Pomezia: uccide moglie e cognato dopo una lite

Una violenta lite familiare si trasforma in tragedia. Un allevatore di 47 anni ha imbracciato il fucile e ha ucciso la moglie e il cognato. Restano da chiarire le dinamiche che hanno spinto il
pluriomicida a sparare

Roma - Dopo una violenta lite familiare ha preso il fucile da caccia e ha fatto fuoco contro sua moglie e suo fratelo, uccidendoli. È successo ieri sera a Pomezia, centro alle porte di Roma, dove l’uomo, un allevatore di 47 anni, è stato arrestato dai carabinieri.

Lite familiare degenerata in tragedia
Restano ancora da chiarire le dinamiche che hanno spinto il pluriomicida a sparare. Dalle prime notizie sembra che si sia trattato di una lite familiare degenerata in tragedia.