Tramava con Napolitano. Il conto del tradimento arriva dopo sette anni

L'ex leader Fli graziato dalle procure finché Re Giorgio lo ha usato per far cadere Berlusconi

Eppure c'è stato un tempo in cui Gianfranco Fini era considerato un intoccabile, l'asso su cui puntava un'alleanza di poteri (primo tra tutti, l'allora capo dello Stato Giorgio Napolitano) per far fuori il nemico Berlusconi. Un ruolo che avrebbe contemplato una sorta di salvacondotto, che in effetti più volte è sembrato materializzarsi nella (breve) storia di Fini candidato salvatore della Patria (la parabola del traditore, invece, per il centrodestra). Svanito il progetto, sepolte dall'insuccesso le velleità dell'ex delfino senza più esercito né utilità, il fianco è tornato vulnerabile dai pm. Proprio sulla stessa vicenda che invece nel 2010, cioè all'apice del piano politico che vedeva Fini protagonista, era stata archiviata dalla Procura di Roma con la velocità di un lampo, addirittura con l'inedita cortesia di rendere nota l'indagine sulla casa di Montecarlo solo per far sapere dell'archiviazione di Fini, impegnato in un duello feroce con Berlusconi. Le pressioni su un dirigente della Rai (azienda pubblica) convocato nell'ufficio del presidente della Camera per assicurare «un minimo garantito» in Rai al cognato Giancarlo Tulliani, non hanno mai configurato neppure l'ombra della concussione. Semmai, il sospetto di un trattamento di riguardo per un leader investito di una grande responsabilità politica, chiudere la stagione berlusconiana.

Le tracce di una manovra a tenaglia con la magistratura, che nel frattempo martellava il Cavaliere, si era già presentato nel 2009, ben prima della scissione nel Pdl, con il fuorionda di un dialogo tra Fini e il procuratore Nicola Trifuoggi, a cui l'ex leader di An confidava le proprie speranze: «Il riscontro delle dichiarazioni di Spatuzza (il pentito di mafia che aveva tirato in ballo il leader di Forza Italia, ndr)... speriamo che lo facciano con uno scrupolo tale da... perché è una bomba atomica... Lui, l'uomo (Berlusconi, ndr) confonde il consenso popolare che ovviamente ha e che lo legittima a governare, con una sorta di immunità nei confronti di qualsiasi altra autorità di garanzia e di controllo».

Altro tassello più tardi, nel 2011, quando Fini ha già affondato il colpo portando via una quarantina di parlamentari dal Pdl per far nascere «Futuro e libertà». Alla prima convention di Fli, Fini chiede le dimissioni di Berlusconi («La sua condotta è moralmente inaccettabile»), scommettendo sulla linea dura della Procura di Milano sulla vicenda Ruby, che sembrava destinata a sgonfiarsi. E invece la previsione di Fini puntualmente si conferma, una manciata di giorni più tardi, con l'iscrizione del Cavaliere nel registro degli indagati.

Un nuovo fronte indispensabile nella battaglia, visto che in quel dicembre l'attacco finale si era risolto nel nulla, con il clamoroso flop della sfiducia al premier Berlusconi promossa proprio da Gianfranco Fini. La regia ultima, però, è di Napolitano, come testimoniano i finiani di allora. Il braccio destro Fabio Granata: «La sua vicinanza a Napolitano è stata la sua distruzione politica. Fini è stato usato (da Napolitano, ndr) per far nascere il governo Monti e poi non è più servito». Versione confermata dall'ex fedelissimo Amedeo Laboccetta, che ha rivelato quel che gli disse Fini: «Credi che mi muoverei così se non avessi un accordo forte con Napolitano?». Accordo che si palesò con una telefonata, messa in vivavoce da Fini coi suoi, in cui Napolitano lo invitava ad andare avanti nell'operazione di tradimento del governo Berlusconi, raccomandandosi di farlo «con la tua ben nota scaltrezza». Un'occasione unica, che Fini ha perso. Ora gli restano i Tullianos, e gli avvisi di garanzia.

Commenti
Ritratto di Svevus

Svevus

Mer, 15/02/2017 - 11:18

Il sig. Fini è entrato nella discarica della storia politica dimostrando tutte le peggiori caratteristiche del traditore politico. La sua familiarità da congiurato con un ex-comunista è deplorevole.

GUGLIELMO.DONATONE

Mer, 15/02/2017 - 11:54

Speriamo che stavolta la legge si dimostri veramente "uguale per tutti".

paco51

Mer, 15/02/2017 - 12:02

Chissà perché alcuni evitano Verona?

Ritratto di RaddrizzoLeBanane

RaddrizzoLeBanane

Mer, 15/02/2017 - 12:17

InveceSilvio Berlusconi è ancora in pista in attesa di una sentenza da parte della Corte di Giustizia, il cui ridicolo proptrarsi dei tempi, no fa altro che confermare la sua innocenza!..Come ha già ben compreso il 13%-14% degli elettori di FI..destinato ad aumentare considerevolmente sia nel caso di emissione a breve della sentenza sia nel caso di ulteriori imarazzanti ritardi!

Ritratto di llull

llull

Mer, 15/02/2017 - 12:29

Io continuo a chiedermi se Napolitano non si sia reso in qualche modo colpevole del reato di ATTENTATO e/o SOVVERTIMENTO DELL'ORDINE DEMOCRATICO. Possibile che l'obbligatorietà dell'azione penale venga esercitata solo verso i ladri di polli?

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Mer, 15/02/2017 - 12:44

della serie, quando ci si mette a capire che certa gente sbaglia e giudica in modo distorto e malato....

Nedo3000

Mer, 15/02/2017 - 12:47

Che dire ? Godo !

Giorgio Colomba

Mer, 15/02/2017 - 12:52

E quando verrà recapitato "il conto del tradimento" - stavolta per 'alto tradimento del popolo italiano' - a tutti quelli che di Fini(to) sono stati stretti sodali nel golpe per azzoppare il Cavaliere, in primis il già 'laudatore' dei tank in Ungheria, Napolitano?

Ritratto di dr.Strange

dr.Strange

Mer, 15/02/2017 - 13:12

fine miseranda. ne uccide più la gnocca che la spada

nonnoaldo

Mer, 15/02/2017 - 13:27

I traditori prezzolati, come insegna la storia, prima si usano, poi si gettano. La stupidità di Fini è immensa.

tommy1950

Mer, 15/02/2017 - 14:31

per Ilull-Secondo me Napolitano invece dovrebbe essere incriminato per aver plagiato e circuito un incapace.

uccellino44

Mer, 15/02/2017 - 14:53

Ciò dimostra che, di fatto, Fini non ha mai capito nulla di politica e si è limitato solo ad andare a traino di qualche potente! Soprattutto non ha capito nulla dei comunisti o ex tali! Pensava di essere protetto da Napolitano che, affossato Berlusconi, lo ha scaricato perchè non gli serviva più! L'ho detto e lo ripeto: il tradimento, prima o poi, si paga! Chi è colpa del suo mal pianga se stesso (se ci riesce!)...ed io, con cattiveria (giustificata), mi auguro non ci riesca!!

Rolandeagle

Mer, 15/02/2017 - 14:56

Se fossimo buoni diremmo il gatto e la volpe, ma poiché questi due tristi personaggi, ahimè e contro la nostra indole, ci hanno costretti a pensare male dovremmo ora dire: " l'utile idiota e il TRADITORE "...!!!

Ritratto di dardo_01

dardo_01

Mer, 15/02/2017 - 16:34

Poveretti tutti e due!!!

Ritratto di Alberto86

Alberto86

Mer, 15/02/2017 - 16:47

Ben gli sta. Peccato che gentaglia anti-italiana come Napolitano non pagherà mai il conto.

Lotus49

Mer, 15/02/2017 - 16:55

Sig. Fini, Le do un consiglio. Se avesse un soprassalto di dignità residua, per riscattare la viltà commessa, faccia un gesto di coraggio: metta per iscritto, per filo e per segno, come andarono effettivamente le cose in quel 2010, e lo faccia prima che Napolitano tiri le cuoia.

Ritratto di scappato

scappato

Mer, 15/02/2017 - 17:14

@Svevus: "EX" comunista?

peppino51

Mer, 15/02/2017 - 17:21

Qualcuno ha scoperto l'acqua calda?

Dordolio

Mer, 15/02/2017 - 17:37

Ho conosciuto Fini, naturalmente, e andrà ricordato come il peggio del peggio. Avrebbe potuto avere TUTTO. Penna brillante, abile ed instancabile oratore, addestrato bene da Almirante, con ogni probabilità sarebbe divenuto l'erede di Berlusconi, padre nobile dell'ascesa al premierato di un post-fascista. E avrebbe avuto penso una destra unita dietro di sè. E non ce ne sarebbe stato più per nessuno. Non ha saputo aspettare il suo tempo, ha avuto fretta di levare la sedia da sotto il sedere del Cav, si è venduto agli avversari, si è perso dietro alla gnocca, ha perduto tutti quelli che aveva attorno, ha svenduto beni della sua Comunità. La figura di Giuda Iscariota gli si addice appieno. Manca l'albero di fico, per ora.

ESILIATO

Mer, 15/02/2017 - 17:41

Si merita la Tulliani.....

Ritratto di rapax

rapax

Mer, 15/02/2017 - 17:41

ciò conferma il marcio della magistratura istituzione manovrata all'abbisogna dai soliti noti DI PARTE

sesterzio

Mer, 15/02/2017 - 17:48

E' proprio stato un "utile idiota". Ma il tradimento non paga.Prima o poi arriva il conto,e,a volte,è salato. L'invidia e il livore sono cattivi consiglieri e portano a perdere la credibilità di cui uno gode.Costruirsi una reputazione ci vuol tempo ma perderla si fa presto.Si finisce poi nella discarica e nel ludibrio della storia.

Triatec

Mer, 15/02/2017 - 17:49

Certe persone fanno solo compassione e non meritano altro che disprezzo.

blackbird

Mer, 15/02/2017 - 18:46

Non è che Giuda divenne il nuovo Messia! Tutti i traditori vengono usati, poi abbandonati. Giuda riuscì a far arrestare Cristo, Fini non riuscì neppure a far cadere Berlusconi...

giza48

Mer, 15/02/2017 - 18:46

Sono d'accordo con lotus49, dai Fini politicamente sei finito, un processo per la famosa casa avuta in in dote come segretario di AN e passata ai parenti ti aspetta, hai perso ogni onore tradendo Berlusca su ispirazione di Napolitano; tira fuori gli attributi se li hai, racconta tutta la storiaccia, di come venivi protetto magistratura compresa, confessa le trame innominabili contro il governo votato dagli Italiani. Fai questo atto ultimo di dignità prima che il grande burattinaio muoia.

blackbird

Mer, 15/02/2017 - 18:49

Questo personaggio ha denigrato (per non essere scurrili) il Paese infamando il Presidente del Governo! Lui e i PM di Milano hanno dato vita e credito ad un'infamante mantra che, più che Berlusconi, ha infangato e deriso l'Italia intera! Berlusconi assolto, sarebbero dovuti finire tutti quanti a processo per alto tradimento!

onurb

Mer, 15/02/2017 - 18:53

Fine ingloriosa di un personaggio a cui la sinistra aveva fatto credere di essere uno statista. Fini si è dato del cxxxxxxe per l'affare della casa di Montecarlo: in verità, è l'aver creduto alla sinistra che lo rende tale.

Ritratto di trebisonda

trebisonda

Mer, 15/02/2017 - 19:03

C'e' un vecchio detto che dice'Chi si assomiglia,si piglia'questo per dire il fini si innammoro' a suo tempo con una che gli calza a pennello,ambiziosa,amante del danaro e con la voglia di fare la prima donna.Praticamente si e' rovinato con le sue mani.Fini adieu!

piazzapulita52

Mer, 15/02/2017 - 19:09

NON DOVREBBE ESSERCI NESSUNA PIETA' PER I TRADITORI! GIORGIO ALMIRANTE SI STARA' RIVOLTANDO NELLA TOMBA! FINIRA' COMUNQUE TUTTO IN UNA BOLLA DI SAPONE! IN ITALIA CHI PAGA E' SEMPRE IL POVERACCIO! CHE SCHIFO!!!

tuttoilmondo

Mer, 15/02/2017 - 19:11

Ci sono scelte fatali. Ne basta una per andare in rovina. Fini ne ha fatte due. La prima è stata la cancellazione di Alleanza Nazionale, un partito storico, con radici profonde e profondamente italiane. Si può dire ciò che si vuole, ma Alleanza nazionale, nata dal Movimento Sociale Italiano, era il più italiano dei partiti politici. Aveva un base di granito e non poteva che espandersi. Soprattutto in presenza di una invasione del territorio italiano da parte di chi vuole. I suoi colonnelli lo hanno scongiurato di non cancellare il Partito che fu di Almirante. Ma lui ascoltò, piuttosto, Napolitano, un furbo e infido comunista. Il secondo errore è stato quello di tradire l'alleato, gabbato da Napolitano. In pratica Fini incarna il perfetto utile idiota. Traditore, per di più.

paolonardi

Mer, 15/02/2017 - 19:28

Vi meravigliate dell'asse Fini - PD gestito da Napolitano? La filosofia politica a cui ambedue fanno riferimento e' quella socialista di Marx.

Cheyenne

Mer, 15/02/2017 - 19:50

FINI? UNA MONNEZZA COLPA DI GIORGIO ALMIRANTE

semelor

Mer, 15/02/2017 - 21:09

Che misera fine, Fini, se la merita tutta. Questo il prezzo che dovrà pagare per il tradimento.

magnum357

Mer, 15/02/2017 - 22:06

Il peggior politico, insieme a Napolitano, dalla fine della II guerra Mondiale !!!!

federik

Mer, 15/02/2017 - 23:53

Gaucci era più onesto.

Ritratto di bracco

bracco

Gio, 16/02/2017 - 00:08

UNA BELLA NOTIZIA...GODO..GODO E GODO, SPERIAMO FINISCA IN GALERA.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Gio, 16/02/2017 - 00:39

Giusta ricompensa per i traditori.

Craighero Armando

Gio, 16/02/2017 - 07:27

L'articolo è perfetto ma manca , a mio parere, di dare un peso più importante all'azione nefasta del cosidetto presidente emerito. Se quello che ha fatto e disfatto lui lo avesse fatto un cittadino qualunque ed invece che di Berlusconi si fosse trattato di un esponente sinistro, sarebbe già stato accusato di alto tradimento con tutte le piacevoli conseguenze... Vuole scommettere che Fini riuscirà a sfangarla ? sarà sufficiente che minacci di vuotare il sacco (avrà pur preso qualche precauzione)

alby118

Gio, 16/02/2017 - 08:47

E' diventato il simbolo del politico del nuovo millennio, con tutti i suoi lati peggiori.

ilbarzo

Gio, 16/02/2017 - 09:07

Il colmo dei colmi:Il fascista( Fini-to) che se lo è fatto mettere sotto la coda dal comunista golpista Napolitano .Chissà poi cosa gli avrà promesso il vecchio abbindolatore al traditore Fini, pur di far cadere Berlusconi.Forse, o sicuramente la presidenza del Consiglio.Ed il fascista Fini, come un allocco cadde in trappola.Fine di una carriera politica.

ilbarzo

Gio, 16/02/2017 - 09:14

Questo signor verme traditore di Fini,merita quanto meno di essere spogliato di tutti i suoi averi, buttato in un fondo di galera e rimanerci per il resto dei suoi giorni.Una persona del genere non può e non deve stare in mezzo alla società.