Il ponte di San Pietro fa scattare l’esodo e le code sul litorale

Stefano Vladovich

Caldo torrido in città, assalto alle spiagge del litorale. Una conseguenza inevitabile per la festa dei santi Pietro e Paolo, nonostante il tempo incerto e il sole quasi sempre velato, che ha bloccato per ore le principali strade verso il mare.
Pontina paralizzata dallo snodo con la via Cristoforo Colombo, in direzione del Raccordo anulare fin dalle prime ore del mattino, via del Mare a rilento dal tunnel di Acilia alla deviazione per l’aeroporto di Fiumicino, code sulla statale Aurelia e lungo le località balneari, Marina di San Nicola, Ladispoli, Santa Severa e Santa Marinella. Litoranea praticamente in tilt fino a tardo pomeriggio dal chilometro 3, Castelfusano, a Torvaianica. Quattro chilometri di coda, oltre il Gra, sull’A1 nella zona di Magliano Sabina.
E per completare il quadro, maxi-retata della Guardia di Finanza lungo gli arenili, a caccia dei «vù cumprà» che affollano stabilimenti e spiagge attrezzate. Non solo. Dopo il ferimento di un automobilista, guerra aperta delle Fiamme Gialle di Ostia ai parcheggiatori abusivi che operano, notte e giorno, davanti ai locali sulla costa.
Risultato del maxi-pattuglione? Quaranta extracomunitari fermati e portati all’ufficio stranieri della Questura per le pratiche dell’espulsione, tra questi 22 denunciati a piede libero per violazione della normativa sulla contraffazione e sulla pirateria audiovisiva, 15 sanzionati perché svolgevano abusivamente il servizio di parcheggio a pagamento (articolo 7 del codice della strada), due denunciati per commercio illegale di sigarette.
Insomma temperature africane e caldo torrido hanno consigliato a oltre mezzo milione di romani una fuga in direzione Ostia beach. Pienone soprattutto a Castelporziano e a Capocotta, le spiagge famose per la macchia mediterranea e le dune dei “poeti maledetti” tra le più economiche dell’intera costa laziale. Relax sotto l’ombrellone, dunque, o nei ristorantini in riva al mare al villaggio Tognazzi come al villaggio dei Pescatori di Fregene, che hanno registrato il tutto esaurito già da mezzogiorno.
Viabilità in tilt a Fiumicino, Comune litoraneo in cui non si festeggiano i santi patroni romani, e che al traffico della giornata lavorativa si è sommato quello dei vacanzieri. Come sempre decine le rimozioni per contrastare la sosta selvaggia sul lungomare della Salute come su quello della vicina «Perla del Tirreno». Sempre a Fiumicino minuti d’ansia per il soccorso di un uomo scivolato dagli scogli nei pressi dello stabilimento «Papaya»: trasportato a Ostia con un’ambulanza del 118, il bagnante è stato medicato all’ospedale Grassi per una ferita lacero contusa.
Dalla società autostrade il quadro della situazione e del controesodo previsto per domenica: rallentamenti in uscita a Roma Est sulla strada dei parchi dell’A24 verso l’Abruzzo e le Marche, grande afflusso di veicoli sulla A12 Roma-Civitavecchia per tutta la mattina di ieri verso le varie località balneari. Disagi all’innesto con la statale 1, via Aurelia, causati dalla carreggiata ristretta, già sottodimensionata per la viabilità ordinaria, in direzione della Toscana. E per il rientro a casa si prevede traffico da «bollino rosso» verso Roma il 2 Luglio nella fascia oraria 17-21. Gli esperti consigliano di informarsi, prima di partire, sulla situazione traffico al call-center di autostrade per l’Italia (840042121) e di sintonizzarsi su Isoradio per avere notizie aggiornate.