Via il tetto agli stipendi: sospiro di sollievo per le 41 star della Rai

Il cda approva un piano che salva i cachet degli artisti. Ma li taglia del 10-20 per cento

Gli stipendi delle 41 star Rai sono salvi. O quasi salvi. Viene data una «limatina» qua e là, per salvare la apparenze, ma sostanzialmente i livelli di cachet restano alti. Per Fabio Fazio, Antonella Clerici, Carlo Conti, Bruno Vespa si tratta di lasciare nelle casse della tv di Stato decine di migliaia di euro, ma non milioni di euro, come prospettava la norma votata in Parlamento. Insomma, è finita a tarallucci e vino, come si conviene in Italia. Si è chiusa così ieri in Consiglio di amministrazione, con l'approvazione all'unanimità, la lunga vicenda sulla questione del tetto agli stipendi varata a ottobre 2016 che prevedeva un compenso massimo di 240.000 euro annui per tutti i dipendenti Rai, collaboratori e artisti compresi. Una norma stringata, pasticciata, populista, che ha dato origine a un lungo confronto tra la Rai medesima e gli organi dello Stato preposti. La tv di Stato, che resta sempre un'azienda che si deve confrontare con il mercato, temeva di perdere i suoi volti più conosciuti, che non avrebbero accettato di vedersi decurtare i compensi del 70-80 per cento e avrebbero cercato di migrare verso altre aziende. Per avere un'idea basta pensare che Fazio percepisce 1.800.000 euro all'anno e si sarebbe dovuto accontentare di sole 240.000. Insomma, per trattenere le star e nel contempo dare una segnale al parlamento e all'opinione pubblica indignata per i compensi alti in periodo di crisi, il cda ha elaborato un piano che prevede la deroga per le star al tetto e in contemporanea un taglio lineare per tutti coloro che superano la soglia che varia dal 10 al 20 per cento. In progressione rispetto allo stipendio: in sostanza si avvicina al 20 chi percepisce di più.

Ma come si decide chi è degno di superare il tetto? Il cda, sulla base del piano elaborato dall'ex dg Antonio Campo dall'Orto e presentato in cda dal debuttante dg Mario Orfeo (che ha espresso grande soddisfazione per la soluzione trovata), ha elaborato dei criteri alquanto elastici. E cioè si è stabilito che a deciderlo saranno i vertici di viale Mazzini con «buon senso». Ad avere diritto alla deroga («con adeguata motivazione») saranno i compensi per le prestazioni di natura artistica, per i programmi che consentono una importante raccolta pubblicitaria e per le trasmissioni considerate di alto valore (per esempio la serata dedicata a Falcone e Borsellino). Insomma, in sostanza nella deroga potranno rientrare tutti i professionisti, una quarantina, che sforano il tetto. Ora partiranno le trattative per coloro che sono in scadenza di contratto. In primo luogo, come detto, Fazio (contratto scaduto a giugno), che aveva detto chiaramente di trovare indegno il trattamento riservato a lui e alle altre star («siamo un valore e non un peso per l'azienda»), e aveva fatto balenare l'idea di andarsene. Ora bisognerà vedere se accetterà di perdere una cifra che si aggira tra i 180 e i 360mila euro, anche se per lui il discorso è più ampio, riguarda anche la posizione dei suoi programmi nei palinsesti di Raiuno. Questione complicata anche per Bruno Vespa, giornalista e non artista tout court, il cui contratto prevede un massimale di 1.800.000 in base al numero delle puntate presentate. Il suo programma, Porta a porta, è un ibrido tra informazione e intrattenimento. E pare che così verrà valutato, tenendo in considerazione «l'elaborazione del racconto» (così recita un passaggio del piano) e garantendogli così un alto stipendio. Tra i volti più pagati dovranno trattare le riduzioni Antonella Clerici, Carlo Conti, Massimo Giletti, Luciana Littizzetto, Giancarlo Magalli, Amadeus. Invece il futuro di Insinna in Rai non è ancora chiaro, essendo Affari tuoi fermo ai box.

Se il cda ha cercato di trovare una soluzione al rebus, fuori dalla Rai continuano le bordate: per primo come sempre Michele Anzaldi, deputato Pd, che accusa i vertici di disattendere la volontà del Parlamento. Accusa sostenuta anche da Renato Brunetta, capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati. Sulla stessa linea i deputati del Movimento 5 Stelle. I quali, tramite il capogruppo Roberto Fico chiedono anche che la scelta del nuovo direttore del Tg1, al posto di Orfeo diventato dg, venga fatta attraverso il «job posting interno» con «la massima trasparenza». In pole position c'è Andrea Montanari, attuale direttore del Giornale Radio, al cui posto andrebbe Gerardo Greco.

Commenti
Ritratto di nando49

nando49

Gio, 15/06/2017 - 09:50

Quando si tratta di stipendi da milioni di euro, arrivano le tutele di politici e pseudo politici. Spesso ci fanno vedere personaggi TV ma anche funzionari della pubblica amministrazione che guadagnano molto di più di alcuni capi di stato.

Ritratto di mbferno

mbferno

Gio, 15/06/2017 - 10:05

Se nessuno guardasse più le trasmissioni di questi ipocriti benpensanti di sinistra, vedreste come crollano gli stipendi,altro che tetti,finiscono in cantina....

Ritratto di tulapadula

tulapadula

Gio, 15/06/2017 - 10:42

Meglio cosi. Se si vuole la qualità e programmi in grado di attrarre investimenti pubblicitari bisogna pagare. C'era il rischio concreto di ridurre la RAI come Rete4 da quando è arrivata Mediaset Premium. Programmi scadenti e vecchi film. Che poi servano anche investimenti su programmi di qualità anche se poco "popolari" siamo tutti d'accordo, credo.

Fjr

Gio, 15/06/2017 - 11:07

Facile calare le braghe quando i soldi che beccano sono i nostri ,tanto gli italiani pagano sempre,che massa di pecoroni che siamo

Ritratto di Flex

Flex

Gio, 15/06/2017 - 11:54

Anch'io mi rtengo una "Star" e a tal proposito vorrei mi adeguassero la pensione.

Ritratto di semperfideis

semperfideis

Gio, 15/06/2017 - 12:22

Che simpatici questi politici di sinistra...Si sono comprati con i nostri soldi tutti i TG e programmi politici con questo bel tesoretto...Fazio che farà quellO che si è lamentato COME SEGUE..Fazio (contratto scaduto a giugno), che aveva detto chiaramente di trovare indegno il trattamento riservato a lui e alle altre star («siamo un valore e non un peso per l'azienda»), e aveva fatto balenare l'idea di andarsene. Adesso se ne starà tranquillo ad intervistare i suoi preferiti...rossi come Lui...

Ernestinho

Gio, 15/06/2017 - 12:30

Dovrebbero tutti scende dal piedistallo e vivere come noi comuni mortali!

Ernestinho

Gio, 15/06/2017 - 12:34

Dovrebbero scendere dal piedistallo in cui si sono posti e vivere come noi comuni mortali. E la smettessero di fare prediche insulse!

Ritratto di alfredido2

alfredido2

Gio, 15/06/2017 - 12:36

Finita un'altra farsa di Stato ; per tutti quelli della Casta ed affini nessun sacrificio è ipotizzabile .I sacrifici sono riservati ai pensionati ed agli infermi. Che bel paese !

Ritratto di adl

adl

Gio, 15/06/2017 - 12:47

I FUNZIONARI DI PARTITO SONO SALVI, il PD ha un buco di 9 mln di €, ma il tetto agli stipendi per le STAR delle TELELEOPOLDINE, è derogato, PAGA PANTALONE con canone riscosso in bolletta ENEL. LA VIGLIANZA RAI è come l'ARABA FENICE, che ci sia ognun lo dice dove sia ed a che strac.... serva, nessun lo sa.

Trinky

Gio, 15/06/2017 - 12:56

Bastardi, ladri e farabutti...... quanto versano nelle vostre tasche queste eccellenze? A quando il decoder con scheda per chi non vuol guardare questa TV gestita da farabutti?

leopard73

Gio, 15/06/2017 - 13:20

POI PARLANO DELLA MAFIA questa cos'è se non è mafia?? io devo pagare il canone a questi personaggi?? il bischero ha messo il canone tv. nella bolletta della corrente elettrica una buffonata che neanche il duce l'avrebbe fatta. penso che avranno ancora poco tempo per spremerci questi dittatori della tv e non.

lawless

Gio, 15/06/2017 - 14:20

tra papponi e collusi politicanti la sinistra non si smentisce mai, se non si pagasse la tassa RAI/TV nulla da obiettare, quello che sconforta è l'incoerenza e la presa per i fondelli dei cittadini trattati perennemente da dementi. La percentuale del 10% in meno su stipendi milionari è risibile ma sufficiente a far dire "orgogliosamente" alla sinistra che anche nel comparto radioteleviso il fermo intervento del governo ha contribuito a far risparmiare denaro pubblico.

Ernestinho

Gio, 15/06/2017 - 17:15

Nessun tetto neanche per il "geniale" ed "amichevole" Insinna?