Polli cinesi nel porto di Genova

Il carico era nascosto dentro un container diretto in Toscana

Un grosso quantitativo di alimenti, in particolare prodotti avicoli, importati illecitamente dalla Cina, è stato sequestrato dalla Guardia di Finanza di Genova. Il carico stava per essere depositato in un capannone alla periferia di Prato. Un cittadino cinese è stato denunciato. L'operazione, che prende spunto dall'intensificazione dei controlli delle merci provenienti dalla Repubblica Popolare Cinese e delle attività connesse alla prevenzione dei rischi relativi all'espansione dell' influenza aviaria, è scaturita proprio da un'ispezione avviata dagli uomini del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Genova nei confronti di un carico giunto nel porto del capoluogo ligure.
I militari delle Fiamme Gialle hanno sottoposto ad un accurato controllo la merce racchiusa in un container che, secondo i documenti di viaggio, doveva contenere accessori da cucina. Dall'ispezione è però emerso che dietro al carico di copertura era nascosto un ingente quantitativo di prodotti prevalentemente avicoli (pollame, uova e anatre) destinati ad una società con sede in provincia di Prato.
I Finanzieri, in accordo con la magistratura genovese, hanno deciso di non intervenire immediatamente ma di seguire il carico per giungere all'identificazione dei destinatari e alla localizzazione del deposito.
Il container è stato così regolarmente caricato su un camion che è partito alla volta della Toscana. I finanzieri lo hanno seguito sino a Prato, dove hanno denunciato un cinese.