Toninelli non molla: "Siri dovrà dimettersi ​prima del voto in Cdm"

Il ministro Toninelli incalza il sottosegretario Siri e chiede le dimissioni senza il passaggio del voto in Consiglio dei Ministri

I Cinque Stelle continuano a sfidare la Lega. Il caso siri ormai è diventato decisivo per la sopravvivenza del governo. La richiesta di dimissioni arrivata da parte del premier Conte ha acceso un vero e proprio incendio nell'esecutivo. Un attacco che di fatto ha messo con le spalle al muro la Lega che studia già le contromosse. Il ministro Salvini ha già messo al centro dell'agenda di governo la questione fiscale chiedendo un intervento rapido da parte dell'esecutivo per abbassare la pressione delle tasse sulle tasche delle famiglie. Salvini infatti vuole accelerare sul fronte della flat tax e chiede a Conte di sfidarlo proprio sul terreno delle tasse.

Ma di fatto il caso Siri resta comunque sullo sfondo e le parole del ministro alle Infrastrutture, Danilo Toninelli riportano al centro del dibattito il possibile passo indietro del sottosegretario: "Quella su Siri non è né una vittoria né una sconfitta. Non si può gioire se un membro del governo viene giustamente invitato a dimettersi" e "spero che il sottosegretario faccia un passo indietro. Non si può pensare di andare in Cdm per votare le dimissioni. Vedremo cosa accadrà, sicuramente non è il casus belli per cercare la rottura con la Lega", ha affermato Toninelli ai microfoni di Radio 24. Toninelli poi sottolinea la sua posizione e di fatto chiede (ancora una volta) le dimissioni del ministro: "Credo - aggiunge Toninelli - sia giusto anche per lui, perché non poteva più lavorare sereno in un ministero che gestisce il 40% degli investimenti in Italia. Lavori per l'indagine, dimostri la sua innocenza e lo aspettiamo nella squadra di governo". "E' fondamentale dare il buon esempio che il governo sta dando. Se Siri fosse stato un membro dei 5 stelle si sarebbe dimesso. L'immagine deve prevalere, non ci devono essere ombre. Questo buon esempio non deve mancare". Insomma lo scontro resta aperto e a quanto pare i dissidi nel governo sono destinati a durare a lungo...

Commenti

diesonne

Ven, 03/05/2019 - 12:12

DIESONNE TONINELLIN TANTO TUONO' CHE PIOVVE -SABBIA DEL DESERTO

acam

Ven, 03/05/2019 - 12:12

l'ho chiesto poco fa chiedete la sfiducia per incompetenza e vedremo

epc

Ven, 03/05/2019 - 12:14

Quando Toninelli dice che Siri deve "dimostrare la sua innocenza" mostra di avere una concezione fascista della giustizia e dello Stato. Non è Siri a dover dimostrare la sua innocenza, è il PM che deve dimostrare la sua colpevolezza! Questa uscita di Toninelli già di per se stessa sarebbe sufficiente a chiarire come la pensano veramente i grillini. In ogni caso è evidente che, essendo Siri uno dei maggiori sostenitori della TAV in seno al suo ministero, Tonineli vuole farlo fuori solo per questioni interne, e l'indagine o non indagine non c'entra una beata......

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Ven, 03/05/2019 - 12:33

se sarà crisi istituzionale, lo si vedrà. ma intanto gli italiani dovranno, ancora una volta, soffrire per gli errori di questi incapaci !!

TitoPullo

Ven, 03/05/2019 - 12:56

Ehhh....i 5Stalle vogliono la mano libera per bloccare tutto e distribuire la miseria!!

jaguar

Ven, 03/05/2019 - 13:01

Il M5S sta tentando di recuperare consensi in tutti i modi, ma il 26 maggio per loro sarà una Caporetto.

agosvac

Ven, 03/05/2019 - 13:09

Vorrei sapere se c'è un motivo logico per cui Siri si dovrebbe dimettere per un'intercettazione , peraltro poco chiara, che neanche lo concerne perché non è stato fatto il suo nome???

giosafat

Ven, 03/05/2019 - 13:09

Spera che Siri si dimetta per non dover votare da soli, stante la scontata uscita dal cdm della Lega, per la sua cacciata. La paura fa,a volte, più di 90. Basta che Siri resista e i grillini si suicidano.

Trefebbraio

Ven, 03/05/2019 - 13:14

Toninelli! E il tunnel? Toninelli raccontaci quella del tunnel!

Trefebbraio

Ven, 03/05/2019 - 13:15

Quoto epc delle 12:14

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Ven, 03/05/2019 - 13:15

epc - 12:14 Esatto, però con certa gente che ha una concezione coercitiva della giustizia urbi et orbi non vale la pena perdere tempo.

antoniopochesci

Ven, 03/05/2019 - 13:21

Tontinelli dixit: "Siri deve dimostrare la propria innocenza". E pensare che a scuola, magistra vitae, ci avano insegnato che, secondo la Costituzione, vige il principio di presunzione di innocenza. E, nel caso, è chi accusa che deve dimostrare la colpevolezza,non il contrario: infatti onus probandi incumbit ei qui dicit. Ma ormai i grillini stanno ribaltando la Costituzione e lo jus su cui si regge uno Stato di diritto. Quindi, a sostegno di Salvini, soprattutto da parte di chi non lo ha votato, mobilitiamoci non per coprire Siri ( di cui nun me ne frega un tubo ) ma per tutelare principi costituzionali FONDAMENTALI.

mariobaffo

Ven, 03/05/2019 - 14:30

Io non so come penso non lo sapete Voi se Siri è colpevole di qualche reato ,ma dico Attenzione Grullini che vi farete male con le vostre mani.alzare questo polverone con intenzione di riportare consensi.

rosolina

Ven, 03/05/2019 - 14:34

perché si chiama Siri...una follia...

cir

Ven, 03/05/2019 - 14:52

epc : il fatto di far fuori un sostenitore della TAV , gia' condannato per bancarotta fraudolenta , ora in attesa di verifiche per tangenti presunte con la mafia , in forza alla LEGA NORD , (quella di roma ladrona per intenderci) non ti sembra gia' un motivo piu' che sufficiente per starsene alla larga ? Il cotechino mangiatore di nutella ne trarrebbe vantaggio ..sai il leghisti non son poi proprio tutti fessi e di bocca buona.

Ritratto di paràpadano

paràpadano

Ven, 03/05/2019 - 14:55

ecco uno che dovrebbe dimettersi all'istante dopo tutte le cavolate sparate , almeno avesse il buon senso di starsene zitto!

Ritratto di 02121940

02121940

Ven, 03/05/2019 - 15:04

Parla e straparla. Fino a quando? Una vera disgrazia, anche per la nostra salute.