La strategia di Renzi per votare subito: sì al «Consultellum»

L'ex premier teme la melina sull'Italicum: è ok quel che esce dalla Corte costituzionale

Il voto di ieri nelle due aule parlamentari, con Forza Italia e verdiniani compatti a sostegno del governo Gentiloni sulla questione banche, dimostra che le trincee per non andare a votare sono già scavate, e parecchio affollate.

Un ostacolo non da poco sulla strada di Matteo Renzi, che allo stato è l'unico leader politico a puntare con chiarezza ad elezioni anticipate, visto che Silvio Berlusconi e Beppe Grillo (il cui partito, dopo i notevoli exploit della sindaca Raggi, perde consensi in tutti i sondaggi) non le vogliono neanche dipinte. L'ex premier Pd, che ieri è tornato a Roma e ha riunito segretari regionali e provinciali del suo partito, ha sottolineato con i suoi questa anomalia: «Quelli che hanno vinto il referendum con il 60%, cavalcando il No, il giorno dopo sono terrorizzati dalle urne: strano, no?», ragiona uno dei dirigenti Pd che ha partecipato alla riunione. Alla fine, l'unico partito che non ha alcuna paura di affrontare il voto - forte di un 40% tutto suo - siamo noi, ha fatto notare Renzi, registrando un consenso pressoché unanime dai dirigenti Pd sul territorio. «Nel referendum, paradossalmente, c'è la conferma che siamo il primo partito nel Paese. Nella sconfitta individuiamo un elemento di ripartenza», ragiona il segretario toscano Dario Parrini.

Sa bene, Renzi, che il nemico più insidioso sul cammino verso le elezioni in primavera (aprile resta la sua scadenza preferita) non sta né al Quirinale né a Palazzo Chigi. L'intesa con Paolo Gentiloni è totale, e le parole di Sergio Mattarella vengono lette al Nazareno come un via libera al voto appena ci sarà una nuova legge elettorale: «Ci troviamo nella fase conclusiva della legislatura, con un orizzonte di elezioni», ha detto con chiarezza il presidente della Repubblica. Facendo intendere che non sarà certo lui a mettersi di traverso, una volta che ci sia una legge che permetta «esiti chiari» dalle urne.

Ed è proprio sulla legge elettorale che si scatenerà la resistenza delle altre forze politiche: «Faranno melina per impedire che ne venga approvata una», teme il leader Pd. Che però ha spiegato ai suoi che «se pensano di infinocchiarmi facendo partire una trattativa sfinente con l'obiettivo di arrivare al 2018, si sbagliano». Per questo, prima di andare a vedere i possibili numeri in Parlamento sul Mattarellum, il Pd vuole attendere la sentenza della Corte Costituzionale sull'Italicum: se gli altri partiti si metteranno di traverso sul Mattarellum, «Renzi è pronto a prendersi anche la legge che uscirà dalla Consulta, facendo una rapida modifica in Parlamento per rendere omogenei i sistemi di Camera e Senato, per poi votare con quello», spiega uno dei partecipanti alla riunione di ieri al Nazareno.

La minoranza Pd è pronta a fare sponda con Berlusconi per impedire che si approvi il Mattarellum. Bersani e Speranza non vogliono elezioni anticipate con Renzi in sella a fare le liste: senza un nuovo congresso, e con pezzi consistenti della ex minoranza ormai schierati con Renzi (come l'ex bersaniano Martina) o in rotta di collisione con loro come Cuperlo, la possibilità di ottenere più di una manciata di candidature è zero. E i segretari regionali e provinciali del Pd ieri hanno dato voce alla insofferenza generale del partito nei loro confronti: «Sulla questione Jobs Act stanno giocando sporco: lanciano ultimatum contro i voucher, dimenticando che ad introdurli sono stati proprio loro, con i governi Monti e Letta e la segreteria Bersani», è stata una delle accuse ricorrenti.

Commenti

diesonne

Gio, 22/12/2016 - 08:54

diesonne renzi è fuori scena ,al voto si andrà a settembre quando ci sarà la serenità politica-dimentichi il suo turismo politico e mediti suoi guai che ha combinato-chieda consigli a persone sagge.faccia buone feste.il resto seguira' e ripassi le regole degli scout.

divenire

Gio, 22/12/2016 - 08:56

Fino a qualche giorno fa tutti volevano le elezioni subito per mandar via Renzi definitivamente. Non era più tollerabile un nuovo governo non eletto. Il parlamento era illegittimo. 20 milioni di italiani contro il PD. Dopo pochi giorni: abbiamo scherzato; ci va bene così; Brunetta vota a favore del governo "illegittimo" fotocopia di Renzi; le elezioni le vuole solo Renzi; Salvini e Grillo pensano ad organizzare il capodanno. Con questa sceneggiatura si poteva fare il cinepanettone 2016.

Ritratto di orione1950

orione1950

Gio, 22/12/2016 - 09:11

Il PAGLIACCIO, lo sappiamo, é anche bugiardo. Perché vuole andare subito alle elezioni? Presto detto. 1) vuole essere lui a fare le liste dei candidati perché questo gli permetterà, anche dopo le elezioni e in caso di sconfitta, di restare ancora segretario; 2) crede che il 40% di si al referendum siano tutti voti suoi; 3) più le elezioni tardano più lui andrà nel dimenticatoio e per un narciso come lui questo non é positivo; 4) il tempo lavora a suo svantaggio perché la negatività delle sue manovre ed il referendum sul jobs act si faranno sentire in modo accentuato verso la metà del 2017; 5) nessuno, compresi i pdioti, vuole le elezioni prima di settembre.

Marcello.508

Gio, 22/12/2016 - 09:58

Ma non aveva detto che se avesse perso il referendum avrebbe lasciato la politica? Idem la Boschi. Gente così la si può definire con un solo termine: bugiardi (incalliti/seriali).

Ritratto di Agrippina

Agrippina

Gio, 22/12/2016 - 10:00

Renzi è l'unico che vuole votare subito e sebbene al 99% non lo voterò,sebbene al 100% non rappresenta le mie idee anzi è dall'altra parte del mio pensiero,gli riconosco di essere l'unico vero leader oggi e comunque l'unico a non aver paura del voto anzi a volere una legge elettorale con la quale alla fine ci sarà un vincitore.Gli altri?piccoli giapponesi che provano a resistere alla poltrona.

veronica01

Gio, 22/12/2016 - 10:29

Si legge che abbia dato ordine di infangare la Raggi al massimo, per evitare che si parli dei problemi reali che ci sono in Italia. Ebbene perchè si permette questo? Lui ha ancora dei sospesi verso i cittadini italiani, ci faccia vedere il resoconto dei suoi scontrini e di tutte le migliaia di spese che si è fatto rimborsare da sindaco e capo della provincia di Firenze. Noi non ce ne siamo dimenticati.

Ritratto di gzorzi

gzorzi

Gio, 22/12/2016 - 10:52

Il problema è che è l'unico ad avere qualche numero, gli altri sono solo alle ipotesi e come tali resteranno. Purtroppo è una cruda realtà.

g-perri

Gio, 22/12/2016 - 11:42

Forse non si è ancora reso conto che molti di coloro che lo adulano lo fanno solo perchè è ancora segretario del partito, ma al momento buono faranno di tutto per togliergli lo scettro. Tutti si sono accorti della sua cattiveria e pericolosità, quindi mai più segretario uno così.

Ritratto di riflessiva

riflessiva

Gio, 22/12/2016 - 12:14

@Agrippina sempre lucido. Siamo su due sponde diverse, ma concordo con lei. Vedrà che alla fine lo sosterrà perché è l'unica speranza per l'Italia

agosvac

Gio, 22/12/2016 - 12:57

Secondo me l'unico che si sbaglia in questa certezza di un voto a suo favore è renzi. E' sicuro che questo 40% di SI' sia solo suo, ma non si rende conto che molti anzi moltissimi hanno votato Sì pensando "meglio una riforma mal fatta che nessuna riforma" , non era un voto politico a suo favore!!! Credo che alle prossime elezioni, quando ci saranno, avrà un brutto risveglio.

Ritratto di perSilvio46

perSilvio46

Gio, 22/12/2016 - 13:08

Il Bomba ha perso la testa! Andare al voto non gli conviene proprio, ultimo sondaggio Winpool : CD 34,1%, M5S 28,1%, PD 26,9%. Anche se si votasse con l'Italicum la partita sarebbe CD-M5S, ma voteremo con il proporzionale ed allora al CD, quale partito di maggioranza relativa, spetterà l'incarico di formare il governo. Il PD, ammesso che resti unito (cosa quasi impossibile) è fuori gioco, se davvero Renzi vuole elezioni subito è l'unico a non aver capito la situazione, che appare chiara: il PD ha finito il suo ciclo storico.

Iacobellig

Gio, 22/12/2016 - 13:36

IL BUFFONE NON VUOLE USCIRE DI SCENA, PERCHÈ NON SA FARE ALTRO CHE IL POLITICO! SEMPLICEMENTE UN FALLITO!!!

Marcello.508

Gio, 22/12/2016 - 13:50

"Ancora tu non mi sorprende lo sai ancora tu ma non dovevamo vederci più?" .. "Caro" pinocchione di Rignano a balle non ti supera nessuno, neanche il tipetto di Arcore. Ennesima giravolta che ti rende sempre più inviso quella di mentire ben sapendo di mentire, credendo che la gente sia boccalona e ignorante, di poca memoria.

unosolo

Gio, 22/12/2016 - 16:46

parliamoci chiaro ha perso la presidenza , se perde anche la segreteria del suo partito con quale lavoro andrebbe in giro tutto spesato ? ed ecco che si torna al discorso dei baratti , " tutti hanno un prezzo " anche egli ,