Il sussidio sì con la Bmw, con l'ibrida no L'M5s odia le macchine (e non le capisce)

Dopo l'ecotassa che colpisce Fca, un paletto anti auto nell'aiuto ai poveri

Roma Dopo aver abolito la povertà e la corruzione, il governo vuole togliere di mezzo le automobili. In un mix di ambientalismo retrò e pauperismo, l'idiosincrasia nei confronti delle quattro ruote è cominciata con l'ecotassa, per poi insinuarsi addirittura nelle maglie del decreto sul reddito di cittadinanza, provvedimento simbolo del M5s. La prima norma, pensata come un'imposta sui veicoli «inquinanti», secondo le previsioni di sindacalisti e associazioni di industriali finirà per danneggiare le immatricolazioni di 14 modelli del gruppo Fca. Dalla Maserati Ghibli alla Panda 12 Easy, tutti prodotti in stabilimenti italiani, tra Cassino, Mirafiori e Pomigliano d'Arco, proprio la cittadina in provincia di Napoli dove è cresciuto il vicepremier Luigi Di Maio.

Ma non c'è solo l'ecotassa a turbare i sonni di automobilisti, produttori e degli operai già costretti al «turno unico» nelle storiche fabbriche piemontesi di Mirafiori e Grugliasco. Basta leggere un articolo del «decretone» con i dettagli sul reddito di cittadinanza per rendersi conto dell'ostilità ideologica verso chi possiede automobili, non necessariamente fuoriserie di lusso o imponenti Suv. A pagina 3 del documento c'è scritto che per poter accedere al Rdc «nessun componente il nucleo familiare deve essere intestatario a qualunque titolo o avente piena disponibilità di autoveicoli immatricolati la prima volta nei sei mesi antecedenti la richiesta, ovvero di autoveicoli di cilindrata superiore a 1600 cc, nonché motoveicoli di cilindrata superiore a 250 cc, immatricolati la prima volta nei due anni antecedenti». Quindi non beccherà il sussidio di Di Maio chi è proprietario di un'auto nuova acquistata nei sei mesi prima della compilazione della domanda e chi possiede una macchina superiore a 1600 di cilindrata o una moto superiore ai 250 cc comprata due anni prima.

Con tutti gli inevitabili paradossi del caso, relativi al metodo di scrematura basato sulla cilindrata che è ormai obsoleto. Per fare qualche esempio: è considerato troppo ricco chi ha nel suo garage una Toyota Prius 1.8, auto ibrida, che costa 29.500 euro. Oppure chi guida una Fiat 500X 2.0 Multijet, al prezzo di 26.500 euro, il top di gamma della storica utilitaria, ma comunque non un mezzo da ricconi. Mentre può fare domanda per il reddito di cittadinanza il proprietario di una Bmw Serie 2 Cabrio, per cui bisogna sborsare almeno 37.100 euro, ma può avere anche una cilindrata di 1500 cc. Andare in giro sulla cabriolet tedesca e percepire il reddito di cittadinanza non è considerata una contraddizione. Il comma successivo sbarra la strada ai possessori di qualunque tipo di «navi e imbarcazioni da diporto», anche le più piccole, senza distinzioni tra uno yacht e una vecchia barca da pesca, purché sia a motore.

Intanto continuano le reazioni delle parti sociali sulle conseguenze dell'ecotassa. «La priorità è la piena occupazione - dice Michele De Palma, segretario nazionale Fiom-Cgil - il governo sospenda i provvedimenti sul mercato dell'auto e investa nella transizione verso la produzione di auto ibride e elettriche». Sottolineando: «è prioritario il futuro produttivo, industriale e occupazionale». Mentre proseguono gli incontri tra la Fiom e Fca, arriva anche il commento di Vincenzo Boccia, presidente di Confindustria: «In una notte si è fatta una legge sulle macchine elettriche, danneggiando 14 modelli della più grande industria italiana, la Fiat».

Commenti

paolo1944

Sab, 19/01/2019 - 09:24

Maledetti questi mentecatti E CHI LI ASSECONDA. Ci stanno rovinando con leggi demenziali che nemmeno rifondazione comunista avrebbe mai osato proporre. Nessuno poi sembra notare che la norma sui 6000 euro in banca è un vero attentato alla libertà, basta tenere i soldi nel materasso (immigrati, rom e delinquenti abituali) e si è fuori da ogni controllo. Questa norma sui contanti è lesiva della libertà, e demenziale perché punisce la gente per bene che è riuscita ad avere due soldi da parte proprio perché poverissima e teme le emergenze. Questo reddito fantasma sembra studiato solo per barboni e immigrati.

Happy1937

Sab, 19/01/2019 - 09:25

I produttori di disoccupazione aboliscono la povertà con provvedimenti che obbligano FCA a lasciare definitivamente l'Italia. Stupidi ignoranti!

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Sab, 19/01/2019 - 09:26

Le togliesse dalle strade sarebbe ottimo. In Giappone se non hai un posto auto o un box che non sia sulla strada non la puoi acquistare. Come fai un viaggio trovi tutte le città invase da auto parcheggiate. Visto la crisi dell'edilizia ma non si potrebbe con il fondo per il reddito di cittadinanza create degli autosilos? Allora si che ci sarebbe il lavoro.

Ritratto di BM1883

BM1883

Sab, 19/01/2019 - 09:26

neanche fosse una novità, cercatevi che diceva Grillo riguardo le auto circa 25 anni fa....e voi li votate. Contenti voi

Ritratto di anticalcio

anticalcio

Sab, 19/01/2019 - 09:47

chi sa solo colpire le auto,[ all-ultimo stadio! 5stelle imparentati con i verdi? quindi di sx>>>sembra di si

DRAGONI

Sab, 19/01/2019 - 10:13

LA ECO TASSA POTREBBE ANCHE ESSERE INTERPRETATA COME UNA SPINTA A FARE ADEGUARE I PRODOTTI DELLA EX FIAT A QUELLI DELLA CONCORRENZA OVVERO A COSTRINGERLA AD INVESTIRE PER PRODURRE AUTOMOBILI TECNICAMENTE ED ECONOMICAMENTE ATTE A SOSTENERE LA CONCORRENZA ESTERA "SENZA L'AIUTO DELLO STATO".

cgf

Sab, 19/01/2019 - 10:18

In Italia il comparto dell’auto vale circa 189 miliardi all'anno pari a circa l’11% del PIL, il comparto dell'auto non è solo FCA! La sopratassa voluta dal governo di incapaci, farà fruttare moltissimo meno di quanto perderanno in termine di gettito fiscale, dove troveranno i fondi per il reddito di cittadinanza? Non solo, presto ci saranno decine di migliaia di 'nuovi candidati' che quel reddito lo pretenderanno.

Ritratto di perSilvio46

perSilvio46

Sab, 19/01/2019 - 10:54

Non penso ci sia una oscura rete d'interessi che colleghi i 5 Stelle ai concessionari delle auto di lusso, è semplicemente una legge demenziale fatta da ignoranti mentecatti che non sanno quello che fanno. E sono al governo solo da pochi mesi, il bello deve ancora venire.

unosolo

Sab, 19/01/2019 - 11:25

come hanno scritto non capisce nulla , i danni saranno enormi e i poveri diventeranno milioni in più ma dietro ci sono organizzazioni che hanno preteso questo reddito , la paura ha reso il grillino a far passare questa estorsione al popolo del lavoro , parassiti e rom assaltano le nostre casse erariali e della INPS . che fine in mano a chi non ha mai versato contributi lavorando in nero ,forse sbaglio ma i fatti,,,,,

carlottacharlie

Sab, 19/01/2019 - 11:31

Sicuramente non aboliranno le loro. Metterli fuori gioco uno ad uno per non soccombere alle loro idiozie dovrebbe diventare "sport nazionale". Abbiamo avuto imbecilli d'ogni colore nelle lande dei palazzi ma, inutili ed ignoranti e dittatori come questi, mai visti.

baio57

Sab, 19/01/2019 - 11:36

Articolo fuorviante come sempre . Innanzi tutto la Panda Easy con i suoi 125 g/km non rientra nella tassazione ,che parla esplicitamente di emissioni SOPRA I 160 G/KM ( il 90% delle auto quindi ne è esente). Ne consegue che siano colpiti sopratutto i Suv di Fca e di tutti gli altri marchi più alti di cc. ,quindi auto ben al di sopra dei 50 mila euro . Il giornalista dimentica (?) sopratutto che le NORME EUROPEE SONO MOLTO PIU' RESTRITTIVE,e le case automoblistiche già pagano MILIONI DI EURO di sanzioni alla Ue, anche per modelli con emissioni al di sotto la soglia Italiana dei 160 g/km.

cir

Sab, 19/01/2019 - 11:49

un popolo che spera di sopravvivere se si producono auto, che mangia un pane con farina canadese, che si nutre di prodotti made in chissa' dove, e li paga solo se produce auto e' un popolo stupido.

Ritratto di franco_G.

franco_G.

Sab, 19/01/2019 - 12:11

Ma non dite sciocchezze... è ovvio che non si possa fare una norma che copra tutte le alternative possibili, a meno di renderla troppo complicata. Per cui se qualcuno che non ha niente da fare si mette a cercare col microscopio una eccezione la trova. Vogliate andare a spasso...

kyser

Sab, 19/01/2019 - 13:22

Sul discorso di considerare cilindrata e non prezzo veicolo ok. Sul discorso FIAT...se così tanti suoi modelli sono così inquinanti da temere la ecotassa, io me la prendo con FIAT: non dimentico che in italia è quella che vende di più e questo allora mi fa ancor più arrabbiare, dato che danneggia la salute di tutti. E dire che era all'avanguardia nell'elettrico, ha mollato e smantellato tutto quando era il momento di far valere la sua esperienza (magari anche con ibrido). E chi compra certe auto senza informarsi sulle emissioni è ugualmente responsabile, non gli frega niente di avvelenare chi ha vicino

bruco52

Sab, 19/01/2019 - 13:48

sinistri-sinistri associati ad ex-verdi, nemici del progresso e del benessere altrui, cacciati a calci nel sedere da tutti i parlamenti nazionali e locali e quindi personaggi falliti senza futuro, riciclatisi in un movimento di inetti, ignoranti , inadatti e inconcludenti, ecco cosa sono i grillini....che dio ci scampi da questi individui che non saprebbero neanche pascolare un gregge di pecore...mi auguro che finisca presto...