Trump dà il via libera: altri 4mila soldati a Kabul

Donald Trump ha autorizzato il Pentagono a decidere autonomamente il livello di presenza militare Usa in Afghanistan con una mossa che apre le porte al dispiegamento di altre 4mila soldati americani a quasi 16 anni dall'inizio delle operazioni statunitensi nel Paese. La notizia è stata confermata da fonti dell'Amministrazione Usa al «New York Times» e da un ufficiale americano al «Washington Post» a pochi giorni dalla strage del 31 maggio nella zona diplomatica di Kabul con un bilancio ufficiale di oltre 150 morti.

La fonte citata dal «Washington Post» ha spiegato come la decisione ricalchi analoghe mosse decise ad aprile per Irak e Siria. Con i nuovi poteri, il segretario alla Difesa James Mattis potrà autorizzare il dispiegamento di ulteriori truppe in Afghanistan, come da mesi chiedono i comandanti militari. La decisione della Casa Bianca è arrivata nello stesso giorno in cui Mattis ha testimoniato alla Commissione Forze Armate del Senato affermando esplicitamente che gli Usa «non stanno vincendo» in Afghanistan, la guerra più lunga degli Stati Uniti. Nel Paese sono dispiegati circa 9mila militari Usa (8.400 secondo il «Washington Post», 9.800 secondo il «New York Times») insieme ad altre migliaia di soldati della missione Nato, compresi gli italiani.