Strappo di Errani, il Pd perde un altro pezzo

L'ex governatore della Regione Emilia Romagna, Vasco Errani, annuncia che seguirà Bersani: "Se le cose non cambiano vado via. Sabato nella mia sezione spiegherò il perché"

Il Partito democratico sta per perdere un altro pezzo. Si tratta di Vasco Errani, ex governatore della Regione Emilia Romagna e attuale commissario straordinario per la ricostruzione dopo il terremoto in Centro Italia. "Se le cose non cambiano vado via - riporta Repubblica -. E sabato pomeriggio spiegherò perché a Ravenna, nella mia sezione, com’è giusto che sia". È noto che Errani sia legato da tempo a Bersani, ma l'addio al Pd renziano (e la scelta dei tempi) non era per nulla scontato. Anche perché Errani è sempre stato un politico propenso all'incontro più che allo scontro. E da quando si occupa della ricostruzione dopo il terremoto le sue uscite pubbliche su temi politici sono pressoché inesistenti.

Ma il momento dell'addio è arrivato: anche Errani si accinge a lasciare il partito. A nulla valgono le resistenze di chi, come Romano Prodi, prova ad evocare il "suicidio", facendo di tutto perché sia evitato. "Ci siamo sentiti - ammette Errani - certo, sempre in questi anni ci siamo sentiti. Anche quando lui decise di non iscriversi più al Pd ci sentimmo, perché è da tre anni che Prodi non prende più la tessera del Pd, se non sbaglio". Con questa frase, buttata lì quasi per caso, Errani sembra voler dire: che volete da me, anche Prodi se n'è andato dal partito che ha fondato.

Sul caso Errani dice la sua il sindaco di Bologna, Virginio Merola: "Se Vasco seguisse Bersani sulla strada della scissione mi dispiacerebbe moltissimo perché Errani è stato ed è un ottimo amministratore e ha una grande lungimiranza politica. Mi auguro che non lo faccia - prosegue Merola- perché avremo bisogno di tutte le sue capacità e non vedo il motivo di fondo, oggi, per abbandonare il Pd, anche se prevalesse una posizione non condivisa".

Commenti
Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mer, 22/02/2017 - 14:38

Allora dovrebbe rassegnare le dimissioni da responsabile per le zone terremotate. Quelli che contesta gli hanno dato l'incarico, che potrebbe essere revocato.

Ritratto di aresfin

aresfin

Mer, 22/02/2017 - 14:47

Questo utile idiota farebbe meglio a lasciare l'Italia, con tutti i danni e le ruberie che ha fatto e che sta ancora facendo.......

agosvac

Mer, 22/02/2017 - 14:48

Che errani sia stato un "ottimo" amministratore, lo dovrebbero dire le persone che ha amministrato e non mi sembra lo abbiano mai fatto!!! Di contro ci sono alcune indagini che direbbero il contrario. Per quanto riguarda il terremoto, ancora non si è visto niente di niente!!!

Ritratto di ...AmericaFirst..

...AmericaFirst..

Mer, 22/02/2017 - 15:10

un altro pezzo che raggiunge la sua destinazione

igiulp

Mer, 22/02/2017 - 15:16

Chissenefrega dei terremotati. L'importante è la mia carriera politica, i miei spazi nel partito e i miei interessi- Tutto il resto è noia..... avrebbe detto qualcuno che non c'è più.

beale

Mer, 22/02/2017 - 15:18

ma come siamo messi!!! Merola parlando di Errani: "ha una grande lungimiranza politica"; se gliela riconosce, lo segua.

Trinky

Mer, 22/02/2017 - 15:25

Veramente a noi che lasci il partito frega niente, però vorremmo sapere dove stanno finendo i soldi dei terremotati che loro non hanno mai ricevuto.....

Ritratto di pulicit

pulicit

Mer, 22/02/2017 - 15:27

Bene.Regards

i-taglianibravagente

Mer, 22/02/2017 - 15:35

...se poi ti "sposti" anche dalla gestione della ricostruzione post terremoto e la lasci a qualcuno che lo sappia fare e sappia andare oltre i proclamini alla radio e alla televisione, meglio ancora.

Ritratto di wilegio

wilegio

Mer, 22/02/2017 - 15:49

Sì, bravo, va' in mona! Però lasci anche la carica di "ricostruttore", dal momento che te l'ha assegnata "il partito"!

Ritratto di dr.Strange

dr.Strange

Mer, 22/02/2017 - 15:49

lasci il PD e vada in galera

Libertà75

Mer, 22/02/2017 - 16:08

Il problema dell'area sinistra del PD è che il Paese non la riconosce più. Ai tempi di Berlinguer e Craxi, l'area socialista superava il 50% di consenso nel Paese. Oggi buona parte di quello share è assorbito dal M5S, quindi anche una neo ricostruzione di "sinistra italiana" che vada dagli arancioni agli ecologisti, dai stroskisti ai social liberali, dai filo Tsipras ai post bersaniani, non coglierà più di un 15%, risultato comunque notevole, ma a conti fatti meno della metà del solo PCI ai tempi in cui faceva un po' di politica per la gente.

VittorioMar

Mer, 22/02/2017 - 17:02

...ma non la poltrona da Commissario!

Rossana Rossi

Mer, 22/02/2017 - 17:29

Si son presi in mano tutto senza avere alcuna capacità che sia riconosciuta da altri e non da loro, hanno rubato e rimestato fin che han voluto, sono un cancro di cui l'Italia non dimostra di essere capace di liberarsi visto che ci sono ancora italioti che li votano.......non se ne può più, altro che Berlusconi, al loro confronto è un santo........

Chanel

Mer, 22/02/2017 - 17:56

Non sono certo una fan di Errani nè del pd ma l'aggressività della stampa e dei renziani nei confronti dei fuoriusciti è spaventosa. Ma la Maria Teresa Meli è a busta paga di Renzi? A tagadà su la 7 ha verbalmente aggredito il presidente Rossi chiedendogli perché non si dimettesse da governatore per etica. Ma renzi non ha governato per quasi tre anni con i voti di bersani su un programma totalmente diverso e con i voltagabbana di NCD e Verdini? E avrebbero la pretesa di parlare di etica? Il PD renziano mi fa paura

sparviero51

Mer, 22/02/2017 - 19:12

DIASPORA PD : IL LENTO SUICIDIO DEI "00" !!!

Ritratto di BIASINI

BIASINI

Mer, 22/02/2017 - 19:16

Via un altro "pezzo". Non avete specificato di che cosa.

vale.1958

Mer, 22/02/2017 - 19:23

Qualcuno spieghi a Merola che il motivo di lasciare il PD si chiama RENZI.....un bulletto pieno di se che ha fallito su tutto e ha dei decelebrati che ad ogni sua parola applaudono !! IRenziani

Ritratto di elio2

elio2

Mer, 22/02/2017 - 20:53

E' solo uno dei tanti buoni a nulla, amici e amici degli amici da accontentare, altrimenti sbatte la porta e se ne va. Danni ne ha fatti come governatore, caso insabbiato dalle toghe rosse, la ricostruzione farlocca del sui primo incarico a commissario che si somma alla seconda ricostruzione ancora tutta da iniziare. Amici terremotati, abbiate pazienza ci sono ancora dei terremotati del Belice da sistemare, e sono passati solo 49 anni. Votate PD.

cangurino

Gio, 23/02/2017 - 01:48

nella sinistra e nel pd volerebbero gli stracci, a sentirli parlare. Poi qualcuno mi deve spiegare perchè nel parlamento, dove risiedono gli stessi soggetti che si starebbero prendendo a pugni, il governo e le sue meravigliose leggi, continuano ad essere approvate, magari anche a colpi di fiducia.

il sorpasso

Gio, 23/02/2017 - 07:38

Deve lasciare il ruolo di commissario del terremoto anche perchè non ha fatto ancora nulla di buono anzi...........lasciamo perdere.

ilbarzo

Gio, 23/02/2017 - 08:36

Andantotene dal PD,da quella accozzaglia di mentecatti, dimostreresti di avere ancora del cervello e peraltro di saperlo usare.