Politici e imprenditori alla conquista degli Usa

Il viaggio a New York servirà a promuovere arte e prodotti «made in Milano»

«Uniti per promuovere il Sistema Milano». L’assessore al Turismo e Grandi eventi Giovanni Bozzetti sintetizza lo spirito con cui Comune, Provincia e Regione intraprenderanno la missione internazionale a New York da domani a mercoledì 12 ottobre, in occasione dei festeggiamenti del Columbus Day. Non solo un viaggio istituzionale: ad accompagnare i rappresentanti politici, tra cui, oltre a Bozzetti, anche il sindaco Gabriele Albertini e il vicesindaco Riccardo De Corato, ci saranno rappresentanti di Unione e Camera di commercio, Fiera Milano, Assolombarda, Public Utilities (Mm, Aem, ,Atm) e del sistema finanziario e imprenditoriale milanese (tra cui Hines e Citylife). Tutte le parti coinvolte nell’operazione di marketing territoriale messa in moto dal tavolo creato per valorizzare nel mondo le eccellenze della città. «Bisogna dare la scossa a Milano - sostiene Bozzetti -, al di fuori di interessi personalistici: il nostro obiettivo è promuoverla all’estero, incrementare i flussi turistici e attrarre investimenti».
Il calendario degli appuntamenti a stelle strisce è fittissimo, comprende tra l’altro due mostre (una su Leonardo Da Vinci presso la Grand Army Plaza e una sul restauro del Teatro alla Scala presso la Vanderbilt Hall), sfilate di moda e design, incontri con le autorità e la comunità italoamericana, e avrà il suo clou il 10 ottobre, quando anche il Gonfalone del Comune e dieci auto Giulietta Alfa Romeo sfileranno sulla Fifth Avenue alla parata del Columbus Day. Il vicesindaco De Corato incontrerà Steve Witkoff e Scott Alper, responsabili del progetto Pier 57, il molo dismesso che diventerà punto di riferimento della cultura italiana a New York e ospiterà una nuova sede della Triennale di Milano.
La ristorazione milanese, con l’immancabile panettone, saranno protagoniste della cena di gala promossa l’11 ottobre al Rockfeller Centre dalle istituzioni, con 300 invitati fra cui il sindaco di New York Michael Bloomberg. «Lo chef Giancarlo Morelli - racconta il presidente dei ristoratori di Epam, Alfredo Zini - coordinerà i cuochi americani per realizzare il menù e si occuperà personalmente dei dolci: charlotte al panettone con zabaione di mascarpone e gelato al tiramisù. È uno dei simboli made in Milan e da tempo lavoriamo per la sua promozione».