Sulla scuola i sindacati non sentono ragioni: "Modifiche insufficienti"

Il governo incontra i leader di Cigl, Cisl e Uil, che attaccano: "Cambiamento sì, ma non come vogliono loro"

Dopo diverse ore si chiude con un nulla di fatto l'incontro tra governo e sindacati sulla riforma della scuola. "Oggi era importante darvi direttamente una visione complessiva del provvedimento in discussione al Parlamento in un’ottica di dialogo e condivisione", ha detto il ministro dell’Istruzione, Stefania Giannini, ai leader di Cgil, Cisl, Uil.

"Ho apprezzato gli sforzi del governo per apportare modifiche, ma sono insufficienti", ha replicato però il segretario generale della Uil, Carmelo Barbagallo, "Precariato, valutazione e contratto: sono questi i tre punti su cui chiediamo interventi. Cosa succede dopo questo incontro? Quando e come ci farete sapere se vi abbiamo convinto con le nostre idee di Buona scuola?". Va all'attacco anche Susanna Camusso, secondo cui gli emendamenti al ddl scuola approvati dalla commissione della Camera "non modificano la sostanza". "Cambiamento sì, ma non come vorrebbe il governo", twitta il segretario generale della Cgil durante l’incontro. E dopo il vertice i sindacati dichiarano guerra al governo: "Al di là della cortesia formale, è stato un incontro di carattere puramente rituale in cui Palazzo Chigi non ha manifestato alcun impegno a modificare i nodi cruciali della riforma che riguardano l’assunzione diretta dei docenti da parte dei dirigenti scolastici e la perdita della titolarità di cattedra per gli insegnanti relegati in albi territoriali. Se il governo non fermerà il cammino del disegno di legge, andremo dritti verso il blocco degli scrutini", ha affermato Rino Di Meglio, coordinatore nazionale della Gilda degli Insegnanti.

Commenti
Ritratto di giordano

giordano

Mar, 12/05/2015 - 18:27

nei paesi normali i sindacati manco li vogliono, sono stati aboliti

pilandi

Mar, 12/05/2015 - 20:08

certo perché nei paesi normali le leggi sono sensate ed i politici corrotti sono in galera non a servizi sociali

Ritratto di LANZI MAURIZIO BENITO

LANZI MAURIZIO ...

Mar, 12/05/2015 - 21:24

I SINDACATI SONO COME LA MAFIA, HANNO I TENTACOLI DAPPERTUTTO E VOGLIONO INFLUENZARE E COMANDARE TUTTO. SONO ENTI INUTILI CHE ANDREBBERO ABOLITI, SONO LA ROVINA DELL'ITALIA.

Ritratto di wilegio

wilegio

Mer, 13/05/2015 - 00:05

Bella questa guerra civile fra sinistri! Stavolta il governo non avrebbe neanche tutti i torti e il punto contestato (quello dei poteri ai presidi) è in realtà il punto migliore dell'intera riforma, e proprio per questo non piace ai sindacati che vogliono che i loro iscritti possano far carriera solo per anzianità e pe merito dell'iscrizione al sindacato stesso. T'immagini se un docente potesse sputare in faccia al sindacato e dire "io vado avanti solo perché sono bravo, e non perché sono un vostro iscritto"? Comunque, è una bella battaglia e mi piace assistervi, pershé chiunque dei due la perda io sarò felice. cosa dite? Che a perdere in realtà è la scuola e soprattutto gli studenti? Lo so benissimo, ma quelli hanno già perso su tutta la linea e non c'è niente che si possa fare per salvarli.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Mer, 13/05/2015 - 00:31

Nel nostro paese i sindacati anziché favorire lo sviluppo e il miglioramento della scuola, ovvero dell'insegnamento agli studenti, HANNO SEMPRE COMBATTUTO PER SALVAGUARDARE LA CONDIZIONE DEI PROFESSORI. Fanno pena quei giovani studenti che hanno partecipato all'ultimo sciopero. NON SI RENDONO DI AVER SCIOPERATO CONTRO SE STESSI. Questo è il miserabile effetto della sinistra sulle nuove generazioni. Li stanno abituando all'OBBEDIENZA CIECA PRONTA E ASSOLUTA di guareschiana memoria.

Ritratto di V_for_Vendetta

V_for_Vendetta

Mer, 13/05/2015 - 07:19

come ormai dimostrato da anni di inaffidibilita' i sindacati dovrebbero essere aboliti per legge. i vari camusso landini

Klotz1960

Mer, 13/05/2015 - 07:33

Tutta la stampa parla delle dchiarazioni sullo scontro in corso, ma e' impossibile capire su COSA verte lo scontro. I contenuti sono sconosciuti. Vi sembra da stampa normale e da Paese normale?