Ponte Ciucci conferma le date: «Apertura nel 2016»

«Bisogna vincere la sfida del Ponte. Auspichiamo anche contributi europei per la sua realizzazione. In Sicilia l’Anas ha in corso investimenti per 1,3 miliardi e la priorità attribuita dall’Ue all’asse Berlino-Palermo, con lo snodo fondamentale del Ponte sullo Stretto, riscopre la centralità del Mediterraneo come area di scambi». Lo ha detto il presidente dell’Anas, Pietro Ciucci, il quale ha anche confermato l’avvio dei cantieri a metà del 2010 e l’apertura del Ponte nel 2016. «Il progetto - ha aggiunto - ha subito un blocco di due anni e siamo ora impegnati in una difficile fase di ripartenza». Ciucci ha precisato che non «bisogna ricominciare da zero», perché «restano validi» tutti i contratti già stipulati. Il top manager ha poi spiegato che il fabbisogno del progetto del Ponte e dei circa 40 chilometri di raccordi, che comprende tra l’altro gli oneri finanziari, gli accantonamenti rischi e gli aggiornamenti dei costi delle materie prime, era stato calcolato in via largamente prudenziale in 6 miliardi.