Tutte le balle di Di Maio

Fake news a 5 Stelle. Dall’incarico immaginario ai veti infondati su Forza Italia: tutte le menzogne del leader grilllino

I giorni dello stallo passano lenti e uguali e le questioni in campo sarebbero chiare: nessuno ha la maggioranza, o si fa un patto di governo con qualcuno degli ex avversari o nisba, si torna alle urne. O, al massimo, ci si inventa l’ennesima forma di governo non politico. Eppure basta guardare questi semplici fatti con le lenti gialle dei Cinque stelle e, improvvisamente, si entra in una realtà parallela, un mondo in cui le regole della democrazia come le abbiamo conosciute da decenni vengono passate sotto la lente distorsiva di un cumulo di mezze verità o menzogne intere. Evidentemente la religione dell’onestà venerata dai pentastellati non si riferisce all’onestà intellettuale. Sarà quindi meglio ristabilire qualche verità di base, smontando le affermazioni più sballate di Luigi Di Maio e del suo Movimento.

LA VITTORIA

Nei giorni successivi al voto l’M5s ripete come un mantra di «aver vinto in tutta Italia» e, per dimostrarlo, diffonde una cartina del Paese in cui ogni regione è colorata a seconda di chi è il partito che in quell’area ha preso più voti. La cartina è quasi tutta gialla-cinquestelle. È un’elaborazione statistica come un’altra, ma usata in modo distorsivo. Con criterio simile, si potrebbe colorare di rosa ogni regione in cui la maggioranza degli elettori non ha votato per i Cinque stelle, e la cartina ne risulterebbe tutta rosa. L’M5s è andato alla grande ed è il primo partito, ma non ha vinto, se con questo si intende avere una maggioranza sufficiente a governare. Sembrerebbe una cosa ovvia per chiunque, ma evidentemente per gli abitanti di Grillolandia non lo è.

LA VOLONTÀ POPOLARE

«Formeremo un governo rispettando la volontà popolare», ripete Di Maio. Anche da Bruno Vespa richiama l’appello al rispetto della volontà popolare che, secondo lui, impone che sia lui a fare il premier: «Non concepisco il discorso del passo di lato, non saprei cosa dire agli italiani». Evidentemente, per Di Maio la volontà popolare conta solo se riguarda lui. Secondo lui, invece, Berlusconi, il cui nome presente sul simbolo di Forza Italia è stato votato da 4,5 milioni di persone, dovrebbe farsi da parte. Strana concezione della democrazia. È pur vero che 11 milioni di voti dell’M5s da soli sono più di quelli presi da Forza Italia, ma ricevere più consensi non autorizza a ritenere senza valore i voti altrui.

LA LEGGE ELETTORALE

«A causa dell’attuale legge elettorale - spiega Di Maio - nessuna forza politica ha la maggioranza per poter governare da sola». Il Rosatellum non è una bella legge, ma la frase di Di Maio è una bugia. Le simulazioni fatte con ogni altro sistema elettorale in vigore in passato in Italia e all’estero portano all’ingovernabilità. Il maggioritario puro avrebbe dato la maggioranza al centrodestra alla Camera.

LA COALIZIONE

«Io comprendo che la Lega sia all’interno di una coalizione, ma possiamo dirci che questa coalizione è nata solo per il Rosatellum». Anche se le frizioni all’interno del centrodestra conferiscono un’aura di credibilità a questa affermazione, anche in questo caso Luigi Di Maio dice una cosa falsa. Innanzitutto storicamente: l’alleanza tra Forza Italia e Lega ormai è vecchia di oltre vent’anni. Ma basta anche guardare alla realtà attuale: in diverse regioni, dalla Lombardia al Veneto, passando per la Sicilia, alle elezioni si è presentata una coalizione di centrodestra simile a quella nazionale e così anche in centinaia di comuni. E senza Rosatellum.

IL PASSO DI LATO

«C’è solo una soluzione per sbloccare questo stallo e investe Silvio Berlusconi: deve mettersi di lato e consentire la partenza per un governo di cambiamento». È la ricetta di Di Maio per superare lo stallo, coniata come se fosse una verità ovvia, un mero dato logico. Ma in che modo Silvio Berlusconi starebbe impedendo la nascita di un nuovo governo? La realtà è che se Matteo Salvini lo volesse, avrebbe i numeri per sostenere un governo con l’M5s, senza Forza Italia e Fratelli d’Italia. Che siano la fedeltà alla coalizione, o più concrete ragioni politiche (formare un’alleanza con i grillini dalla posizione di forza di leader della coalizione di centrodestra), di sicuro la scelta di non far nascere il governo, finora, è stata liberamente presa da Salvini. E la menzogna, in questo caso, è così fragile che, per dare corpo alla propaganda, interviene Alessandro Di Battista con una fake news: «Spero che Salvini abbia il coraggio di staccarsi da Berlusconi, ma forse non può farlo. Forse ci sono cose che non sappiamo. Si parla di fideiussioni, di quattrini dati alla Lega...». Affermazioni senza prove e senza fondamento, da untore. Anche questa è onestà?

Commenti

vince50

Lun, 16/04/2018 - 21:16

Molto presto i danni.

Nick2

Lun, 16/04/2018 - 21:21

Aspetto in grazia di vedere il "metodo Montecarlo" che voi, ciurma del pregiudicato, userete contro il traditore Salvini non appena abbandonerà la coalizione. Ancora pochi giorni, poi mi divertirò...

Ritratto di onefirsttwo

onefirsttwo

Lun, 16/04/2018 - 21:44

Mr. Marino , ma perché lei è convinto che quelle di Salvini siano verità ? : le ricordo che dalle Alpi a Trapani ci saranno si e no circa 4 persone che dicono la verità . Come , non ci crede ? : provi a controllare nel suo dna e vedrà cosa trova . Yeeeeeeeeeeaaaaaaaaaaaaaaaahhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhh .

fabiano199916

Lun, 16/04/2018 - 21:58

è un metodo simile a quello delle organizzazioni di Soros

manfredog

Mar, 17/04/2018 - 00:11

..be'..le può sempre cuocere (le balle) nel forno del pd, tra un impasto e l'altro può darsi che vengano cotte meglio delle altre, in un forno che, di balle, non prende lezioni da nessuno..!! mg.

Ritratto di 02121940

02121940

Mar, 17/04/2018 - 03:35

Ciò che sembrerebbe ovvio é oscuro per Di Maio, il bimbo di Grillo, che non conosce i congiuntivi e non è stato capace di meritarsi uno straccio di laurea. Un ignorante che vuole farci lezione ed affonda in chiacchiere insulse, con cui può convincere solo chi è ignorante come o più di lui. Indicato come omosessuale da Sgarbi non ha reagito, preferisce tacere, ignorando la sapienza antica che ci insegna che "chi tace acconsente". Non penso che Di Battista sia migliore di lui solo perché sessualmente "NORMALE", ma almeno ha la capacità di seguire una logica, quella che manca al Di Maio insolente, portatore di una chiacchiera sfuggente, che risolve i suoi problemi ignorandoli Solo chiacchiera, buona solo per chi non lo capisce e crede alle sue balle fumose. Quousque tandem abutere, Luiginus, patientia nostra?

Ritratto di Nubaoro

Nubaoro

Mar, 17/04/2018 - 06:01

Ho sempre difeso nogarin, raggi e appendino, attaccati, prima ancora che avessero il tempo di dimostrare o meno le loro capacità, da stampa e magistratura ferite dalla sconfitta elettorale. Ma l'accoppiata grillo di maio è indifendibile; sono dei dilettanti allo sbaraglio, presuntuosi e pronti a rimangiarsi tutto ed il contrario di tutto. Non hanno la minima idea di cosa sia la coerenza e non sembrano proprio in grado di governare alcunchè. Sono come elefanti in una cristalleria ... almeno la democrazia cristiana era guidata da professionisti della politica e con un livello culturale di gran lunga superiore.

forzanoi

Mar, 17/04/2018 - 07:10

ma questa legge elettorale non l'ha votata anche lui? non è stato anche lui a votare contro l'Italicum? con la proposta Renzi avremmo già un governo! ma forse non tutti i mali vengono per nuocere: adesso avremmo sì un governo, ma dovremmo tenerci un tal premier per 5 anni!

Romolo48

Mar, 17/04/2018 - 07:32

@Nick2 ... perchè ti sei lasciato scappare quell'unico neurone che ti girava nella testa? Ora sei un perfetto grillino senza speranza.

Ritratto di siredicorinto

siredicorinto

Mar, 17/04/2018 - 07:46

di battista? Ma chi Cazz'é? Si parla di soldi dati alla lega. Ma chi ne parla? Solo lui . Menzogne, puttanate diffamanti, questao é il loro concetto di democrazia, questo é il modo con cui vorrebbero governare il paese? Incolti, ignoranti, presuntuosi, arroganti ma, soprattutto falsi e disonesti.

Ritratto di bandog

bandog

Mar, 17/04/2018 - 09:24

sono passati oltre 70 anni senza guerra,aspetto fiducioso l'ammucchiata grullini,pdioti e non ultimi comunistardi per assistere con lupini ed un buon vino l'inizio delle nuova!!XD

schiacciarayban

Mar, 17/04/2018 - 09:31

Ieri ho visto Di Maio dalla Gruber. Imbarazzante è la parola giusta! Ho visto il nulla, il vuoto pneumatico, le solite tre frasette ripetute come uno scolaretto, non ha risposto ad alcuna domanda credo che sia l'uomo con meno carisma e personalità al mondo! Ovviamente crede di essere l'unico premier possibile e colui che salverà l'Italia, che paura! Per fortuna che c'è Mattarella e non lo permetterà mai.

hectorre

Mar, 17/04/2018 - 09:33

di maio oltre a torturare la lingua italiana considera la matematica un'opinione...poco importa se il m5s ha il 32% è pur sempre arrivato secondo, sono giustamente soddisfatti del risultato ma il cdx ha raggiunto il 37,5%...e comunque di maio dovrebbe spiegare ai suoi elettori e agli italiani come intende gestire le varie alleanze, un giorno chiede alla lega,poi si rivolge al pd, andrebbe pure con leu ma i numeri non sono sufficienti...sembra più un "purchè si governi"...loro, che fino a ieri consideravano tutta l'altra politica marcia, corrotta e morta!...col pd, ius soli,aumento iva e più europa, in cambio di reddito di cittadinanza???...con la lega, espulsione clandestini, flat tax, combattere contro la burocrazia europea???...se cosí fosse, che senso ha votare m5s?????

Ritratto di deep purple

deep purple

Mar, 17/04/2018 - 10:13

Nick2, onefirsttwo, fabiano, manfrdog. Vi rendete conto delle cavolate che scrivete?

abocca55

Mar, 17/04/2018 - 10:20

Se il buon giorno si vede dal mattino c'è da tremare, perché stiamo vedendo solo ARROGANZA!

gabriella.trasmondi

Mar, 17/04/2018 - 10:49

che tristezza vedere tanti italiani infinocchiati da 5 stalle ... possibile cadere così in basso ? credevo che dopo Renzi fosse impossibile...invece è un precipizio demenziale..