Trump espelle gli immigrati criminali. Ma i giudici lo bloccano

Arriva lo stop alle espulsioni obbligatorie degli immigrati che hanno commesso reati. Ago della bilancia è stato un giudice nominato proprio da Trump

Ancora una volta la Corte Suprema americana mette i bastoni tra le ruote a Donald Trump. Oggi i giudici hanno "bocciato" il presidente degli Stati Uniti sulle espulsioni obbligatorie degli immigrati che hanno commesso reati. È stato, infatti, stabilito che la parte della legge federale, che rende più facile espellere gli stranieri condannati in via definitiva, è troppo vaga. La sentenza è passata un solo voto di scarto. L'ago della bilancia è stato (a sorpresa) Neil Gorsuch che, pur essendo stato nominato dallo stesso Trump l'anno scorso, si è unito nel voto ai giudici più liberali della Corte Suprema.

Continua senza sosta il braccio di ferro tra la giustizia americana e la Casa Bianca. Non appena Trump firma una legge, ecco che la Corte Suprema si muove per bloccargliela. L'ultima bocciatura in ordine di tempo è arrivata oggi con lo stop a una parte di una legge federale che rende più facile espellere gli immigrati condannati per "i crimini violenti" sostenendo che sia "troppo vaga per essere applicata". La decisione della Corte Suprema costituisce uno schiaffo all'amministrazione Trump che sta, invece, spingendo per un inasprimento delle leggi che regolamentano l'immigrazione.

Commenti
Ritratto di zanzaratigre

zanzaratigre

Mar, 17/04/2018 - 18:02

E noi che credevamo che certi giudici li avessimo solo in Italia!

Ritratto di bandog

bandog

Mar, 17/04/2018 - 18:04

uuuahhuaahhuahhhh,ahhh belli capelli,controlla che tra i giudici non si siano imboscate delle toghe rosse italiche|||

Martinico

Mar, 17/04/2018 - 18:07

Bisognerebbe ragionare in maniera differente. Vedere la cosa in modalità Micro per estenderla poi nella condizione sociale. Se hai un ospite che nella tua casa ti offende e ti minaccia cosa fai? Ecco la risposta dovrebbe essere estesa anche oltre nella vita reale di ogni società.

Mannik

Mar, 17/04/2018 - 18:34

Rame, per una sola volta faccia il giornalista e spieghi in modo particolareggiato per quale motivo la legge è stata bocciata.

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Mar, 17/04/2018 - 18:59

Anche loro hanno lo stesso nostro problema?????

Ritratto di Clastidium

Clastidium

Mar, 17/04/2018 - 19:14

ma sulla questione, se è come sembra di aver capito dall'articolo, non ci sono dubbi: i giudici statunitensi preferiscono mettere al gabbio i delinquenti stranieri e lasciarceli il più possibile, perché rispedirli da dove sono venuti significherebbe garantire loro l'impunità. non capisco perché Trump dovrebbe essersela presa e soprattutto mi sfugge il perché anche da noi non facciamo così

Cheyenne

Mar, 17/04/2018 - 19:31

PURTROPPO ORMAI QUESTO SCHIFO TIPICAMENTE ITALICO HA INFESTATO TUTTI I PAESI

nunavut

Mar, 17/04/2018 - 20:17

@ Mannik 18:34 Sempre a cercare il pelo nell'uovo pur di dileggiare gli avversari.Semplice vuole gettare fuori dal suo paese i delinquenti-immigrati clandestinamente e tu pretendi dei distinguo ? Ecco perché l'Italia é resa così male appunto con gente come te.

Ritratto di Leonida55

Anonimo (non verificato)

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mar, 17/04/2018 - 22:12

@Clastidium - pensa invece i tuoi amici come sono furbi, neppure li mettono in cella. Forse è maglio che taci. Scrivi da poco, ma di sxxxxxxxe ne hai già dette molte.

blu_ing

Mar, 17/04/2018 - 22:48

i magistrati soliti cxxxxxxi mondiali

Ritratto di Bar_Abba

Bar_Abba

Mar, 17/04/2018 - 23:35

Se una legge è troppo vaga ca riformulata se no si aprono contenziosi infiniti, col rischio di risarcimenti e lungaggini processuali costose a carico della collettività. Non vedo perché pensare che i giudici vogliano far dispetto a Trump.

pilandi

Mer, 18/04/2018 - 09:21

@Leonida55 se non hai neanche capito cosa ha detto @Clastidium, è inutile che lo insulti, ma noi ti capiamo, sappiamo che 55 è il tuo QI.