Zangrillo promuove la riforma sanitaria di Maroni

La riforma della Sanità del presidente della Lombardia, Roberto Maroni piace ad Alberto Zangrillo, professore del San Raffaele e medico di Berlusconi. I due si sono incontrati nei giorni scorsi e qualcuno sussurra che Maroni lo volesse per il superassessorato a Sanità e Welfare. Zangrillo, uno dei «saggi» consulenti della riforma, si dichiara disinteressato e anzi contrario a mescolare i settori. Ma tesse le lodi di Maroni: «Si muove non per logiche di appartenenza ma di veri valori». L'insidia per la Lombardia è il ministro Beatrice Lorenzin: «Inadeguata e schiava della sanità romana, con i suoi tagli vuole colpire una Regione in cui funziona sia la sanità pubblica che privata».