Tsipras difende le riforme: "Non tagliamo stipendi e pensioni"

Il premier greco: "I baby assegni andavano ritoccati, Troika o no". Poi pronostica: "Sportelli chiusi anche per un mese"

"Non caliamo gli stipendi e neanche le pensioni, anche se indirettamente con le tasse a l’aumento dell’iva c’è un delle taglio pensioni". Parola di Alexis Tsipras che questa sera ha parlato alla tv nazionale e ha difeso le sue riforme.

"Quando un premier perde un referendum non può rimanere, io mi assumo pienamente mie responsabilità, non ho intenzione di scappare, è mia intenzione far capire al popolo che non ho intenzione di lasciare il paese nella catastrofe", ha aggiunto Tsipras parlando dell'ipotesi di dimissioni. In particolare, il premier greco è apparso deluso dal modo in cui l'Ue ha trattato il referendum, un modo che "non onora l’Europa". "Quando ho fatto il referendum ero convinto che gli europei ci avrebbero dato un po' di tempo", ha detto, "Non sono stati molto buoni, sono stati un po' vendicativi".

Parlando poi dell'accordo, Tsipras sostiene che quello raggiunto è migliore rispetto a quello del 25 giugno: "Prima si parlava di 18 miliardi per 5 mesi e poi un nuovo piano di austerità; ora, dopo il referendum, ci siamo assicurate entrare maggiori e stiamo parlando di crescita". E in ogni caso "la verità è che avremmo dovuto affrontare il tema delle pensioni, troika o no, in un modo o in un altro; non è normale che una persona vada in pensione a 45 anni o che le madri vadano in pensione 15 anni prima dell’età prevista".

E sulle banche ha aggiunto: "La riapertura delle banche dipende dall’approvazione dell’accordo che avverrà in un mese".

Commenti

TonyGiampy

Mer, 15/07/2015 - 00:52

Tsipras: non e' normale che una persona vada in pensione a 45 anni. Ma non e' nemmeno normale che vada in pensione a 70 o a 75 (come sara' in futuro) dopo aver fatto un mazzo da paura!

vince50_19

Mer, 15/07/2015 - 06:27

"Tanto rumore per nulla" Tsipras, credevo avessi sul serio "palle", invece hai calato le braghe (te lo ha detto purre Varoufakis da te allontanato perché "sgradito" alla Troika) e certa accomandita massonica che governa l'Ue, attraverso quanto imposto alla Grecia, ha lanciato un monito ad altri stati che volessero smarcarsi (da questo lerciume predatorio): "Colpirne uno per educare (in questo caso) 25". Infatti gli "educatori" sono Germania e Francia, quello che ha capitolato è la Grecia: totale 28. L'Italia è fortunata: un debito che corre più della mercedes in f1, sicurezza allo sbando, riforme del piffero (Italicum in testa, segue il jobs act in fetore "troikese"), tasse che non calano etc. no, non abbiamo problemi, viviamo su " un'isola felice " dopo l'atto di fedeltà (sottomissione?) del nostro p.d.c. alla kulona. Infine un ulteriore branco di "responsabili" pronti a non far cadere un governo improvvido, illegittimo e prono alla Troika. AFC

linoalo1

Mer, 15/07/2015 - 07:17

Bravo Tsipras!!!!E' così che si fa!!!!Semmai,fatti aiutare da Renzi!!!!Guarda come ha salvato l'Italia!!!!E tu,non vorresti fare altrettanto???I Greci,ti ringrazierebbero eternamente!!!!