Il "vaffa" di Salvini a Renzi censurato dalla Rai

RaiNews24 taglia il collegamento con Piazza del Popolo dopo l'attacco del leader leghista al premier

Un "vaffa" di troppo di Salvini a Renzi e la Rai toglie il collegamento da Piazza del Popolo. Il "No-Renzi day" è scattato ufficialmente alle 15.00, riunendo a Roma il popolo - vecchio e nuovo - della Lega Nord. Alle 16.40, sul palco, ecco salire il segretario federale del Carroccio pronto per il suo discorso, momento clou del pomeriggio, indossando la maglietta "Io sto con Stacchio", il benzinaio che ha sparato a un rapinatore intento a rubargli l'incasso.

Le parole del leader leghista vanno in onda, ovviamente in diretta, su SkyTg24, Tgcom24 e RaiNews24. Salvini definisce il premier "servo sciocco" dell'Europa, una semplice marionetta mossa dai fili dei burocrati di Bruxelles. E quando Salvini, per due o tre volte, pronuncia il nome di Renzi e la piazza risponde in coro "vaffanculo", ci scherza su, provocando il capo del governo: "Perché ogni volta che pronuncio la parola Renzi dite vaffanculo? Quello poi ci resta male, si offende e ci piazza una tassa". Troppo per la Rai: la conduttrice in studio stacca il collegamento con un secco "torniano in studio", lanciando un servizio per oscurare quanto gridato dalla piazza.

Annunci

Commenti
Ritratto di Alberto43

Alberto43

Sab, 28/02/2015 - 18:28

L'autocensura è peggio della censura, chiamatelo pure lecchinaggio il senso non cambia!

SCHIZZO

Sab, 28/02/2015 - 18:29

La fascia protetta la conoscete?!

Ritratto di marino.birocco

marino.birocco

Sab, 28/02/2015 - 18:35

La Rai si è comportata come fate voi con i miei commenti.

Ritratto di OKprezzogiusto

OKprezzogiusto

Sab, 28/02/2015 - 18:46

In collegamento dall'altra piazza c'era una cronista tutta ossequiosa verso i contromanifestanti. Da sberle.

Ritratto di Tora

Tora

Sab, 28/02/2015 - 18:47

Un regime comunista ammantato di perbenismo e cialtroneria. Vxxxxxxxxo!

Silviovimangiatutti

Sab, 28/02/2015 - 18:58

… e si scoprì che la vera minaccia alla democrazia è costituita dai lotizzatori del PD. Altro che Silvio Berlusconi !

COSIMODEBARI

Sab, 28/02/2015 - 19:01

Ebbene la Rai si è sentita trascurata dai vaffa, si è impettita, si è offesa e così ha pensato bene, con un dispettuccio, di entrarci dentro a pieno diritto. Ha staccato, tornando allo studio sulla musica, sempre quella della piazza, con i fischi nelle orecchie

Accademico

Sab, 28/02/2015 - 19:26

Di Vaffa in collegamento Rai ne abbiamo sentiti una còfana in questi ultimi anni, Una volta che parte un Vaffa come si deve, partono i divieti.

Ritratto di Luigi.Morettini

Luigi.Morettini

Sab, 28/02/2015 - 19:57

E poi si continua a negare che alla RAI sono tutti dei leccaculo governativi. SERVI!

gianrico45

Sab, 28/02/2015 - 20:22

Il TGCOM ha fatto di peggio, ha alternato spazi di diretta disordinati e incomprensibili, per dare più spazio alle interviste in studio a politici di serie C.

fer 44

Sab, 28/02/2015 - 21:24

Scusa Franchini, ma dopo aver scritto un articolo, gli dai una rapida riguardata o sei anche tu uno di quelli che riempie il foglio di c@@@@@te senza ritegno? Dove hai trovato che Stacchio " ha sparato a un rapinatore intento a rubargli l'incasso".?????PER FAVORE INFORMATI!!!!!!

Roberto Casnati

Sab, 28/02/2015 - 22:58

Ecco che la coda di paglia di Renzi, e della RAI, si fanno vedere! Ma la RAI non è servizio pubblico? Forse i Leghisti non pagano il canone? RAI siete solo dei fascisti! Degli idioti radical chic che si mascherano dietro un dito! RAI siete una banda di vigliacchi come il governo che vi gestisce! Invito tuttii leghisti ed i manifestanti a non pagare più il canone!

giovanni951

Sab, 28/02/2015 - 23:17

i comunisti sono il cancro della itaglia

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Sab, 28/02/2015 - 23:45

La RAI trinariciuta fa passare solo le ingiurie dell'urlatore folle e censura Salvini. QUESTO SI CHIAMA TOTALITARISMO COMUNISTA. LA RAI È AL SERVIZIO PUBBLICO DEL PD? Italiani, siete così gonzi da dare soldi del canone a questi RAZZISTI?

Adolph

Dom, 01/03/2015 - 02:46

poverina ... tiene famiglia .

Puccettone

Dom, 01/03/2015 - 06:17

Salvini vxxxxxxxxo

Ritratto di Azo

Azo

Dom, 01/03/2015 - 06:45

La RAI, RIMANE IN VITA, PERCHÈ COSTANTEMENTE VENGONO POMPATI, OGNI ANNO MILIARDI DEL DANARO PUBBLICO, PERCIÒ, DEVE "RISPETTARE" IL VOLERE DELLA POPOLAZIONE, E SE LA POPOLAZIONE, DICE VA.....CxxO AL GOVERNO, È PERCHÈ QUESTO GOVERNO SE LO MERITA, PER IL SEMPLICE MOTIVO CHE IN PARLAMENTO E ALLE CAMERE C`È UN COVO DI LADRONI FALSI E CORROTTI, GENTE PERFIDA CHE DEL GIURAMENTO FATTO AL PAESE, NE FA UN ZERBINO PER PxxIRE LE SCARPE.

Atlantico

Dom, 01/03/2015 - 09:27

Voi del Giornale censurate cose che valgono un millesimo di un "vaffa..." ai lettori che scrivono dei post.

Atlantico

Dom, 01/03/2015 - 09:28

Il Giornale sta nutrendo Salvini: Berlusconi ne sarà contento ? Ahahahah

Atlantico

Dom, 01/03/2015 - 09:29

Salvini, vxxxxxxxxo, sei un fascista e ieri lo ha visto tutta Italia.

krgferr

Dom, 01/03/2015 - 10:39

@Atlantico--- Se, come ripeteva mia nonna, il Futuro ed il Destino poggiano sulle ginocchia di Giove, nulla è impossibile, nemmeno che Salvini sia fascista, né che in Italia possa ritornare il Fascismo; a me un po' seccherebbe ma credo che lei non abbia alcun motivo di preoccuparsi se ciò accadesse: da quel che leggo dai suoi scritti penso che, nell'eventualità, lei si troverebbe del tutto a suo agio. Saluti. Piero

Ritratto di Margherita Campanella

Margherita Camp...

Dom, 01/03/2015 - 10:44

Ovvio. In questo paese si può mandare a quel paese soltanto Berlusconi. Grillo organizzò il Festival del Vxxxxxxxxo e nessuno gridò allo scandalo. Anzi, mi pare di ricordare la corsa di tv per trasmettere tutti i Vancuver raccolti. Guai a perderne uno! Trovo questa parolaccia dal sapore estremamente terapeutico. Peccato che essa sia stata rivolta solo a Renzi e ad Alfano.

Silviovimangiatutti

Dom, 01/03/2015 - 21:48

L'Italia: la teocrazia dell'ideologia catto-comunista dove chi consuma la ricchezza della collettività non ha a volontà o le capacità di produrla e chi la produce è destinato a finire sotto le grinfie della magistratura e del fisco.