In vacanza con cani e gatti: pronte 15mila case in affitto

Per sconfiggere l'abbandono sono stati selezionati alloggi ad hoc Un sito fornisce tutti gli indirizzi: per l'Italia è un'assoluta novità

Finchè si tratta di andare in vacanza nel classico albergo o pensione, che magari si frequenta da generazioni o del villaggio turistico decantato dagli amici, tutto risulta abbastanza semplice. Se poi si vogliono scoprire nuove mete e si desidera un supporto, nella scelta della «location», ci sono decine di siti on line che riportano recensioni da parte degli utenti, per non trascurare le ancora gettonate guide classiche cartacee, dove il numero di stelle, quello di posate e forchette e ancora la rappresentazione grafica di sontuose abitazioni o modeste palazzine, rappresentano un buon riferimento nella ricerca del posto con il miglior rapporto qualità prezzo.
Quando si cercano invece appartamenti in affitto la faccenda si complica non poco, perché spesso le magagne saltano fuori quando, già disfatte le valige, riposti gli abiti negli armadi e programmato il primo bagno al mare, ci si accorge che dalla doccia non esce acqua o esce solo fredda, che dei quattro fornelli ne funziona bene uno e che il letto risale all'età di Procuste (il vero nome era Damaste) e che forse lui stesso lo ha costruito.
La ricerca può diventare ancora più complicata, se non una «mission impossible» qualora ci accompagni il nostro beniamino a quattro zampe (magari di taglia robusta). Allora sì che son dolori. «Un cane? No signori, mi spiace, io non ho niente contro i cani, ma quelli sporcano, portano malattie, disturbano gli altri clienti e nei nostri appartamenti non entrano». Un classico: figuriamoci se poi il locatario ce l'avesse coi cani!
Non è la sola certamente, ma questa è una delle ragioni che portano proprietari criminali all'abbandono di cani e gatti durante le ferie estive. Anche per contrastare questi tipico fenomeno italiano, il gruppo immobiliare «Solo Affitti S.p.A.» (350 agenzie tra Italia e Spagna dedicate alle locazioni), ha stretto un accordo con E.N.P.A. che prevede la selezione di 15.000 alloggi, in Italia ed Europa, che accettano animali domestici. L'ENPA, attraverso il suo sito vacanzebestiali.org metterà in evidenza le case vacanze, presenti su www.soloaffittivacanze.it, che accettano gli amici a quattro zampe.
La partnership tra «Solo Affitti Vacanze» e Vacanzebestiali.org, prevede la creazione di un logo speciale che certificherà, nella scheda alloggio, quelli disponibili ad accogliere anche gli animali domestici. Molti Paesi europei ci surclassano da tempo, nell'offerta di locali condivisibili con i nostri «pelosi». Rispetto ai 35 mila alloggi offerti da soloaffittivacanze.it, soltanto il 33% accetta pet (animali d'affezione), mentre la solita Germania distanzia tutti con un bel 54%, la Danimarca si pone al 52% e la Croazia al 46%. Sotto il 40% troviamo l'Austria (39%), mentre inferiori a noi, per una volta, sono i grandi Paesi del Nord, Svezia (32%) e Norvegia (29%). I poco amati cugini francesi, che si vantano di essere «pet-friendly» spuntano un magro 31%.
Le regioni italiane che si mostrano più attrezzate nell'accogliere Fido in appartamento, sono la Toscana, con il 50% degli alloggi e l'Umbria con il 41%. Liguria e Sicilia offrono un risicato 26 e 21 % rispettivamente. Dice Marco Bravi, responsabile Comunicazione e Sviluppo dell'ENPA che «offrire ai proprietari di animali la possibilità di sceglierne una per le proprie vacanze è importantissimo per contrastare il fenomeno dell'abbandono estivo». Vero che ci sono anche altre cause, ma quello dell'alloggio è ai primi posti, quindi «chapeau».