Tropea, cittadini autotassati per risistemare il manto stradale

A Tropea un sud da esempio

La stagione turistica è iniziata e i cittadini di Tropea, località più bella e famosa del litorale tirrenico, hanno capito che se vogliono un manto stradale dignitoso devono darsi da fare. È stata lanciata, infatti, la campagna #adottaunabuca e con una donazione di appena 7 euro ogni cittadino può partecipare a migliorare le condizioni del manto stradale. L'idea parte da Paolo Compagnino, proprietario di uno dei più frequentati locali notturni della movida tropeana, che assieme al suo staff ha pubblicato su social network questa provocazione, che è stata però accolta con entusiasmo dai concittadini, finanche da coloro che da tanti anni sono lontani. Con una pioggia di donazioni, anche a distanza, i lavori sono subito iniziati e giorno dopo giorno, nonostante il caldo e il lavoro intenso durante la stagione turistica, i volontari stanno ridando dignità alla perla del Tirreno. In una situazione in cui altri luoghi probabilmente ci si sarebbe solo abbandonati alle lamentele contro la classe politica, ne è nata una sfida fra i cittadini su chi adotta più buche e i lavori si sono spostati dalla periferia al centro storico. Qualche volontario infatti, per le vie del borgo medioevale, ha iniziato a risistemare le basole, facendo sapere che ogni basola risistemata conta ben tre buche adottate.

Quindi gli abitanti di un territorio con bellezze paesaggistiche e storiche da far invidia a qualunque luogo del mondo, non hanno accettato l'abbandono della politica e delle amministrazioni; non è bastata una provincia da svariati anni in dissesto e un'amministrazione comunale fino al mese scorso commissariata per infiltrazione mafiosa e appena riabilitata dalla magistratura, a paralizzare un paese che da decenni è la locomotiva economica di tutta la provincia. Bisognerebbe però chiedersi a Tropea, come in buona parte della penisola, dove siano le amministrazioni e la politica se la cattiva gestione della cosa pubblica costringe i cittadini, che pagano peraltro il gettito fiscale più alto d'Italia, a dover coprire le fosse nelle strade. Ma intanto ecco un sud che, in barba a quel che si dice, è già in cammino, perché la stagione turistica è arrivata e ai milioni di turisti comunque verrà fatta vivere una vacanza che non dovranno dimenticare.

Commenti

01Claude45

Dom, 25/06/2017 - 09:59

Complimenti sinceri alla popolazione di Tropea, per il senso civico e volontà di competere per il proprio benessere, contrariamente ai politucoli che i vari partitucoli impongono.

Ritratto di Adriano Romaldi

Adriano Romaldi

Dom, 25/06/2017 - 10:36

Due casi vorrei citare e portare ad esempio di Amministrazioni. Falconara Marittima retta dal cemtro destra da due lustri e Ancona retta da venticinque lustri dalle sinistre. La prima dopo le lamentele dei Proprietari della Zona industriale che avevano proposto di non pagare le tasse e di asfaltare loro la via principale si sono visti accontentati dall'Amministrazione. Ancona, nonostante le continue lamentele, si trova nelle condizioni di una Città bombardata e si preoccupa soltanto di mettere un cavallo rosso sopra un monumento; siamo alle comiche. Shalòm.

GiovannixGiornale

Dom, 25/06/2017 - 10:40

Grande esempio di vera civiltà, altro che cortei e lenzuola distese per manifestare bla, bla, bla. Del resto, come la mia esperienza personale mi insegna, i cittadini meridionali avrebbero bisogno solo di due cose: infrastrutture potenti per potersi collegare al baricentro economico d'Europa, come l'Italia settentrionale, e limitare al minimo la malavita. Ma per questo ci vorrebbe uno stato vero, non quello italiano.

aldoroma

Dom, 25/06/2017 - 11:14

mentre il nostro governo spende 5 miliardi per i migranti....ed io pago.

agosvac

Dom, 25/06/2017 - 14:36

Questo è sbagliato! Va bene autotassarsi per fare quello che avrebbe dovuto fare lo Stato, ma poi avrebbero dovuto fare causa allo Stato per essere rimborsati!!!!!

peter46

Dom, 25/06/2017 - 15:34

Adriano Romaldi...'santo ragazzo',che ci combini?Normalmente per un commento siffatto ci si domanda:come mai 'uno' si tira una martellata sui cosiddetti'?Dunque...facci comprendere:a Falconara, giunta di cdx,il sindaco è venuto incontro alle LAMENTELE di coloro che erano stati COSTRETTI ad inventarsi il 'digiuno fiscale 'per devolverlo all'asfaltatura di una loro strada:ed accontentati ,certo.Ma sta ca...volo d'amministrazione,dalle stessetasse pagate da quei cittadini,non poteva asfaltarla direttamente come da suo 'dovere'?E magari senza ricorrere alle sole tasse di quei cittadini ma al 'cucuzzaro' generale se il 'problema' era conosciuto?NB:Di quello che fanno gli altri,i sxtri,A NOI,non ce ne può fregar di meno...li abbiamo da sempre 'pesati':sono i nostri che non avrebbero dovuto 'scendere'(qualcuno ci è nato a quel livello ed ha inquinato 'sta parte' ed altri si son fatti inquinare)al loro livello,non credi?

Ritratto di Azo

Azo

Dom, 25/06/2017 - 17:07

Ma scusate, """SE I CITTADINI SI APPRESTANO A QUESTE INIZIATIVE, PERCHÈ DOBBIAMO AVERE UNO STATO, RAPPRESENTATO DA MIGLIAIA DI CIARLATTANI, FANULLONI E NULLAFACENTI, CHE CI COSTANO GIORNALMENTE MILIARDI DI EURO"""???

Anonimo (non verificato)

Italiano-

Dom, 25/06/2017 - 21:09

RIPROVO: La dignità! Altro che ius-soli. Bravissimi

seccatissimo

Dom, 25/06/2017 - 22:56

Bravissimi i cittadini di Tropea, complimenti e tanto di cappello ! Ora dovrebbero pretendere il rimborso spese da parte del Comune. Se non lo ottengono dovrebbero farsi spiegare dal sindaco dove sono andati i soldi delle loro tasse e se la risposta è vaga o insufficiente, defenestrarlo letteralmente, come si faceva ai bei tempi quando il popolo sapeva incazzarsi davvero con gli amminstratori inetti !

Anonimo (non verificato)