Le torture Usa? In tv sono normali

Le fiction hanno sdoganato da anni le violenze denunciate dal dossier Cia. Che sullo schermo salvano sempre il mondo

New York - Quando Jack Bauer - protagonista della serie tv «24» - minacciava un uomo d'affari serbo infiltrato nella comunità finanziaria americana, spiegandogli come avrebbe forzato uno straccio nel suo stomaco se non avesse collaborato con l'intelligence, il programma segreto di contro-terrorismo della Cia oggi al centro delle più feroci polemiche negli Stati Uniti non era ancora partito. Sarebbero passati anni prima che un quotidiano americano, il Washington Post , ne rivelasse l'esistenza, nel 2005. Eppure, nel mondo della fiction televisiva, quelle pratiche brutali raccontate nei dettagli dalla pubblicazione nei giorni scorsi di un rapporto del comitato intelligence del Senato americano erano accettate da tempo. Waterboarding - tortura ad acqua - interrogatori ghiacciati, l'antica pratica medievale dell'alimentazione rettale, la detenzione in catene in spazi angusti, della dimensione di bare, sono alcune delle modalità di tortura dettagliate dal documento del Senato. E non pochi commentatori, in America, si sono chiesti che ruolo abbiano potuto avere alcune serie tv popolari sulla tolleranza del pubblico statunitense e internazionale nell'accettare tali notizie. Secondo gli studi condotti dal Pew Research Center, nel 2004 il 53% degli americani non giustificava mai o giustificava raramente l'utilizzo della tortura. Nel 2011, la percentuale della popolazione che riteneva la tortura giustificabile in casi di pericolo estremo alla sicurezza nazionale era al 34%.

Per il Washington Post , la tv avrebbe «convinto gli americani che la tortura è ok». Nelle prime cinque serie di «24» , ci sono 67 scene di tortura, ha calcolato il Parents Television Council americano. Lo show ha causato tali controversie che, come ha riportato nel 2007 il New Yorker , il generale di brigata Patrick Finnegan, istruttore dei cadetti della più illustre accademia militare americana, West Point, ha voluto incontrarne i produttori. Ha criticato la serie accusandola di dare una rappresentazione sbagliata dell'efficacia della tortura, di incoraggiare violenze: «I ragazzi - disse dei suoi cadetti - la guardano e dicono: se la tortura è sbagliata, allora 24 ?».

L'infinita saga di Jack Bauer non è l'unica fiction ad aver sollevato questioni. In ogni serie di Homeland ritornano scene di minacce e violenze su interrogati e perfino il capo dei servizi segreti iraniani finisce con un coltello piantato nel palmo della mano per aver rifiutato di collaborare con la Cia. Zero Dark Thirty , la pellicola che ripercorre la caccia e l'uccisione di Osama Bin Laden è costellato da scene di tortura. «Di solito inizio con un trapano», «Mi spiace, perché mi divertirò», dice uno dei protagonisti di Scandal : sta per cavare un dente alla sua futura fidanzata non a Kabul ma a Washington D.C.

Perfino supereroi e personaggi dei fumetti ricreati per il piccolo schermo utilizzano la violenza per estorcere informazioni e Freccia Verde ( «Arrow ») e Flash ( «The Flash ») hanno un diverbio sull'utilizzo della tortura. Anche in questo caso, come nella maggior parte delle serie tv, l'eroe morso dai sensi di colpa tortura suo malgrado per salvare la comunità. Se, come scrive Matt Bai su Yahoo! News , «le serie tv ci hanno convinti che la tortura funzioni davvero», la realtà del rapporto del Senato è molto diversa: le violenze durante gli interrogatori non hanno portato a sventare alcun attacco e le informazioni per arrivare alla cattura di Bin Laden sono state trovate con altri e più civili mezzi

Commenti
Ritratto di stenos

stenos

Dom, 14/12/2014 - 09:55

Il bello delle torture usa, è' che le fanno in altri paesi, in modo da salvaguardare la faccia, nel suolo americano non si tortura perché è' vietato. Se non è' ipocrisia questa.......poi che scannino uno che mette bombe mi sta pure bene.......almeno siano coerenti.....

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Dom, 14/12/2014 - 10:31

In USA vengono giustiziate (DELINQUENTI ) una ventina forse di persone della peggior risma e si grida AL LUPO AL LUPO mentre in cina qualche migliaio e qualche migliaio in altre parti del mondo e si........TACE perch'è va bene così!!!!!!.I terroristi uccidono americani e inglesi e va bene così??????????Sveglia trinariciuti e toglietevi il paraocchi ch'è ora............................

Linucs

Dom, 14/12/2014 - 14:04

Quando la puzza di stato diventa un vero e proprio fetore, inevitabilmente la pratica della tortura fa capolino.

bret hart

Dom, 14/12/2014 - 23:43

il signor obama oltre ad essere un inetto come presidente e anche un falso vorrei vedere se rapissero le sue figlie e qualcuno sapesse dove stanno ma non dicesse nulla lo torturerebbe lui stesso in persona purtroppo questo e un mondo falso e ipocrita dove tutti pensano una cosa ma x il politicamente corretto o x ipocrisia non lo dice W la tortura specie se sono contro la feccia terrorista musulmana

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Mar, 13/09/2016 - 10:09

ma questi torturatori yankees sono i vostri padroni i vostri liberatori dai cattivi questi yankees invece sono buoni e bravi.Abbiamo visto nelle carceri di Abu Grabi in Iraq come sono "democratici"con i cani lupo..

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Mar, 13/09/2016 - 10:10

Invece a Guantanamo gli yankees lo hanno trasformato un paradiso per musulmani delinquenti e non.

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Mar, 13/09/2016 - 10:12

non parliamo di Israele ancora peggio che per estorcere dei nomi nelle carceri picchiano e torturano bambini davanti alle madri le quali per terrore parlano dicendo nomi di innocenti e riempendo sempre di più le carceri di innocenti.