Woodcock sotto interrogatorio per sei ore per il caso Consip

Il pm e la Sciarelli accusati di aver fatto filtrare la notizia del fascicolo Consip

Si è concluso, come è iniziato, nel massimo riserbo l'interrogatorio al pm Henry John Woodcock, sentito per sei ore dai magistrati di Roma nell'ambito del caso Consip, lontano dalla sede di Napoli a cui è assegnato.

Woodcock è sotto accusa per violazione del segreto d'ufficio, per informazione legate al fascicolo Consip arrivate alla stampa italiana. Un caso in cui è coinvolta anche Federica Sciarelli, conduttrice di Chi l'ha visto e che deve rispondere per il medesimo reato.

È durato sei ore l'interrogatorio di Woodcock, sospettato di avere fatto arrivare tramite la Sciarelli le informazioni a Marco Lillo, giornalista del Fatto quotidiano, nonostante vigesse il segreto sul fatto che Tullio Del Sette, generale dei Carabinieri, era stato iscritto nel registro degli indagati.

Lillo, la cui abitazione è stata perquisita due giorni fa, aveva scritto della questione il 22 dicembre sulle pagine del quotidiano e il giorno successivo aveva proposto invece la notizia delle indagini a Luca Lotti, ministro dello Sport. Del Sette, Lotti e il generale della Toscana, Emanuele Saltalamacchia, sono sotto inchiesta per favoreggiamento e rivelazione del segreto per aver avvertito i vertici Consip dell'indagine.

La Sciarelli si è difesa nei giorni scorsi dall'accusa di avere fatto da intermediaria. Lillo aveva anticipato la cosa sul giornale.

Commenti

Gasparesesto

Ven, 07/07/2017 - 20:41

Gli uomini con la coppola e l'ermellino . . della Procura di Regime depistano l'indagine CONSIP favorendo i Picciotti di Rignano e Montecitorio !

Giorgio Rubiu

Ven, 07/07/2017 - 21:07

Cane non mangia cane. Un piccolo rimprovero e, se va bene, un trasferimento per dare fumo negli occhi alla popolazione. Poi, Woodcock si farà più furbo e continuerà a passare notizie riservate alla stampa. La volpe perde il pelo ma non il vizio.