Ma sulle leggi Salvini smentisce Conte

Il premier: "Il Parlamento riveda le norme". Il ministro: "Basta rispettarle"

Roma - «È una tragedia che lascia impietriti. Il pensiero di tutti è di vicinanza e solidarietà alle famiglie delle giovanissime vittime, al loro dolore lacerante». Sono le prime parole del presidente della Repubblica Sergio Mattarella sulla tragedia di Corinaldo. Il premier Giuseppe Conte, tra i primi a portare il suo omaggio e la sua solidarietà, dice che mentre la magistratura segue il suo corso, il parlamento deve interrogarsi se leggi e norme sono adeguate per prevenire disastri del genere. Partendo però dal principio ribadito con forza dallo stesso Mattarella: «I cittadini hanno diritto alla sicurezza ovunque, nei luoghi di lavoro come in quelli di svago». Salvini anche in questo caso corregge il suo premier: «Non servono nuove leggi ma la coscienza di rispettare le normative esistenti». Già ieri mattina aveva parlato della tragedia durante la manifestazione di piazza del Popolo. «Se verrà accertato che per avidità qualcuno non ha fatto quello che doveva, fosse l'ultima cosa che faccio la pagherà». Un Salvini particolarmente furente quello di piazza del Popolo che lascia il posto a un papà commosso nel pomeriggio al suo arrivo sul luogo della tragedia. «Da genitore è mio dovere esserci». La presidente del Senato, Maria Elisabetta Alberti Casellati, chiede intanto alla magistratura tempi certi per fare luce sulle responsabilità. Al termine del vertice nella prefettura del capoluogo marchigiano il premier Conte ha voluto ribadire un punto fondamentale. «Voglio rivolgere un accorato appello al senso di responsabilità di tutti coloro che gestiscono i luoghi pubblici e i locali destinati ad accogliere un certo numero di persone: devono assolutamente adottare tutte le cautele con grande senso di responsabilità». «Non può essere la magistratura a cambiare la cultura della sicurezza con sentenze e sui morti - commenta Gianfranco Librandi (Pd) - è necessario professionalizzare il settore della sicurezza: è necessario che i gestori di eventi pubblici si assumano le giuste responsabilità. Non è accettabile lucrare su alcool e sballo dimenticando la sicurezza dei ragazzi». Qualcosa si deve fare subito. Non basta il minuto di silenzio imposto dal presidente Roberto Fico all'inizio della seduta di Montecitorio sulla Manovra. Serve passare ai fatti. Come propone Licia Ronzulli (FI), presidente della Commissione bicamerale su infanzia e adolescenza. «Proporrò - dice la senatrice di Forza Italia - un disegno di legge che indichi soluzioni idonee a garantire la sicurezza dei nostri ragazzi nel luoghi di divertimenti e nei locali pubblici». «Queste morti - aggiunge il suo collega di partito Maurizio Gasparri - devono costituire anche motivo di riflessione per le famiglie. Tanti dei presenti erano poco più che bimbi, coinvolti in un contesto gestito da irresponsabili dai quali dovevano restare lontani».

Commenti

Duka

Dom, 09/12/2018 - 09:41

LO SONO O CI FANNO???

Ritratto di akamai66

akamai66

Dom, 09/12/2018 - 10:19

I tedeschi con cui andammo a braccetto per una decina d'anni prima e durate il secondo conflitto mondiale, per cui ci osservavano e conoscevano bene, senza nulla togliere alla loro villania e anche cattiveria, affermarono, e penso ne siano tuttora convinti, che siamo incapaci di organizzare e di far rispettare le leggi:l'incidente in discoteca ne è una prova evidente.

Ritratto di gianpiz47

gianpiz47

Dom, 09/12/2018 - 10:59

akamai66 Dom, 09/12/2018 - 10:19: Impariamo pure dai tedeschi, meglio se ad esempio ci riferiamo al periodo da te riportato, e poi obbediamo con il paraocchi a tutte le leggi promulgate. Vediamo se anche noi siamo capaci di fare sei milioni di morti come loro, e non parlo di quelli deceduti nel conflitto durante i combattimenti o sotto le bombe. Un po' di buon senso non guasta ma.Giustamente le leggi ci sono, basta rispettarle.

Ritratto di Koerentia

Koerentia

Dom, 09/12/2018 - 11:04

La formula per non far piangere piu' nessuno e' il RISPETTO della LEGGE. Al NORD come al SUD..... anche guidare una macchina senza assicurazione e' delitto. Per un popolo di irresponsabilili controlli e giudizi rapidi ed esemplari.

Ritratto di venividi

venividi

Dom, 09/12/2018 - 11:23

akama66, 10:10, le faccio sommessamente notare che incidenti in discoteca avvengono pure in Germania, ad esempio a Duisburg dove sono morti 21 giovani qualche anno fa

VittorioMar

Dom, 09/12/2018 - 11:34

..quanta gente dovrebbe essere ASCOLTATA dai PM !!..chi rilascia i PERMESSI ??..il locale era norma secondo i VVFF ?....e secondo altri ENTI preposti a VERIFICA E CONTROLLO ??..una FESTA finita in TRAGEDIA !!..si dovrebbero utilizzare le norme di SICUREZZA AEROPORTUALI ...!!!

acam

Dom, 09/12/2018 - 12:04

gianpiz47 Dom, 09/12/2018 - 10:59 akamai66 Dom, 09/12/2018 - 10:19:. anni fa non molti forse dieci anche i tedeschi hanno avuto un ecatombe per una folla se ricordo bene a Duisburg perché la folla non riuscì a passare sotto un ponticello ferroviario i morti furono una trentina, le legge e disposizioni di sicurezza vanno rispettate, ci sono e sono perentorie. i responsabili dovrebbero essere privati dei beni e fare a vita lavori manuali

Ritratto di saròfranco

saròfranco

Dom, 09/12/2018 - 12:19

Io penso che le leggi vanno rispettate e fatte rispettare, e che il danno conseguente al mancato rispetto deve essere superiore al beneficio che si può pensare di trarne. Bisogna avere paura di ciò che ci può accadere se non rispettiamo le leggi, sempre e chiunque. Anche se, a ragionare così, si rischia di essere etichettato come fascista.

maurizio-macold

Dom, 09/12/2018 - 14:58

Sono d'accordo con SAROFRANCO (12:19), anche se il suo profilo nel forum e' veramente squallido.

tRHC

Dom, 09/12/2018 - 17:44

A mattare' anche tutti gli Italiani hanno bisogno di sentirsi al sicuro dalle invasioni selvagge,o quel tipo di sicurezza e' meno importante?