Veleni Pd: "Renzi in mano a una donna"

L'ex Pd Mineo replica alle accuse di essersi rimangiato le dimissioni: "Lui sa che io so.... La Boschi? In forte ascesa"

Roma - La notizia della vendita all'asta della Leopolda, luogo simbolo dell'ascesa renziana, un giorno sarà forse ricordato come il momento d'inizio della discesa. Fatto sta che Matteo Renzi, per la prima volta da quando è in sella, sente concretamente scricchiolare le fondamenta del suo potere; ed è come se i nemici avessero finalmente compreso quali ne siano i pilastri e come utilizzarne le crepe. In più, i suoi errori: di valutazione e di leggerezza.

Tra questi ultimi, una pagliuzza che rischia di non esserlo. Intervistato da Vespa per il suo ultimo istant-progressive book , Renzi se la prende con Corradino Mineo. Rivela il contenuto di un vecchio sms nel quale il senatore, «disgustato» per una polemica sui «bambini autistici» all'assemblea del partito, gli dice di essere pronto a dimettersi. Renzi maramaldeggia: «Mineo? Un anno fa annunciò le dimissioni da senatore dopo aver offeso in modo squallido i bambini autistici. Disse: “ho sbagliato, me ne vado”. È sempre lì, a spiegare come va il mondo. Al massimo si dimette dal Pd, ma la poltrona non la lascia, per carità». Considerato che sabato prossimo comincia a prendere forma un sommergibile in grado di silurare il potere renziano, la polemica è gratuita, ingenerosa, però ci sta: Mineo, assieme a D'Attorre, Galli e Folino, ieri è uscito dal partito e lavorerà con Fassina a nuovo soggetto che non vuole essere «una Cosa rossa, bensì sarà di radice ulivista».

Stupefacente la reazione di Mineo. «Diciamo che Renzi non ha stile, non si fa scrupoli, rivela conversazioni private. Non ho mai manifestato l'intenzione di dimettermi, se non in quel sms disgustato... ». Qui viene il bello, che Mineo accetta di ripercorrere con il Giornale . «Matteo infanga per paura di essere infangato. Perché sa che io so. So quanto si senta insicuro quando non si muove sul terreno che meglio conosce, la politica contingente. So quanto è roso dai dubbi e quanto possa sentirsi subalterno a una donna bella e decisa. Fino al punto di rimettere in questione il suo stesso ruolo al governo. Io so, ma non rivelo i dettagli di conversazioni private. Non mi chiamo Renzi, non frequento Verdini, non sono nato a Rignano». Chiare le allusioni: all'ascesa della Boschi nel governo e all'interno di quel gruppo di poteri che sostiene la parabola del Fiorentino. Mineo c'è rimasto male, non ne fa mistero. «Ho solo risposto all'uso spregiudicato di un sms privato per insultarmi. Da tempo non ho più nessun rapporto con lui. Ma queste assurde bassezze, dopo quarant'anni di lavoro da giornalista, come se fossi uno attaccato alla poltrona che non la molla, scendono a un livello che ci porta tutti per terra». La «dama bianca», spiega, non ha nulla a che vedere con il gossip (nel passato s'è parlato anche di una liaison tra i due). «Il nome della Boschi lo fate voi giornalisti, anche se è vero - come avete scritto - che è in forte ascesa. Ci sono in politica altre donne belle e decise : quel che rilevo, la subalternità a cui accenno, è però un fatto politico che riguarda Matteo, non altro. Non sto certo parlando di fatti personali. Rilevo ciò che ho potuto osservare in questi mesi: l'indecisione dell'uomo Renzi, la sua subalternità a chi ha sicurezze, forse anche competenze specifiche, che lui non possiede». È un addio al curaro, perché allude in modo esplicito a quel che si muove sotto la facciata del renzismo e di «tutto bene, madama la marchesa». Alla marchesa forse sì. Invece Matteo è un po' «cotto»: a furia di giocar con le allodole, ora rischia di finir impagliato. Come un galletto cedrone.

Commenti

pupism

Gio, 05/11/2015 - 08:59

Non riesco a capire in cosa eccelle la Boschi. Per una riforma costituzionale che farà acqua da tutte le perti che sarà bocciata dal referendum ed oggetto di rilievi da parte della Corte costituzionale....

ortensia

Gio, 05/11/2015 - 09:14

Riassumendo stile bignamino:" cherchez la femme"

Ritratto di Civis

Civis

Gio, 05/11/2015 - 09:26

Sarebbe peggio se fosse succube di un uomo. Poi anche l'occhio vuole la sua parte e questo non lo ha dimenticato e mi sembra che la sua famiglia non ne risenta negativamente. Sono finiti i tempi di Livia e Rosy. Invece mi sembra che si muova con fin troppa cautela nei confronti della Pubblica Amministrazione, visto che di tagli alla spesa se n'è visti un decimo di quanto proposto da Cottarelli. Complice anche la Consulta che reintegra le prebende per tutti i pochi percettori di tanti soldi e i tanti percettori di stipendi medi e sicuri.

paolonardi

Gio, 05/11/2015 - 09:28

Renzi NON e' fiorentino, e' un contadino di Rignano e percio' neanche degno di lucidare le scarpe ad un fiorentino.

michetta

Gio, 05/11/2015 - 09:37

Mineo, il cosiddetto stakanovista rai, HA SCOPERTO L'ACQUA CALDA. Certo, abituato a parlare e sparlare, senza alcuna persona contrapposta, era facile! Vedersi, quasi cacciato da ogni primo posto disponibile, e' come aver subito il peggiore degli affronti! Sapete, lui viene dal profondo sud.....Mi sa, mi sa, che stavolta Renzi abbia fatto benissimo! Tra Mineo ed Alfano, sono ormai classificati "indesiderabili" anche dai sxxxxxxxxxi!

Ritratto di d-m-p

d-m-p

Gio, 05/11/2015 - 09:37

Alla fine son sempre le donne che hanno in mano tutte le situazioni .

Ritratto di mauriziogiuntoli

mauriziogiuntoli

Gio, 05/11/2015 - 09:42

Io amo questo giornale, lo compro, lo vedo anche in web e mi diverto in questo simpatico sfogatoio come fossi al bar o dal barbiere dove di ignoranti analfabeti ce ne sono, ce ne sono.. Un microscopico consiglio, non scadete nel giornalismo del genere anti-cav anche voi, non guardate sotto le lenzuola, lo fanno già Repubblica giornaloni e giornaletti più o meno travagliati. Non è bello, non è elegante. Almeno questo .... in questa povera Italia all'opposizione.

steacanessa

Gio, 05/11/2015 - 09:45

Che degrado sinistro di merenda! Ormai sono alla guerra tra bande.

marcosol

Gio, 05/11/2015 - 09:52

Il garantismo valeva solo per Berlusconi, giusto? massì dai! Renzi e le voci sulla sua vita privata è giusto sbatterle in prima pagina!

antipifferaio

Gio, 05/11/2015 - 09:52

..."da quando è in sella" (renzi)...frase errata. Il piffero non è mai stato in sella in quanto non lo ha MAI VOTATO NESSUNO. Semmai è stato messo d'imperio dal reuccio di Napoli per volontà della Merkel. Quanto al fatto che sta scricchiolando...beh...ormai il suo potere è solo virtuale già da tempo. Basta dire che al sud alla prossime elezioni il pd si estinguerà definitivamente.

carpa1

Gio, 05/11/2015 - 10:09

Renzi in mano alla Boschi? Boschi chi? Se così fosse, a parte che Renzi ha già di suo ampiamente dimostrato di non valere nulla, vuol proprio dire che questa mia considerazione (solo mia???) ha un forte sostegno di veridicità. Speriamo che da lassù qualcuno guardi questa povera Italia, si cummuova e provveda a toglierci dai piedi il più rapidamente possibile sia Renzi che tutti i giovani incapaci del suo reame. E perchè no? Possiamo chiedere che sparisca anche il vecchio becero comunista che ha consentito tutto questo (voglio dire il dopo Berlusconi!)

Ritratto di perSilvio46

perSilvio46

Gio, 05/11/2015 - 10:37

Il pizzino di Mineo denuncia, in modo eclatante, la sostanza essenzialmente mafiosa del PD. I modi, i toni, l'argomento, sono tipici del linguaggio mafioso e spiegano, meglio di un trattato, la dialettica interna del PD: organizzazione non democratica che vive di ricatti. Tra un poco sentiremo un alto esponente PD dire ad un'altro esponete PD " hai davvero un bella famiglia, dei bei figli, una bella casa", e vedremo quest'ultimo sbiancarsi in volto. E questa gente ci governa!

Duka

Gio, 05/11/2015 - 11:05

Ma va la, questo è nelle mani della sua BORIOSITA' delsuo stato di confusa onnipotenza, v.di il JET "personale" ma pagato da tutti noi mentre la gente muore di fame. Già in questo ha dimostrato tutta la sua scarsa intelligenza ed esagerata arroganza. A CASA SUBITO E' GIA' TARDI !!!!!!

Ritratto di Quasar

Quasar

Gio, 05/11/2015 - 11:05

Chi e' quella che ce l'ha in mano !?

cgf

Gio, 05/11/2015 - 11:38

di certo Agnese non è Michelle....

Ritratto di alejob

alejob

Gio, 05/11/2015 - 11:58

Non s'ho se tutti avete avuto una NONNA come la mia, ma quando ero ragazzo mi disse due cose : 1)CONTRO l'IGNORANZA NON CI SONO MEDICINE

Giorgio Rubiu

Gio, 05/11/2015 - 11:59

C'è sempre una donna da qualche parte; mamma,moglie o amante.Ma non è guardando nelle mutande di Renzi che ci libereremo di lui poiché,in questo caso,ci metteremmo allo stesso livello di quelli che guardavano cosa accadeva sotto le lenzuola di Berlusconi.Irrilevante,dal punto di vista politico,ma mezzo risultato utile (grazie ad una magistratura che si è arrampicata sugli specchi per processarlo e condannarlo) per liberarsi dell'avversario.

Efesto

Gio, 05/11/2015 - 12:55

Se Corradino Mineo dovesse soppiantare Renzi cercherò di lasciare questo paese e trasferirmi all'estero. Il Mineo resta comunque una mezza figura come politico, è di idee sorpassate (è vecchio anche l'ulivo), e privo di carisma. Qui ci vuole un soggetto che sappia comandare e che comandi veramente, che sappia vedere quando una inchiesta giudiziaria danneggia il paese, che sappia indirizzare e disciplinare i dipendenti statali, che sappia fare i conti con le autonomie locali, e tanto, tanto altro ancora. Con un'altro ulivo sarebbe la morte. Meglio la scommessa ora in atto, anche se fondata su pochissimo, quasi nulla, ma è sempre meglio di niente.