Tajani contro il capo M5s sulle news gratis in Rete

Film e notizie a scrocco su internet? «Che fa Di Maio, offre lui?». Affondo del presidente dell'Europarlamento Antonio Tajani sul tema del pagamento dei prodotti culturali che l'Unione si appresta a regolamentare. La bozza in discussione prevede che chi mette in Rete contenuti prodotti da altri, anche attraverso un link, come fanno Google News e gli altri aggregatori di notizie, debba pagare chi li ha elaborati con il proprio lavoro. Il vice premier Luigi Di Maio due giorni fa aveva criticato la normativa invocando i classici slogan populisti: «Il pericolo per la libertà della Rete» e «il bavaglio». Ma Tajani rimette la questione sui veri binari: chi paga i giornalisti, gli scrittori, i registi se ci sono siti che ne diffondo il lavoro gratis e senza permesso? Tajani chiede al governo di dissociarsi dalla posizione di Di Maio.

Commenti
Ritratto di centocinque

centocinque

Gio, 28/06/2018 - 09:05

Tajani, dai che a marzo torni a fare il giornalista.