Polveri 4 volte sopra i limiti In arrivo le multe della Ue

Pm10 sempre più alle stelle: fra tre giorni «esaurito» il bonus europeo per l’inquinamento. Domani c’è il blocco

Il «bonus» va speso in un anno, Milano l’ha bruciato in poco più di un mese. Nel 2006 sono già 32 i giorni con le polveri sottili oltre la soglia di attenzione. L’Unione Europea concede 35 «superamenti» l’anno con la minaccia (finora rimasta tale) di multare gli Stati inadempienti. Anche per questo, mezza Regione domani andrà a piedi. Alle 8 scatta il blocco totale del traffico.
Smog alle stelle. Giovedì il Pm10 (le polveri sottili) ha raggiunto in città i 220 microgrammi al metro cubo, oltre quattro volte la soglia di attenzione, fissata a 50. L’inquinante è destinato a mantenersi «su valori elevati» anche oggi e domani. Qualcosa potrebbe cambiare a inizio settimana per l’arrivo di venti freddi. E bisognerà capire se il blocco delle auto di domani frenerà la corsa delle polveri.
Strade vietate. Dalle 8 alle 20 nelle vie della città di altri 137 comuni lombardi potranno circolare solo i mezzi ecologici (elettrici, a gpl o metano), gli Euro4 a benzina (nel libretto è indicata la conformità alla direttiva 98/69/CE-B) e i diesel più recenti dotati di filtro anti-particolato (la direttiva di riferimento è la stessa, serve un certificato o la scritta nel libretto che conferma la presenza del filtro). Per informazioni si possono chiamare Regione (840.000.005), vigili (800.368.636 o 02-7727.0398) e Comune (02-8845.3301).
Partita al Meazza. Domani alle 15 a San Siro è in programma Inter-Chievo. Le auto che arrivano dalle tangenziali potranno circolare lungo due «corridoi» dalle 13 alle 15 e dalle 17 alle 18,30. Si potranno percorrere le vie Sant’Elia, Diomede, Ippodromo, Patroclo, fino ai parcheggi dello stadio. Oppure le vie Novara e via San Giusto. La Regione aveva chiesto di posticipare l’inizio della partita ma la Lega Calcio ha risposto che non era possibile per esigenze televisive. Roberto Formigoni e Adriano Galliani hanno discusso ieri del problema. Domenica 26 è in programma da mesi un altro stop al traffico, a San Siro si giocherà Inter-Udinese e potrebbero non essere concessi i «corridoi» come stavolta. «Le squadre discutono di diritti tv, sarebbe giusto inserire la possibilità per Milan e Inter di posticipare gli incontri in caso di blocchi», è l’idea trasmessa a Galliani. Domani, intanto, i tifosi interisti che vivono in città dovranno arrivare allo stadio con i mezzi.
Più bus e treni. Le Ferrovie Nord e l'Atm potenzieranno il servizio nelle ore del blocco. I convogli delle Nord saranno più lunghi, sono previsti nove treni aggiuntivi sulle linee Milano-Varese-Laveno, Milano-Como, Milano-Novara e Milano-Asso. In città circoleranno più mezzi di superficie e metrò. Per potenziare trasporti e informazioni la Regione ha stanziato 88.250 euro. A Milano ne andranno 15mila, 35mila alla provincia.
Proteste e polemiche. Il Pirellone risponde alle lamentele dei panificatori milanesi, arrabbiati per «la decisione di far chiudere i piccoli negozi domani». «Non si capisce di cosa si lamentino, i rappresentanti dei commercianti hanno espresso pieno sostegno alla decisione di fermare le auto. Noi, poi, non abbiamo introdotto variazioni sull’apertura dei negozi».