Poltrone del futuro: ecco i nuovi materiali

Aspetti inediti e suggestivi trasferiti su pezzi d’arredo fino a oggi tradizionali

Albino Boffi

Il mondo delle poltrone singole si è andato allargando in maniera incredibile, abbandonando i vecchi schemi della poltrona che ripeteva le linee del divano. Oggi questo elemento nella casa, nel nostro soggiorno, nella camera da letto, ha preso nuove dimensioni, nuovi colori, ed è realizzato con materiali diversi e accattivanti, creando sensazioni nuove e permettendo, con i suoi volumi di creare composizioni piacevoli e inconsuete, «rompendo» la monotonia di un locale o semplicemente rendendo attuale un ambiente arredato magari con pezzi classici. Il designer francese Jean Marie Massaud con la sua «Truffle» ha inaugurato una nuova generazione di sedute con le Collezioni Porro, in una maniera divertente e certamente controcorrente. La poltroncina è proposta nella versione a terra o rialzata su una base girevole metallica, che le dona una inaspettata leggerezza. Bassa e larga, «Trufle» è un informale passe partout per il relax di una lounge così come per quello della zona notte. La speciale tecnica costruttiva ha permesso di ottenere una seduta molto robusta e resistente tanto da farne anche una perfetta poltroncina da collocare all'esterno. La seduta è in materiale termoplastico, e può essere bianco, nero o verde sempre laccato lucido. La struttura di sostegno è in metallo verniciato alluminio o acciaio inox, ed alza la poltroncina a 59 centimetri, contro i 44 della versione a terra. Il diametro è sempre 110 centimetri. Per ogni informazione Porro Industria Mobili, tel. 031 780237.