Ponente ligure e Londra, turismo a confronto

Meglio le fasce terrazzate del Ponente Ligure o la confusionaria efficienza della city di Londra? È un duello a colpi di ricordi e di appunti di viaggio quello che si combatte oggi ai Magazzini Generali di Imperia Oneglia dove - nel corso di Mete a Confronto - verranno presentati al pubblico i libri e i viaggi dell’onorevole ed ex ministro Claudio Scajola e del giornalista Alex Roggero. La manifestazione è dedicata al turismo e allo scambio interculturale con la Gran Bretagna e vede la partecipazione di moltissimi operatori turistici non solo liguri, ma anche piemontesi e, naturalmente, inglesi. Si può fare shopping e bere tè British e non.
In particolare, nei tre giorni di appuntamenti ai Magazzini generali, ex deposito franco di Calata Cuneo a Imperia Oneglia, si terrà il confronto tra due viaggiatori d’eccezione: il presidente del Copaco, Claudio Scajola e il giornalista e scrittore Alex Roggero, tra la Liguria dell’uno e la Gran Bretagna dell’altro.
«Ai confini d’Italia» è un viaggio dinamico nel tempo e nello spazio che un esigente osservatore come Claudio Scajola suggerisce, propone e vive con pieno coinvolgimento verso la sua regione, la sua città e la sua gente. «Questo libro - spiega l’autore nell’introduzione - cresciuto nel tempo, a mano a mano che idee, progetti, riflessioni, discorsi costituivano sempre più una considerevole mole di materiale sul ponente ligure, nasce oggi come atto d’amore nei confronti della mia terra e di riconoscenza nei confronti di tutti coloro che hanno contribuito a renderla una terra straordinaria». Un percorso lungo nella dimensione temporale alla scoperta di una lembo di terra fra Alpi e mare, in quella che la Storia ha sostanzialmente consacrato nei secoli come una grande via di comunicazione europea, vettore di scambi di merci, di uomini e di idee. Ne deriva una lettura attenta e critica di vicende anche lontane, ma sempre sorprendentemente attuali e dense di significato. «Il treno per Babylon» di Roggero, che da trent’anni vive a Londra, è ambientato proprio nella capitale d’oltremanica, città delle trecento lingue ed è una viaggio nei tunnel della mitica underground attraverso i cinque continenti, esplorando i quartieri multietnici della più cosmopolita metropoli del pianeta.