«Poliziotti pestarono i no global alla Diaz»

A sei anni di distanza un poliziotto improvvisamente si ricorda che nella scuola Diaz, durante il G8 del 2001, qualche agente si lasciò andare a pestaggi nei confronti dei no global che si erano asserragliati dentro. Ad ammetterlo è Michelangelo Fournier, in quel periodo vice questore aggiunto del primo Reparto Mobile di Roma, imputato con altri 27 poliziotti per i fatti di quel giorno. «Arrivato al primo piano dell’istituto - ha detto ieri Fournier ai giudici - ho trovato in atto delle collutazioni. Quattro poliziotti stavano infierendo su manifestanti inermi a terra. Sembrava una macelleria messicana». C’è da chiedersi perché Fournier si sia fatto tornare la memoria soltanto adesso tacendo per tanto tempo un simile gravissimo comportamento.