha esperienza dell'iter di un trasferimento immobiliare? Qualcuno ha seguito personalmente le incombenze del prima, durante e dopo per la certezza del diritto? Il problema invece è proprio giuridico che tecnologicamente i notai sono sempre stati all'avanguardia. Sono rarissime le persone che potrebbero far da sole, come succede con il 730 dove quasi tutti si rivolgono a un professionista o al CAF. Purtroppo la privacy e la deontologia impediscono di palesarmi. Vorrei precisare che la mia non è una difesa d'ufficio e sono d'accordo che i notai, come tante altre professioni, ivi compresi i tassisti, sono delle lobbies. Alla fine il grosso problema resta quello della iperburocrazia. Buone vacanze.