Lo stragista di Piazza della Loggia arrestato nel santuario di Fatima

Maurizio Tramonte condannato all'ergastolo in via definitiva

Erano già partiti gli allarmi sulla «beffa allo Stato», sulle coperture, eccetera: invece Maurizio Tramonte, condannato all'ergastolo martedì sera per la strage di piazza della Loggia, se n'era andato da solo e senza appoggi evidenti tranne quello della moglie. E una manciata di ore dopo l'avvio delle ricerche è stato fermato dalla polizia portoghese a Fatima, su indicazione dei carabinieri del Ros. Che da settimane non lo perdevano d'occhio, in vista dell'udienza in Cassazione che poteva rendere definitiva la sua condanna.

Ed effettivamente martedì, dopo quattro ore di camera di consiglio, la Cassazione ha confermato: ergastoli per Tramonte e per il medico Carlo Maria Maggi, entrambi neofascisti, colpevoli di avere partecipato all'organizzazione della strage di piazza della Loggia, a Brescia, nel maggio 1974. Ieri mattina la procura generale di Milano, titolare dell'ultima puntata del complesso iter processuale sulla strage, fa partire gli ordini di esecuzione. Maggi, ormai ultraottantenne, malato, viene raggiunto dal mandato di arresto nella sua casa veneziana: è verosimilmente destinato a scontare la condanna ai domiciliari o in una struttura ospedaliera. Di Tramonte, 65enne, che abita e lavora a Brescia invece a casa e in ufficio non c'è l'ombra. Anche il suo avvocato dice ai giornalisti: «É da giorni che non lo sento, non so dove sia». Così parte il panico. Anche la Procura generale di Milano fa sapere di ignorare la sorte di Tramonte.

Invece i carabinieri non lo avevano mai perso di vista. Viene catturato ieri mattina, all'uscita del santuario di Fatima, dove si era recato a pregare: perché, e questo è un dato di fatto, l'ex estremista nero è oggi un cattolico fervente. Ma che si trattasse dell'inizio di una fuga appare innegabile. Tramonte tre giorni fa ha lasciato Brescia in automobile e si è recato in Francia, qui è stato raggiunto dalla moglie e ha fatto scambio di vettura, quindi è proseguito per la Spagna e poi per il Portogallo dopo avere disattivato il Telepass e sconnesso il telefono cellulare. In Portogallo aveva messo in atto tecniche raffinate di contropedinamento, che però non sono state sufficienti a toglierlo dal mirino del Ros: il reparto che era stato creato (allora si chiamava Nucleo speciale antiterrorismo) per volere del generale Dalla Chiesa appena sei giorni prima che in piazza della Loggia la bomba neofascista uccidesse otto persone durante una manifestazione sindacale.

La strage ebbe per la giustizia un primo colpevole, Ermanno Buzzi, ucciso poi da altri neofascisti in carcere; molti anni dopo si tornò a scavare, sulla base di quanto a Milano il giudice istruttore Guido Salvini andava scoprendo nel mondo della eversione nera indagando sulla strage di piazza Fontana del 1969. Le inchieste bis sulle due stragi sono viaggiate parallelamente, avendo in comune molte fonti di prova e alcuni indagati, tra cui Maggi e Delfo Zorzi. Ma mentre l'inchiesta su piazza Fontana finiva in nulla, a Brescia - al termine di un percorso accidentato, segnato da assoluzioni e annullamenti - alla fine Maggi e Tramonte (all'epoca informatore dei servizi, nome in codice «Tritone») sono stati condannati. Entrambi si proclamano innocenti.

Commenti

renato1943

Gio, 22/06/2017 - 19:12

Al posto di tre fasi di giudizio ne facciamo 6 cosi in Galera non si va piu!!!!!!