Ponte sotto la pioggia Apre la stagione sciistica, ma è allarme frane

Al via le prime partenze dalle grandi
città per il Ponte dell’Immacolata sulla rete stradale, ma non si
attenua per il momento l’ondata di maltempo. traffico intenso sulle principali arterie della Penisola. E la Protezione civile: "Strade secondarie a rischio frane"

Roma - Al via le prime partenze dalle grandi città per il Ponte dell’Immacolata sulla rete stradale, ma non si attenua per il momento l’ondata di maltempo che ha colpito quasi tutta la Penisola. Nelle prossime ore sono previsti rovesci di forte intensità su molte regioni del Centro Nord, con nevicate ad alta quota e su tutto l’arco alpino

Traffico intenso per le partenze Si sta intensificando il traffico sulla rete Autostrade per l’Italia con le prime partenze per il Ponte dell’Immacolata, condizionate dal maltempo al Centro-Sud. Autostrade segnala i flussi di traffico più intensi sull’A1 tra Barberino e Firenze sud in direzione sud, con tempi di percorrenza di circa 2 ore, nel tratto urbano fiorentino, e più a nord all’altezza del bivio per l’A22 del Brennero in direzione nord. Traffico intenso anche sull’A4 tra Milano est e Viale Certosa, tra Milano e Cormano e tra Bergamo e Grumello in direzione Venezia. Aumento della circolazione in uscita dalla Capitale sia verso Roma che in direzione dell’Abruzzo. La società Autostrade raccomanda la massima prudenza alla guida per le piogge insistenti ed il vento forte presenti sulle regioni centro-meridionali e la neve al Confine con l’Austria, sull’A23 tra Pontebba ed Ugovizza, dove si ricorda l’obbligo di catene a bordo o pneumatici invernali. Altre partenze sono previste domani mattina tra le ore 8 e le 13. Gli spostamenti domani saranno favoriti dallo stop dei mezzi pesanti dalle ore 16 alle 22. I flussi di traffico saranno più intensi sull’A1 in uscita dai grandi centri urbani, all’altezza del nodo di Milano per la concomitanza della festa di S.Ambrogio e a Bologna per il Motor Show. Previsto un aumento del traffico anche lungo i tratti autostradali liguri e sull’A27 Venezia-Belluno verso le località di montagna.

rischio frane sulle vie secondarie Sulla strade secondarie delle regioni centrali, dalla Toscana all’Umbria al Lazio e alla Campania c’è il rischio di piccole frane e smottamenti superficiali in seguito alle forti piogge cadute nelle scorse ore. È l’allarme che arriva dal Dipartimento della Protezione Civile, che invita tutti coloro che si metteranno in viaggio nelle prossime ore nelle zone interessate dal maltempo a prestare la massima attenzione alla guida. Gli smottamenti potrebbero interessare in particolare le strade collinari e di montagna. "La perturbazione che si è concentrata su Liguria e Toscana, provocando anche l’esondazione di alcuni corsi d’acqua - dice il responsabile del servizio previsione e prevenzione del Dipartimento, Bernardo De Bernardinis - si sta rapidamente spostando sui versanti tirrenici di Umbria, Lazio e Campania, lasciandosi alle spalle una franosità superficiale". Previste anche ondate di piena per quanto riguarda i fiumi secondari delle regioni centrali.