Vi racconto l'odissea del volo fantasma più pazzo del mondo

L'imbarco per l'Oman era previsto per venerdì sera ma un presunto "guasto elettrico" fa slittare la partenza di oltre 24 ore. E così saltano le ferie...

Il mio posto era il 34 C. Volo Wy0144. Imbarco previsto ore 20.30. Partenza, 21.30. Malpensa direzione Muscat, Oman, punta estrema della penisola arabica. Il boarding pass è ancora nello zaino. Non è stato mai strappato perché su quell'aereo io, mio marito e nostra figlia non siamo mai saliti. Ci siamo arresi. Anzi, mi sono arresa. E stavolta non per colpa della mia paura di volare. Mi sono arresa all'Oman Air. E a un'odissea lunga un giorno. A terra, mica per aria.

La cronaca: alle 18.30 arriviamo in aeroporto, check-in regolare con tre bagagli in stiva. Tutto a posto. Controlli veloci (in famiglia voliamo parecchio, nonostante la mia fobia, e siamo allenatissimi a svuotare tasche, slacciare cinture e passare Olivia, il coniglietto globetrotter della figlia seienne, sotto gli scanner della sicurezza). Solito tour al duty free, caramelle, acqua, una spruzzata di profumo e poi via al gate B6. Sullo schermo nessun ritardo. Una sigaretta al volo nella smoking aerea e poi arrivano le otto e mezza. Tutto l'equipaggio - hostess, pilota, copilota (e pure la moglie del copilota) - è lì che aspetta di salire. Passano i minuti, è già chiaro che non partiremo in orario. Finché la signorina comunica il primo avviso: «C'è un guasto elettrico, stiamo provando a risolverlo. Per le dieci e mezzo vi faremo sapere». Arrivano le dieci e quarantacinque. E il guasto non si risolve.

Eppure, dice l'esperto di aviazione che ho sposato, «l'aereo è un Boeing 787 consegnato alla compagnia lo scorso ottobre». Ma come, nuovo di zecca e già si rompe? Intanto fuori sulla pista non si vede un accidente per la nebbia. Dentro, si creano capannelli fra i compagni di sventura, molti solo in transito a Muscat ma diretti in Thailandia, Singapore o Maldive, e quindi preoccupati di perdere la coincidenza. Girano voci incontrollate: dal più ingegneristico «ho sentito che è un problema di tergicristallo, non funzionano» al sospettoso «pare che il comandante non abbia l'autorizzazione per volare con la nebbia» fino al complottista «forse non vogliono dirci la verità e parlano di guasto tecnico». Arrivano le undici e ancora nulla. Finalmente, il verdetto: si resta a dormire a Milano e domani, chissà. «Le famiglie con bambini piccoli e passeggeri business al gate B6, gli altri al B5». Piccoli parapiglia con chi dribbla la fila per avere prima il voucher e correre a recuperare i bagagli (è stato il baggage claim più veloce della storia di Malpensa). I primi - compresi noi - avranno la fortuna di essere sistemati allo Sheraton dell'aeroporto. I secondi vengono portati con un pullman in un hotel a Rho.

Camera pagata, cena offerta. Non ci possiamo lamentare. Ma da Oman Air nessuna informazione. Nessuna telefonata in camera per comunicare, come era stato promesso al gate, il da farsi per la mattina seguente. Amen. Si mangia, si dorme (solo fino alle 6, perché magari l'aereo è stato sistemato), ci si fa una doccia, si fa colazione e poi via, si torna in aeroporto sentendoci un po' come Tom Hanks in The Terminal. Sugli schermi il volo viene dato in partenza per le 13. Illudendoci, ci mettiamo tutti ad aspettare davanti al check in numero 16. Al desk non si vede nessuno. Passano i minuti, le mezzore. Il personale della Sea, la società che gestisce Malpensa è gentilissimo ma non ha notizie. Arrivano anche due poliziotti per controllare la situazione visto che ci sono trecento persone e i loro bagagli abbandonati fra gli sportelli del Qatar e quelli della Turkish Airlines. Stiamo diventando un problema di ordine pubblico.

All'ufficio della Oman Air c'è una sola impiegata, asserragliata dentro, che non risponde alle domande. Mandando una mail alla compagnia, arriva una risposta automatica: gli uffici sono chiusi per il 1° gennaio. Scrivo un messaggio di lamentele all'account Twitter di Oman Air ma l'ultima loro risposta a un cliente che aveva perso i bagagli è vecchia di due giorni. Tutti spariti come il volo fantasma che ora viene dato in partenza sugli schermi alle 17. Ci consegnano un buono pasto, qualcuno lo usa ma molti sono impegnati a cercare posto su altri voli quasi tutti già pieni, compresa la business.

Alle 14.30 arrivano due gentili dipendenti dell'aeroporto di Malpensa e ci informano che, se vogliamo, possiamo tornare allo Sheraton per riposarci e il volo partirà alle 20. Giusto in tempo per evitare il rimborso totale del biglietto che pare, scatti, quando vengono superate le 24 ore di ritardo. Ma io non mi fido più né di Oman Air né del sultano dell'Oman. Il marito vuole resistere, la figlia seienne non ne può più. Io pure. Vince il partito della resa, torniamo a casa e tanti saluti a Muscat, ai cammelli, al tè nel deserto, ai bagni con tartarughe e delfini, ai datteri e le moschee dorate. Sarà il destino. Sarà il 2016 «anno bisesto, anno funesto». O forse saranno i primi effetti della spending review dell'Oman che a causa del crollo delle quotazioni del greggio, ha annunciato venerdì una maxi manovra all'insegna dell'austerità (meno aerei per tutti?). So solo che sto scrivendo davanti a tre valige piene di magliette, costumi, creme solari, occhiali e boccagli. E che rivoglio indietro le mie vacanze.

Commenti

MassimoR

Dom, 03/01/2016 - 10:03

c'è molto di peggio

Ritratto di V_for_Vendetta

V_for_Vendetta

Dom, 03/01/2016 - 10:25

la prossima volta impari a scegliere una compagnia aerea seria e soprattutto a viaggiare nei paesi civilizzati, non abbiamo rischiato di dover pagare un qualche riscatto. personalmente farei firmare un documeto a tutti coloro che vanno in paesi arabi e africani che in caso di rapimenti il governo italiano non paghera' nulla e nessuno per il loro rientro.

alfa2000

Dom, 03/01/2016 - 10:27

turisti fai da te? no alpitxxr? ahia, ahi, ahi ma poi l'aereo è partito o no entro le 24 ore? senno addio al rimborso

parsifal25

Dom, 03/01/2016 - 11:35

...E io rivoglio i miei 10 minuti di vita che ho perso per leggere questa "cosa"!

ANTONIO1956

Dom, 03/01/2016 - 11:52

Sono d'accordo con V-vendetta chi sceglie certe mete nei paesi a rischio ( e i paesi musulmani sono tutti a rischio nessuno escluso...) accetti i rischi !! Tuttavia, la UE è piena di regole stupide anzi più che stupide direi idiote, possibile che una compagnia che è autorizzata a volare in Europa non debba essere sanzionata per una cosa del genere?? Se gli togliessero la licenza per diciamo 3 mesi vedi poi che si adeguano a servire i clienti come si deve. Un minimo di rispetto ci vuole. Macché... Italia e UE se ne fregano dei diritti dei cittadini ... solo buoni a mettere tasse e a dare sanzioni a chi non sta simpatico agli Americani !!

Ritratto di robergug

robergug

Dom, 03/01/2016 - 13:01

Così impari a voler andare in certi paesi... ringrazia Dio che sei rimasta a casa!

tormalinaner

Dom, 03/01/2016 - 14:07

Così imparate ad andare in vacanza nei paesi arabi.

vince50

Dom, 03/01/2016 - 15:07

La prossima volta anzichè fare gli sboroni,restate in Europa oppure in Italia ancora meglio.

Frusta1

Dom, 03/01/2016 - 15:47

@parsifal25. Simpaticissimo !

cgf

Dom, 03/01/2016 - 17:56

FYI Oman Air e' un 4 stelle piene nella classica Skytrax, ad avere la quinta sono solo altre sette TUTTE ASIATICHE!

Ritratto di tomari

tomari

Dom, 03/01/2016 - 18:13

Potevate scegliere Cercivento di Sopra (Friuli), un bel paesino di montagna. Piuttosto che un paese islamico! E...spendavate mooolto meno!

marcomasiero

Dom, 03/01/2016 - 19:32

amen ! capirai che problema ha questa qua !!!

Ritratto di hernando45

hernando45

Dom, 03/01/2016 - 21:15

NON PUBBLICATO RIPROVO!!!! Cara Camilla(guarda caso lo stesso nome della Veronica Pivetti nelle FICTION) nei miei 20 anni e piu di traversate Atlantiche (una cinquantina) sai quanti casi come il Tuo mi sono capitati??? Ma NON sono stati mai pubblicati sul Giornale!!!! Pax vobiscum.

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Dom, 03/01/2016 - 23:00

ma statevene a casa.

Ritratto di stock47

stock47

Dom, 03/01/2016 - 23:48

Quando le cose non vanno fin dall'inizio, è meglio lasciar perdere, il destino non vuole. Inoltre da quelle parti, sul Golfo Persico, tira aria di guerra. Tra Iran, Arabia Saudita, Cina, Ruassia e Turchia c'è solo da sperare di non beccarsi un missile vagante.

cgf

Lun, 04/01/2016 - 00:01

@tomari A gennaio ci fai le immersioni? mi consigli un diving? scusa, ma uno non può andare dove @zz gli pare? cmq mai e poi mai scambierei una vacanza in Oman con una in Friuli, bello si... ma per tanto così resto a casa.

Silvio B Parodi

Lun, 04/01/2016 - 02:46

Camillaaaa!!!!! ma dovevi proprio andare la????? la prossima volta fai meno la sborona, vai in un paese civile.