Il Tar ammanetta i prefetti: "Le nozze gay sono valide"

Il Tar del Lazio sconfessa Alfano: "I prefetti non possono annullare trascrizioni, solo un giudice può deciderlo"

"L’annullamento delle trascrizioni di nozze gay celebrate all’estero può arrivare solo dal tribunale civile". Accogliendo il ricorso di alcune coppie contro l’annullamento disposto dal prefetto, il Tar del Lazio convalida la trascrizione dell'unione contratta all'estero nel registro dell’Unioni Civili del Comune di Roma. "Il ministero dell’Interno Angelino Alfano e le prefetture - spiega il Tar del Lazio - non hanno il potere di intervenire direttamente annullando le trascrizioni".

Nuova tegola sul Viminale. Il Tar del Lazio sconfessa Alfano e mette in un angolo i prefetti. "L’annullamento di trascrizioni nel registro dello stato civile di matrimoni contratti da persone dello stesso sesso, celebrati all’estero - si legge nelle motivazioni pubblicate dal Segretariato generale della giustizia amministrativa - può essere disposto solo dall’Autorità giudiziaria ordinaria". E, quindi "il ministero dell’Interno e le prefetture non hanno il potere di intervenire direttamente annullando le trascrizioni". Lo scorso 12 febbraio la sezione I Ter del Tar del Lazio ha accolto i ricorsi annullando le trascrizioni nel registro voluto dasl sindaco Ignazio Marino e stralciando la circolare di Alfano. "Nel decidere tali controversie - si legge ancora - il giudice amministrativo ha eseguito una ricognizione della normativa comunitaria e nazionale e della giurisprudenza costituzionale e di legittimità, giungendo ad affermare che l’attuale disciplina nazionale non consente di celebrare matrimoni tra persone dello stesso sesso e, conseguentemente, matrimoni del genere non sono trascrivibili".

Marino incassa l'assist del Tar del Lazio ed esulta. "Ho fatto solo il mio dovere...". Poi, però, va subito in pressing sul premier Matteo Renzi affinché porti quanto prima il problema in parlamento. "Come ha detto in diverse occasioni - commenta - ora provveda a sollecitare egli stesso un percorso legislativo, che sia accurato, che colmi il vuoto che in Europa esiste soltanto in Grecia e l’Italia".

"Il ministero dell’Interno ha sempre coerentemente garantito il quadro normativo attuale in materia di stato civile che non consente di celebrare matrimoni tra persone dello stesso sesso, nè di trascrivere quelli celebrati all’estero", sottolinea però il Viminale, secondo cui le notizie relative alla pronuncia del Tar Lazio in materia confermano tale principio, così come recentemente anche la sentenza della Corte di Cassazione del febbraio 2015. Le restanti questioni esaminate dal Tar Lazio - ricorda il ministero - saranno oggetto di successivo approfondimento nelle sedi giudiziarie competenti.

Commenti

lorenzovan

Lun, 09/03/2015 - 17:35

non so perche' ma dovete sempre stravolgere la realta'...la sentenza dice solo che i prefetti e l'autorita' amkministrativa non puo' cancellare provvedimenti gia' registrati...e che questa operazione puo' essere solo ordinata dai tribunali civili co sentenza... bella differenza tra questa relta' e quella sbattuta da voi in prima pagina

m.nanni

Lun, 09/03/2015 - 17:37

abroghiamo le prefetture.

Aristofane etneo

Lun, 09/03/2015 - 17:41

Se questo è l'effetto delle idee illuministiche ben vengano le idee fideistiche di provenienza biblica. E se chi "puote" in Italia e nelle Nazioni Occidentali continua a non voler distinguere tra matrimonio e unione civile, significa che vogliono destrutturare il nostro modo di pensare e di essere.

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Lun, 09/03/2015 - 17:42

AMMANETTA!!! Questa è nuova! In compenso la foto è sempre la stessa.

giovanni PERINCIOLO

Lun, 09/03/2015 - 17:43

E pensare che il cittadino normale si chiedeva invece con quale diritto e in base a quale legge i sindaci potessero trascrivere a registro quello che la legge italiana non prevede e cioé i matrimoni gay!

Ritratto di tppgnn

tppgnn

Lun, 09/03/2015 - 17:46

Nei paesi democratici il potere di promulgare le leggi non appartiene alla magistratura. Nei paesi a sovranità democratica i dipendenti pubblici non eletti ma con il ruolo di giudici non fanno le leggi... in un paese a sovranità democratica.

magnum357

Lun, 09/03/2015 - 17:49

La Costituzione e la legge civile non prevedono il matrimonio tra persone dello stesso sesso !!!!! La Consulta ha già bocciato l'orientamento del Tar e in apposite sentenze ha stabilito che è il parlamento a dover legiferare perchè la Costituzione non ammette il matrimonio tra persone dello stesso sesso !! Già è uno schifo la legislazione fiscale sulla famiglia, non mi pare il caso di aggiungere altro schifo nella nostra società ............

BlackMen

Lun, 09/03/2015 - 17:50

Scoperta dell'acqua calda. Non è tra i poteri del prefetto quello di poter annullare le trascrizioni! solo così poteva andare a finire

onurb

Lun, 09/03/2015 - 17:50

Se la logica ha una ragion d'essere, anche i musulmani che arrivano in Italia con al seguito 4 o 5 mogli possono far trascrivere nei registri del comune tutti i matrimoni che hanno contratto al loro paese. Siamo sempre più ridicoli.

scarface

Lun, 09/03/2015 - 17:50

In effetti queste sono le priorità del TAR...

Ritratto di Giano

Giano

Lun, 09/03/2015 - 17:50

Ennesima dimostrazione che ormai sono i magistrati a decidere su tutto. Ma allora che ce ne facciamo di un Parlamento che ci costa l'ira di Dio? Mandiamoli tutti a casa, lasciamo che siano i magistrati a decidere su tutti gli aspetti della vita sociale. Almeno risparmiamo un sacco di soldi.

tormalinaner

Lun, 09/03/2015 - 17:52

La lobby gay è potente anche nei giudici, andrà sempre peggio.

Massimo

Lun, 09/03/2015 - 17:53

Ripugnante, come la fotografia che è stata posta a corredo dell'articolo.

lorenzovan

Lun, 09/03/2015 - 17:54

tppgnn nei paesi democratici i cittadini non hanno nella testolina la confusione che dimostri avere tu..tra legiferare e decisioi giudiziarie sulle applicazioni controverse delle leggi

cgf

Lun, 09/03/2015 - 17:59

CANE NON MANGIA CANE...

Libertà75

Lun, 09/03/2015 - 18:00

Siccome esiste già sentenza che indica nulli gli atti di matrimonio tra due persone del medesimo sesso, quindi celebrare matrimonio non è solo un atto nullo, ma pure una spesa in termini di processo per annullare poi l'atto. Quindi contrarre matrimonio (come fa Marino) non è solo è contro legge ma rappresenta pure un abuso d'ufficio e un danno erariale. Io sono stanco che i komunisti rubino nelle mie tasche... Perfavore... un Komunista onesto! Non avete imparato niente da Berlinguer? Perché dovete rovinare il nome suo? Vergognatevi!

ilbarzo

Lun, 09/03/2015 - 18:01

Evviva i froci,le checche,i culattoni,finocchi e verdure varie.Alfano allora non è nessuno ,nè tanto meno conta qualcosa nel governo!Alfano,sei proprio inutile...

ilbarzo

Lun, 09/03/2015 - 18:01

Evviva i froci,le checche,i culattoni,finocchi e verdure varie.Alfano allora non è nessuno ,nè tanto meno conta qualcosa nel governo!Alfano,sei proprio inutile...

Maurizio Fiorelli

Lun, 09/03/2015 - 18:02

Grazie signor Perinciolo,la sua tesi è anche la mia.

agosvac

Lun, 09/03/2015 - 18:08

Ma che strano, io credevo che un sindaco che trascrive un matrimonio contratto all'estero e non valido per la legge italiana dovesse essere indagato dalla magistratura perché compie un reato!!! Ora i magistrati del Tar dicono che lo Stato per fare valere i suoi diritti di Stato sovrano deve rivolgersi alla magistratura, ovvero il prefetto avrebbe dovuto denunciare il sindaco alla magistratura che si sarebbe attivata per fare rispettare la legge italiana!! In pratica lo Stato, secondo il Tar, per fare valere le sue leggi si deve rivolgere al magistrato che, però, è OBBLIGATO a fare rispettare le leggi dello stesso Stato. Mi sembra una cosa veramente farraginosa ed alquanto comica!!!

lorenzovan

Lun, 09/03/2015 - 18:09

xonurb...impossibile...occorre un accordo internazionale per rendere validi atti giuridici mazionli in altri paesi...cio' succede tra i paesi EU per evidenti motivi di quasi sincronizzazione dei sistemi giuridici

lorenzovan

Lun, 09/03/2015 - 18:10

liberta 75...un giretto ao«i giardinetti sotto casa no ??? le farebbe bene alla salute...senza parlare del sollievo dei foristi "normali"...lolololol

Ritratto di Legaiolo

Legaiolo

Lun, 09/03/2015 - 18:11

ABOLIRE I TAR!!!

elpaso21

Lun, 09/03/2015 - 18:11

Assodato che le nozze tra gay non sono un problema, allora qual'è il problema?

Ritratto di Alsikar.il.Maledetto

Alsikar.il.Maledetto

Lun, 09/03/2015 - 18:14

Se è vero, come dice il Tar, che i prefetti non hanno autorizzazione ad annullare trascrizioni dei Comuni, è altrettanto vero che i sindaci non hanno il potere di inventarsi unioni civili che non esistono nelle leggi italiane. Quindi, il Tar avrebbe dovuto, prima ancora di pronunciarsi in merito, quanto meno redarguire quei sindaci che si sono presi la libertà di inventarsi cose che non erano e non sono lecite. Comunque, al di là di tutto, c'è la sensazione di ritrovarsi in un Paese, il nostro, in cui vige una Dittatura della Magistratura (fa pure rima).

Ritratto di 02121940

02121940

Lun, 09/03/2015 - 18:14

A Roma, malgrado Marino, si dice: "Nun ce ne pò frega' de meno". Resta comunque lo sconcerto per una morale contorta in cui si rotola la giustizia in un paese ormai decadente, pronto per ricevere l'insulto islamico. Ed allora, purtroppo, sì che saranno "'azzi" vostri!

lorenzovan

Lun, 09/03/2015 - 18:15

solo oggi tre articoli on line sulla problematica gay...sembra ormai che tutti i problemi in italia e nel mondo derivino dai gay e dalle loro lobbies...non so se ridere o piangere...ma purtroppo sapendo in quale situazione sta il nostro paese e i nostri lavoratori..e vedendo come si s+prechi tempo e chiacchere sui gay...viene il voltastomaco

Totonno58

Lun, 09/03/2015 - 18:18

CHE GODURIA IMMENSA!!!!...a parte che il TAR non ha detto che i matrimoni sono validi(e sorvoliamo su questo), è chiaro che la vicenda è solo da ridere...io me ne frego di come andrà a finire ma è giusto ed anche divertente che venga ridicolizzato il fatto che è, e rimane, una battaglia basata esclusivamente sulle convinzioni etiche dei singoli, che Alfano ha tirato in ballo per farsi un po' di notorietà! Chi ha avuto la pazienza di leggere un po' di articoli sull'argomento, avrà saputo del patetico colloquio tra Angelino ed il prefetto di roma che è andato a trovarlo dicendogli, più o meno "Angelì, io sono contrario alle pretese dei gay ma tu mi metti in difficoltà, in base a quale normativa dovrei cancellare gli atti?!" "boh, vedi tu, fammi sto piacere.." e allora, CONTINUI LO SHOW, MI STO ARRICREANDO!!

Ritratto di MARKOSS

MARKOSS

Lun, 09/03/2015 - 18:19

lorenzovan - compagno statale l'articolo dice praticamente la stessa cosa della minchiata che hai scritto tu compagno statale , e' inutile voi comunisti dopo la lobotomia che avete subito in sezione ragionate a senso unico e il senso e' uno solo quello rosso del sol dell'avvenire.

Ritratto di federalhst

federalhst

Lun, 09/03/2015 - 18:26

Tante chiacchere su Alfano, Marino ed i magistrati, ma questo giornale dovrebbe più che altro evidenziare che mentre il resto del mondo è improntato verso il progressismo l'Italia rimane grottescamente arretrata su posizioni politiche catto-conservatrici ed illiberali.

Efesto

Lun, 09/03/2015 - 18:26

Ma è così importante la questione da imporre problemi di sopravvivenza nazionale? Fate una legge sulla convivenza e non rompete più i......Nel merito della questione vedo più una gara di potere tra prefetti e giudici che altro. Intanto una norma che possa ridurre i morti per incidente stradale e punire che si mette alla guida in stato di ebbrezza o drogato non ha nessuna rilevanza. Prima i problemi gay!

Ritratto di stock47

stock47

Lun, 09/03/2015 - 18:28

Pretesa assurda del TAR. I Prefetti hanno il DOVERE di annullare TRASCRIZIONI contrarie alle leggi italiane, dovunque esse si siano svolte. NON HANNO ANNULLATO l'atto del MATRIMONIO il cui riconoscimento spetta eventualmente a un Tribunale ma NON SI PUO' inficiare l'atto di una ISTITUZIONE NAZIONALE PREPOSTA A TALE COMPITO, cioè a non permettere TRASCRIZIONI fatte contro le leggi italiane.

Ernestinho

Lun, 09/03/2015 - 18:30

Ma smettiamola con queste "schifezze"! Sono cose contronatura, lontane da ogni logica morale e di civiltà! Se vogliono stare insieme, lo facciano. Ma non pretendino di stravolgere la vita umana. Non li mando a "fare in c.lo", perché farei a loro un augurio!

Ernestinho

Lun, 09/03/2015 - 18:31

Odio l'Isis" ma in questi casi ci vorrebbe la sua presenza!

Anonimo (non verificato)

MONDO_NUOVO

Lun, 09/03/2015 - 18:46

IL SINDACO DELLA MIA CITTA' HA ISTITUITO IL REGISTRO DEI MATRIMONI ISLAMICI CONTRATTI ALL'ESTERO, IN ARABIA, IN LIBIA, IN IRAQ,ECC. RINGRAZIO IL TAR PERCHE' IL MIO MATRIMONIO CON LE MIE CINQUE MOGLI FINALMENTE POTRA' ESSERE RICONOSCIUTO IN ITALIA.

pieropomiga

Lun, 09/03/2015 - 18:46

solo un poveretto come Alfano poteva immaginare che i prefetti, che non c'entrano nulla e non contano nulla, potessero avere voce in capitolo sul tema L'insipienza dei politici non fa che moltiplicare l'ambito di intervento della magistratura, proprio quello che i politici inetti vorrebbero contrastare Dilettanti

pieropomiga

Lun, 09/03/2015 - 18:47

solo un poveretto come Alfano poteva immaginare che i prefetti, che non c'entrano nulla e non contano nulla, potessero avere voce in capitolo sul tema L'insipienza dei politici non fa che moltiplicare l'ambito di intervento della magistratura, proprio quello che i politici inetti vorrebbero contrastare Dilettanti

MONDO_NUOVO

Lun, 09/03/2015 - 18:49

LA LEGGE ITALIANA PER IL TAR NON VALE, PENSANO BENE DI LEGIFERARE PER CONTO PROPRIO, AL POSTO DEI POLITICI E DEL POPOLO ITALIANO!

Ritratto di ASPIDE 007

ASPIDE 007

Lun, 09/03/2015 - 18:50

...In questo pazzo mondo, ogni giorno ne vediamo delle belle; Mi chiedo se ciò che fanno è esattamente ciò che pensano.

Ritratto di Attila51

Attila51

Lun, 09/03/2015 - 18:52

Ma se uno vuole il certificato di "busone" perchè negarglierlo...saranno xxxzi suoi ne vero???

giottin

Lun, 09/03/2015 - 19:00

Comunque sia mi fanno schifo, andassero dove dico io questi busoni!!!

onurb

Lun, 09/03/2015 - 19:09

La domanda più appropriata da porsi è se il sindaco può trascrivere nei registri anagrafici del comune un atto che la legge italiana non consente. Penso di poter ragionevolmente dire che non lo può fare e che, se lo fa, non dovrebbe essere necessaria una sentenza del tribunale per annullarlo, ma più semplicemente l'intervento di un'autorità sovraordinata al sindaco.

Ritratto di robocop2000

robocop2000

Lun, 09/03/2015 - 19:15

IL TAR E' SEMPRE PIU' UN ENTE INUTILE.

Ritratto di ersola

ersola

Lun, 09/03/2015 - 19:15

non capisco questo accanimento contro i gay da parte dei berluscones, eppure il loro capo e la sua fidanzata francesca hanno espresso un parere molto favorevole, addirittura si sono incontrati anche con luxuria ahhahahahahaahhaahaahhah che ridere con luxuria chissà che si saranno detti ahahahahahah.

Ritratto di Baliano

Baliano

Lun, 09/03/2015 - 19:20

Questi sono solo i preliminari, i "rimpalli"... meglio, "prove tecniche", per buttare al macero milioni di anni di "tradizione sponsale". "Just married"... è pronto il via a questo nuovo concetto di "appena sposati": Gli albori di una "nuova Civiltà", te vuoi vedere che qualche "epicureo" del TAR reclamerà pure lo "jus primae noctis"... mai dire mai, viva l'"evoluzione" della Specie.

cast49

Lun, 09/03/2015 - 19:20

CHE SCHIFO!!!!!!

Accademico

Lun, 09/03/2015 - 19:22

Alfano? Mandatelo a casa. Il Paese ha assoluto bisogno di un vero Ministro dell'Interno.

Ritratto di luigipiso

luigipiso

Lun, 09/03/2015 - 19:31

In Italia bisogna arrivare al TAR per difendere le cose giuste, mentre nulla si fa quando i vari Salvini e Forze nuove creano disagi e casini.

Ritratto di Alberto43

Alberto43

Lun, 09/03/2015 - 19:31

Ma che ce ne frega delle unioni gay! Tanto o sposati o no comunque fanno i fatti loro lo stesso! Abbiamo altri problemi a cui pensare! La legge non c'è nè per i matrimoni, nè per le separazioni, nè per i divorzi e tantomeno per le adozioni quindi perchè si dovrebbe riconoscere un diritto acquistato in un altro paese senza che esista un trattato? Una sentenza poi non è una legge è una sentenza che rimanda ad un altro tribunale che riuscirà solo ad intasare la nostra beneamata magistratura, mentre sentenze ben più urgenti possono restare ancora al palo. Marino esulti pure per la felicità dei gay contento lui...ma non i suoi cittadini!

gianfran41

Lun, 09/03/2015 - 19:32

Sono d'accordo con elpaso21. Lasciamo che ognuno organizzi la propria unica vita come meglio crede. Ci sono problemi ben più importanti delle nozze gay!

jeanlage

Lun, 09/03/2015 - 19:37

Presidenti che fanno colpi di Stato, giudici che, invece di fare le leggi, le stravolgono o le fanno. La democrazia in Italia non esiste più ed il volere popolare è ridicolizzato da loschi golpisti. Forse dovremmo smettere di andare a votare... e di pagare le tasse.

m.nanni

Lun, 09/03/2015 - 19:43

avrà pensato il TAR di abrogare anche Marino? chi deve "abrogare" i sindaci che trasgrediscono le leggi dello stato? e se Marino offre anche una casa del comune alla coppia gay che succede? che il Tar abroga l'atto e premia il sindaco?

marcomasiero

Lun, 09/03/2015 - 19:49

che sommo schifo !!! se la legge non le prevede che diritto hanno i sindaci a redarre registri di simili sozzure ??? il Tar poi disconosce le funzioni nel seno dello Stato ? chi legifera non è la magistratura nè tantomeno un Tar !!! questo Paese è in mano a minoranze urlanti che sopraffanno la maggioranza ... lobby gay comprese ...

gluca72

Lun, 09/03/2015 - 19:50

Ma se si vogliono sposare facciano pure impareranno che la prima causa di divorzio e' il matrimonio

FRANCO1

Lun, 09/03/2015 - 19:51

Che zigzaghio!! Se i magistrati giocassero a calcio nella nazionale si vincerebbe il mondiale!!

roseg

Lun, 09/03/2015 - 20:11

marino ha ragione,visto che il parlamento non ha nulla da fare sottoponiamogli il problema degli abusatori del lato B. POVERA ITAGLIA.

lorenzovan

Lun, 09/03/2015 - 20:33

ah markoss...balilla atrasado...vivo da 50 anni all'estero...sono pensionato ed ho sempre lavorato in proprio...e ho sempre votato in olanda e portogallo onde vivo ora centrodestra...a te salut...bimbominkia

lorenzovan

Lun, 09/03/2015 - 20:43

ahhh giottin...sei pronto per l'isis..lol...arruolati...avete parecchie cose in comune...lololololo

Ritratto di bingo bongo

bingo bongo

Lun, 09/03/2015 - 21:07

Tra 10 lustri metteranno a calendario,gli italiani che nel frattempo si saranno trasferiti su Marte dovranno prendere le ferie,evitare gli attacchi dell'Isis,le imboscate del recchia Vendola in carrozzella, cercare di essere derubati del napoletano di tripoli nel frattempo divenuto Papa che gioca a briscola con l'imam alìfammeabruschetta in vacanza a vattealameccauagliò nel golfo persico.

frabelli1

Lun, 09/03/2015 - 22:00

Quindi il Tar va contro la Costituzione; bene!!

Ritratto di Franco_I

Franco_I

Lun, 09/03/2015 - 22:02

non ho nulla contro chi vive una vita diversa da quella che MADRE NATURA VUOLE, ma non facciamone di una ECCEZIONE la REGOLA!! Ma che caxxo di moralità c'è? Ma dove stiamo andando???

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Lun, 09/03/2015 - 22:11

A Roma due tipi si incontrano e uno gli chiede: Toni dove vai? In Comune per fare un certificato. E l'altro gli chiede: e tu dove vai? Ci vado anch'io ... a pijarmelo ner qlo. Ormai solo la realtà supera la fantasia.

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Lun, 09/03/2015 - 22:19

Quelli che se lo prendono letteralmente nel di dietro sono quei due, uno maschio e l'altra femmina, che uniti secondo le vigenti leggi iniziano il loro percorso in comunione per creare una famiglia composta da padre, madre e uno o più figli ai quali lo Stato tergiversando, leggi sgangherate, non garantisce la tranquillità economica e un tetto a protezione dei minori.

opinione-critica

Lun, 09/03/2015 - 22:21

Il TAR del Lazio è retrogrado e inibito, avrebbe dovuto deliberare che possono celebrarsi matrimoni tra specie diverse. Forse vuole preparare l'opinione pubblica, al salto di qualità, un po' alla volta; magari prendendo come riferimento giuridico S. Francesco d'Assisi. E poi ci si lamenta che in Italia le cose non vanno granchè bene....povera Italia

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Lun, 09/03/2015 - 23:33

Credo che la megalomania di Marino sindaco di Roma, LICENZIATO DALL'UNIVERSITÀ DI PITTSBURG PER AVER IMBROGLIATO SULLE SUE SPETTANZE, si manifesti proprio con queste spacconate sulle nozze tra omosessuali. Cavalca argomenti stupidamente eclatanti per darsi delle arie da progressista innovatore. In realtà è un omino neanche tanto furbo che è stato colto con le mani nella marmellata NEL MESCHINO TENTATIVO DI FARE FESSA L'UNIVERSITÀ DI PITTSBURG. Questi sono gli uomini che il PD mette a governare il nostro paese.

paregian

Mar, 10/03/2015 - 04:55

La Costituzione Italiana non prevede questo tipo di matrimoni, pertanto non sono registrabili, non si puo' menzionare la "Costituzione" quando fa' comodo ed ignorarla in altri casi.

umberto nordio

Mar, 10/03/2015 - 06:48

Devono farlo i giudici? Se ne riparla tra dieci anni.Sono troppo occupati.

umberto nordio

Mar, 10/03/2015 - 06:50

M. nanni.Aboliamo anche i TAR.

umberto nordio

Mar, 10/03/2015 - 07:09

L'importante non è il rispetto delle nostre leggi.Prima di tutto difendere le proprie prerogative. Ma i prefetti possono rimuovere i sindaci incapaci?

abocca55

Mar, 10/03/2015 - 08:29

Ancora botte per l'INPS. Molti immigrati si sistemeranno in questo modo....

Ritratto di Baliano

Baliano

Mar, 10/03/2015 - 08:52

Finalmente un nuovo Sole sta per sorgere, razza di bacchettoni oscurantisti: Era ora... che specie di mondo sarebbe senza "TARATI".

gesmund@

Mar, 10/03/2015 - 08:57

In effetti il titolo "Le nozze gay sono valide", per lo più virgolettato, è gratuito. Il TAR non si pronuncia nemmeno sulla legittimità di quelle trascrizioni.

giorgiandr

Mar, 10/03/2015 - 09:05

In questo modo i giudici, di nuovo, fanno le leggi, a dispetto del parlamento. I prefetti non hanno il potere di annullare cose fatte dal sindaco, il sindaco però ha il potere di registrare cose che sono contrarie alla legge italiana. Morale : di fatto le unioni omosessuali ora sono possibili in Italia, con buona pace di leggi e Parlamenti vari (visto che l'unica cosa che la Magistratura avrebbe il dovere di fare, cioè indagare quei sindaci che si comportano in maniera difforme alla legge, non viene fatta, se non dietro denuncia esplicita. Considerando poi i tempi della giustizia...).

linoalo1

Mar, 10/03/2015 - 09:47

Un momento,Media!Nessuno ha detto che le Nozze Gay sono valide!E' solo stato detto che la competenza non è del Prefetto,ma bensìdel Tribunale Civile!Quindi,aspettiamo prima la sentenza del Tribunale e,solo poi,giudichiamo!Lino.

Ghiaccio9

Mar, 10/03/2015 - 09:49

Ma tra i lettori de IL Giornale ne è rimasto qualcuno che si ispira alla tradizione della Destra liberale iataliana?Ormai ci sono solo commenti clerico fascisti.Povero Montanelli...

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Mar, 10/03/2015 - 10:11

e se i Prefetti non possono annullare, chissà perchè i Sindaci possono convalidarli. Quindi il TAR avrebbe dovuto nello stesso tempo sia annullare le sentenze dei Prefetti ma anche cancellare quelli dei Sindaci, in questo caso il Sindaco fuorilegge Marino...e se uno è fuorilegge non solo deve renderne conto penalmente con reclusione, ma anche economicamente con una forte multa visto che veste la figura di Primo Cittadino.Ma nessuno gli fa causa visto che la legge non ammette matrimoni contratti fuori dall'Italia?

Luigi Farinelli

Mar, 10/03/2015 - 10:13

Si conferma sempre più come i poveri cittadini "normali", ormai estromessi da ogni capacità decisionale dalla massoneria dei giudici, dei politici e dei "filantropi" alla Soros che spingono a laicistizzare la società, lo vogliano o no, non abbiano più voce in capitolo, alla faccia della democrazia: facciamo un referendum e vediamo se la DITTATURA DELLA MINORANZA avrà ancora ragione della maggioranza che vede i propri principi etici e morali calpestati, irrisi e imposti in nome di ideologie inventate a tavolino che, se fosse possibile una vera analisi obiettiva, si mostrerebbero per quello che sono: senza basi razionali. Ma chiunque si alzi a dimostrarlo (e sarebbe facile) sarebbe subito tacciato quale omofobo, maschilista, fascista, degno del medio-evo, perderebbe lavoro e diritti, come accade nei "migliori" regimi totalitari (e quello dell'Europa laicista e massonica è avviato a diventare uno dei più oppressori della storia).

Totonno58

Mar, 10/03/2015 - 10:35

Io sono in attesa del prossimo passaggio...CHE GODURIA IMMENSA!!

buri

Mar, 10/03/2015 - 10:36

Potrei anche sbagliare ma creso che esiste una legge dello stato che vieta il matrimonio fra persone dello stesso sesso, e se così è mi sembra che i Prefetti altro non fanno che applicare la legge, ed ovviamente la sentenza del TAR solleva, almeno perplessità, per non dire altro

gesmund@

Mar, 10/03/2015 - 10:55

"Nel decidere tali controversie - si legge ancora - il giudice amministrativo ha eseguito una ricognizione della normativa comunitaria e nazionale e della giurisprudenza costituzionale e di legittimità, giungendo ad affermare che l’attuale disciplina nazionale non consente di celebrare matrimoni tra persone dello stesso sesso e, conseguentemente, matrimoni del genere non sono trascrivibili". I sindaci, prima di fare sciocchezze, dovrebbero tenere conto di questo autorevole parere del TAR, che l'articolo correttamente riporta.

giottin

Mar, 10/03/2015 - 13:42

#lorenzovan. Ridi ridi pagliaccio, aspetta che arrivino e non ci vorrà molto, e poi vedi che fine che ti (vi) fanno fare !!!