Polpette avvelenate, 30 animali uccisi: «Sono gesti mirati»

Centocinquanta cani avvelenati, di cui 30 morti negli ultimi dieci giorni, nella provincia di Milano. A lanciare l’allarme l’Aidaa (Associazione italiana per la difesa di animali e ambiente). I Comuni di Pregnana-Rho e Lainate le zone in cui si è verificato il maggior numero di episodi, ma non sono mancate anche le segnalazioni dalla bassa milanese con sei casi ad Abbiategrasso e cinque a testa a Corbetta, Magenta e Marcallo con Casone. Dodici segnalazioni sono arrivate invece da Milano città. «Per quanto riguarda i casi avvenuti a Milano città, le segnalazioni - spiega Lorenzo Croce, presidente nazionale Aidaa - fanno pensare più a incidenti, magari dovuti ai veleni sparsi nei giardini di case private. Diversa la situazione nelle altre zone della provincia, dove pensiamo si possa trattare di gesti mirati».